Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La divisione del lavoro di Gendered nelle società umane ha modellato il comportamento e l'uso spaziali del paesaggio

Traversando, esplorare e pensare allo spazio fa parte di vita quotidiana, se stia scolpendo un percorso attraverso una folla, stia facendo un'escursione una traccia remota o stia manovrando in un punto di parcheggio.

Per la maggior parte di storia dell'umanità, la forza motrice per wayfinding quotidiano ed il movimento attraverso il paesaggio erano un'esigenza di alimento. Ed a differenza di altri primati, le nostre specie ha diviso coerente questo lavoro seguendo le righe di genere.

Nella nuova ricerca pubblicata nel comportamento umano della natura, gli scienziati compreso James Olanda Jones di Stanford e l'autore principale Brian Wood dell'università di California, Los Angeles, sostengono che la divisione del lavoro sempre più gendered nelle società umane durante i 2,5 milione anni scorsi ha modellato drammaticamente come le nostre specie usa lo spazio e possibilmente come pensiamo a questo proposito.

Essere alla base di queste conclusioni è un tesoro trovato enorme e dettagliato dei dati di viaggio che rivelano le differenze rigide negli uomini e nelle donne di modi fra la gente nomade di Hadza dello spazio di uso della Tanzania. Una società contemporanea del cacciatore raccoglitore, il Hadza fornisce una finestra in uno stile di vita altamente mobile, che era la norma per le nostre specie prima dell'approvazione diffusa dell'agricoltura.

“Stiamo catturando le differenze di genere come arreso questo contesto culturale particolare e poi stiamo chiedendo che conseguenze hanno a valle,„ abbiamo detto Jones, un professore associato di scienza di presa di terra al banco di Stanford di terra, energia & scienze ambientali (terra di Stanford) e un membro anziano all'istituto di legni di Stanford per l'ambiente.

Una migliore comprensione di questo dinamico potrebbe rendere le bugne circa perché gli uomini e le donne sembrano pensare diversamente a spazio. La ricerca in molte popolazioni umane suggerisce che gli uomini e le donne siano migliori ai tipi differenti di mansioni spaziali. In media, le donne tendono ad eccellere sulle mansioni spaziali di memoria, mentre gli uomini tendono a segnare più su sulle due misure di base di cognizione spaziale connesse con movimento: rotazione mentale degli oggetti ed esattamente indicare le posizioni distanti.

“Il lavoro maschio più per la navigazione sta sfidando„

Il documento esamina una teoria popolare che la caccia degli uomini per la selvaggina produrrebbe il viaggio più esteso e più sinuoso e che la raccolta delle donne degli alimenti vegetali piombo al concentrato a, viaggio rettilineo a e dalle posizioni conosciute.

Mentre gli sforzi precedenti per confermare la teoria hanno contato molto sui conti verbali, i ricercatori qui la hanno verificata esaminando più di 13.000 miglia degli inseguitori leggeri di GPS aperti la sessione viaggio indossati dai foragers di Hadza fra 2005 e 2018. “Uno o due ricercatore camminerebbe attraverso il campo nelle prime ore del mattino mentre la gente stava suscitando,„ che gli autori scrivono. “Accoglieremmo la gente alle loro case o focolari e distribuiremmo le unità di GPS da durare durante il giorno.„

Intorno al crepuscolo, quando la maggior parte della gente avevano ritornato al campo, il legno e gli assistenti impiegati nella comunità di Hadza ha eliminato le unità. Infine hanno utilizzato i dati da 179 persone, rappresentanti 15 campi e varianti nell'età da due a 84 anni.

Gli autori egualmente hanno esaminato il grado di sovrapposizione negli sbarchi visualizzati dagli uomini e dalle donne. “Uno dei risultati più sorprendenti di questo studio era il fatto che gli uomini e le donne di Hadza essenzialmente occupano i mondi diversi da una giovane età. Nei nostri dati, la maggior parte del paesaggio efficacemente genere-è stato segregato,„ ha detto il legno, un assistente universitario di antropologia al UCLA che ha cominciato a lavorare a questo documento una decade fa come studioso postdottorale a Stanford.

Per analizzare i dati del movimento, i ricercatori hanno adottato le tecniche dal campo dell'ecologia del movimento ed egualmente hanno sviluppato il software personalizzato. Come previsto, gli uomini di manifestazione di risultati hanno camminato più ulteriormente al giorno, coperto più sbarco in percorsi meno diretti ed erano più probabili viaggiare da solo. “In questo contesto della riunione e di caccia, il lavoro maschio più per la navigazione sta sfidando,„ i ricercatori scrive.

Sebbene alcuni viaggi del giorno della persona estendere a 20 miglia o a più, il camice degli uomini di Hadza ha stato in media otto miglia per giorno e donne - molti di loro ha accompagnato dai bambini piccoli - fatti la media quasi cinque miglia. Le differenze di genere sono emerso dall'età di sei. A partire dai mezzo gli anni quaranta, la differenza di genere è diminuito, principalmente dovuto il viaggio diminuente dall'uomo mentre le donne hanno sostenuto più della loro distanza in miglia quotidiana.

Mobilità umana in un mondo di cambiamento

I dati spaziali dettagliati come quelli raccolti in questo studio aiuteranno la ricerca comparativa futura su mobilità umana, secondo gli autori. Ciò tiene la risonanza particolare alla luce di una pandemia che ha forzato le revisioni improvvise dei reticoli normali del movimento e dell'attenzione intensificata ai costi ed i vantaggi delle abitudini spaziali differenti.

Già, il legno ha cominciato ad applicare le lezioni tecniche, logistiche e scientifiche da questa studio ad un nuovo progetto del National Science Foundation destinato per contribuire ad identificare le priorità di polizza e della ricerca per preparare gli Stati Uniti per le pandemie future inevitabili - in parte misurando la mobilità ed i tipi di modello di interazione sociale. “Lo studio su movimento umano può essere usato per identificare le comunità a rischio per la trasmissione e la diffusione di malattia,„ legno spiegato.

Anche quando non siamo in una pandemia, Jones ha detto, attività economica delle unità della mobilità della gente, la coesione sociale ed impatti ambientali. E l'ambiente, a sua volta, comportamento spaziale di forme. Che il ciclo di feedback è al centro di alcuna della migrazione interna modella già l'emergenza come risposta a riscaldamento globale. Poichè gli eventi una volta rari del tempo diventano ordinari, Jones ha spiegato, lavoratori migratori probabilmente viaggierà distanze più lunghe per lavoro; più gente si impegnerà nella migrazione stagionale per continuare il lavoro agricolo o uragani e siccità di fuga ed i raccolti scarsi guideranno i residenti più rurali alle aree urbane.

La mobilità cambiante sta andando essere uno dei modi chiave che gli esseri umani adattano ad un mondo heated. Conoscere più circa le differenze di genere ed altri driver per i comportamenti spaziali attraverso un'ampia banda delle popolazioni umane e dei contesti ecologici ci aiuterà ad anticipare come questo adattamento giocherà fuori ed informerà le polizze per gestirlo.„

James Olanda Jones, professore associato di scienza di presa di terra, Stanford

Source:
Journal reference:

Wood, B.M., et al. (2021) Gendered movement ecology and landscape use in Hadza hunter-gatherers. Nature Human Behaviour. doi.org/10.1038/s41562-020-01002-7.