Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il trapianto fecale sormonta la resistenza ad immunoterapia nei pazienti del melanoma

I ricercatori al centro del Cancro di UPMC Hillman ed all'istituto nazionale contro il cancro (NCI) dimostrano quello che cambia il microbiome dell'intestino possono trasformare i pazienti con il melanoma avanzato che non ha risposto mai ad immunoterapia; quale ha un'incidenza guasti di 40% per questo tipo di cancro; nei pazienti che fanno.

I risultati di questo test clinico di fase II di prova-de-principio sono stati pubblicati oggi online nella scienza. In questo studio, un gruppo dei ricercatori da UPMC Hillman ha amministrato i trapianti fecali di microbiota (FMT) e l'immunoterapia anti-PD-1 ai pazienti del melanoma che avevano venuto a mancare tutte le terapie disponibili, compreso anti-PD-1 e poi avevano tenuto la carreggiata i risultati clinici ed immunologici. I collaboratori al NSC hanno analizzato i campioni del microbiome da questi pazienti per capire perché FMT sembra amplificare la loro risposta ad immunoterapia.

FMT è appena mezzi ad un'estremità. Conosciamo la composizione del microbiome- intestinale; batteri dell'intestino; può cambiare la probabilità di risposta all'immunoterapia. Ma che cosa sono 'buoni batteri? Ci sono circa 100 batteri di trilione intestini e 200 geni più batterici di volte nel microbiome di una persona che in tutto delle loro celle un.„

Diwakar Davar, M.D., autore del Co-Cavo, oncologo e membro medico del programma di immunologia e di immunoterapia del Cancro (CIIP), UPMC Hillman e assistente universitario di medicina, università di scuola di medicina di Pittsburgh

Il trapianto fecale offre un modo catturare una grande selezione dei microbi del candidato, verificante i trilioni immediatamente, per vedere se avere “i buoni„ batteri a bordo potrebbe rendere più gente sensibile agli inibitori PD-1. Questo studio è fra il primo per verificare quell'idea in esseri umani.

Davar ed i colleghi hanno raccolto i campioni fecali dai pazienti che hanno reagito straordinario bene ad immunoterapia anti-PD-1 ed hanno provato ad agenti patogeni contagiosi prima di dare i campioni, con la colonoscopia, ai pazienti avanzati del melanoma che mai non precedentemente avevano risposto ad immunoterapia. I pazienti poi sono stati dati il pembrolizumab della droga anti-PD-1. Ed ha funzionato.

Su 15 ha avanzato i pazienti del melanoma che hanno ricevuto il trattamento combinato FMT e anti-PD-1, sei ha mostrato la riduzione del tumore o la stabilizzazione di malattia che dura più di un anno.

“La probabilità che i pazienti curati in questa prova risponderebbero spontaneamente ad una seconda amministrazione di immunoterapia anti-PD-1 è molto bassa,„ ha detto lo studio Hassane co-senior Zarour autore, M.D., un immunologo del cancro e co-dirigenti del CIIP a UPMC Hillman come pure un professore di medicina a Pitt. “Così, tutta la risposta positiva dovrebbe essere attribuibile all'amministrazione di trapianto fecale.„

L'analisi dei campioni prelevati dai destinatari di FMT in questo studio ha rivelato i cambiamenti immunologici nel sangue ed ai siti del tumore che suggeriscono l'attivazione aumentata delle cellule immuni in radar-risponditore come pure l'immunosoppressione aumentata in non radar-risponditore. L'intelligenza artificiale ha collegato questi cambiamenti al microbiome dell'intestino, probabilmente causato da FMT.

Davar e Zarour sperano di eseguire una più grande prova con i pazienti del melanoma come pure di valutare se FMT possa essere efficace nel trattamento degli altri cancri. Infine, il loro scopo è di sostituire FMT con le pillole che contengono un cocktail dei microbi più utili per immunoterapia d'amplificazione; ma quello è ancora parecchi anni di distanza.

“Anche se molto lavoro resta fare, il nostro studio solleva la speranza per alle le terapie basate microbiome dei cancri,„ ha detto Zarour, che tiene il James W. e Frances G. McGlothlin Chair nella ricerca di immunoterapia del melanoma a UPMC Hillman.

Source:
Journal reference:

Davara, D., et al. (2021) Fecal microbiota transplant overcomes resistance to anti–PD-1 therapy in melanoma patients. Science. doi.org/10.1126/science.abf3363.