Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo consorzio mira a stabilire i più grandi dati di patologia per avanzare l'intelligenza artificiale

Un nuovo consorzio dell'iniziativa innovatrice delle medicine di UE (IMI) mira a stabilire il più grande database delle immagini di patologia per accelerare lo sviluppo di intelligenza artificiale nella medicina.

Per catturare lo sviluppo di AI in patologia al livello seguente, un consorzio europeo che combina i centri di ricerca europei principali, ospedali come pure industrie farmaceutiche importanti, sta andando sviluppare una repository per la divisione dei dati di patologia. Il di sei anni, i progetti €70 milione chiamati BIGPICTURE, annunzierà una nuova era in patologia.

La patologia è la pietra angolare del workup di molte malattie quale cancro, malattie autoimmuni, di seguito dopo trapianto ed è egualmente critica per la valutazione della sicurezza delle droghe. Ha in base all'esame dei campioni di tessuto (diapositive) sotto il microscopio. Tuttavia, malgrado il suo ruolo fondamentale, ancora conta molto sull'interpretazione qualitativa da un patologo qualificato.

Mentre il microscopio simbolizza la professione, la digitalizzazione delle diapositive negli ultimi anni ha bruciato un giro di motore: non solo le immagini possono ora essere divise ed acceduto a dalle posizioni distanti, possono anche essere elaborate dai computer.

Ciò apre la porta affinchè le applicazioni di intelligenza (AI) artificiale assista le malattie di studio di guida e del patologo, per trovare i migliori trattamenti e per contribuire al 3Rs (sostituisca, diminuisca e raffini l'uso animale nella ricerca).

Tuttavia, lo sviluppo delle applicazioni robuste di AI richiede un gran numero di dati, che nel caso dei mezzi di patologia una collezione enorme di diapositive digitali ed i dati medici necessari per la loro interpretazione.

La divisione dei questi ha provocatorio finora rimanente dovuto la capacità di archiviazione di dati richiesta di ospitare un'ampia raccolta sufficiente ed alle preoccupazioni per quanto riguarda il carattere confidenziale delle informazioni mediche.

Per permettere lo sviluppo veloce di AI in patologia, il progetto di BIGPICTURE mira a creare il primo europeo, etico e GDPR-compiacente (regolamento generale di protezione dei dati), a piattaforma controllata a qualità, in cui entrambi i dati su grande scala e gli algoritmi di AI coesisteranno.

La piattaforma di BIGPICTURE sarà sviluppata in un modo sostenibile ed incluso connettendo le comunità dei patologi, dei ricercatori, dei rivelatori di AI, dei pazienti e dei partiti dell'industria.

Il progetto è diviso in quattro aspetti principali che interessano la raccolta dei dati su grande scala. In primo luogo, un'infrastruttura (hardware e software) deve essere creata per memorizzare, dividere ed elaborare milioni di immagini che possono essere gigabyte ciascuno. In secondo luogo, i vincoli legali ed etici devono essere stabiliti per assicurare l'uso adeguato dei dati mentre completamente rispettano la segretezza e la riservatezza dei dati del paziente.

Poi, un insieme iniziale di 3 milione diapositive digitali dagli esseri umani e gli animali da laboratorio saranno raccolti e memorizzati nella repository per fornire i dati per lo sviluppo degli strumenti di AI di patologia. Per concludere, le funzionalità che aiutano l'uso del database come pure il trattamento delle immagini per gli scopi della ricerca e di sistema diagnostico, saranno sviluppate.

BIGPICTURE è un partenariato pubblico-privato costituito un fondo per da IMI, con la rappresentazione dalle istituzioni accademiche, piccole e medie imprese (PMI), le organizzazioni pubbliche e ditte farmaceutiche, insieme ai partner di contributo di una diapositiva della grande rete. I partner del consorzio coinvolgere nel progetto sono: