Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La diminuzione dell'obesità può impedire fino alla metà di nuovo tipo - 2 casi del diabete

La diminuzione della prevalenza dell'obesità può impedire fino alla metà di nuovo tipo - 2 casi del diabete negli Stati Uniti, secondo la nuova ricerca pubblicata oggi nel giornale dell'associazione americana del cuore, un giornale di accesso aperto dell'associazione americana del cuore. L'obesità è un contributore importante al diabete ed il nuovo studio suggerisce che gli sforzi adattati siano necessari diminuire l'incidenza del diabete in relazione con l'obesità.

Il diabete di tipo 2 è il modulo più comune del diabete, pregiudicante più di 31 milione Americani, secondo il centri per il controllo e la prevenzione delle malattie degli Stati Uniti. I fattori di rischio per il diabete di tipo 2 includono essere di peso eccessivo o avere obesità; essendo sopra l'età di 45; avendo un membro della famiglia immediato diagnosticato con il diabete di tipo 2; essendo meno di 3 volte fisicamente attive alla settimana; o una cronologia di diabete gestazionale (diabete durante la gravidanza). Il diabete di tipo 2 è più comune fra la gente che è nera, latino-americano o latino, indiano americano, nativo dell'Alaska, isolano pacifico o americano asiatico.

Il numero delle morti dovuto il diabete di tipo 2 nella gente più giovane di 65 sta aumentando con le complicazioni serie del termine, compreso le amputazioni e le ospedalizzazioni. Inoltre, il diabete di tipo 2 urta la malattia di cuore ed il rischio del colpo: gli adulti con il diabete di tipo 2 sono due volte probabili avere un attacco di cuore o segnare che la gente senza diabete.

Il diabete di tipo 2 può essere impedito o ritardato con i cambiamenti sani di stile di vita, quale peso perdente, mangiando l'alimento sano ed essendo fisicamente attivo. Secondo il programma nazionale di prevenzione del diabete, i cambiamenti di comportamento sono stati indicati per aiutare la gente con i prediabetes a perdere 5% - 7% del loro peso corporeo ed a diminuire il loro rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 da 58% (71% per la gente più vecchia dell'età 60). I ricercatori hanno esaminato il rischio di eccesso e di prevalenza di diabete di tipo 2 connesso con l'obesità.

Il nostro studio evidenzia l'impatto significativo che diminuire l'obesità potrebbe avere sulla prevenzione del diabete di tipo 2 negli Stati Uniti. L'obesità diminuente deve essere una priorità. Gli sforzi di salute pubblica che supportano gli stili di vita sani, quale accesso aumentante agli alimenti nutrienti, promuovendo l'attività fisica e sviluppando i programmi della comunità per impedire l'obesità, potrebbero diminuire sostanzialmente i nuovi casi del diabete di tipo 2.„

Natalie A. Cameron, M.D., primo autore di studio, medico residente di medicina interna, centro medico di McGaw, Northwestern University, Chicago

I ricercatori hanno usato le informazioni dallo studio Multi-Etnico su aterosclerosi (MESA) e su quattro cicli riuniti (2001-2016) dell'indagine nazionale dell'esame di nutrizione e di salubrità (NHANES). La MESA è uno studio in corso e longitudinale di 45 all'84enni che non ha avuto malattia cardiovascolare sopra assunzione. I dati di MESA inclusi in questo studio sono stati raccolti durante le cinque visite dal 2000 al 2017 a sei centri attraverso gli Stati Uniti NHANES sono uno studio rappresentativo della popolazione americana che ha luogo ogni due anni facendo uso dei questionari pazienti e dei dati dell'esame.

Per questa analisi, gli autori hanno limitato i dati alle età dei partecipanti vecchio 45 - 79 anni. Hanno incluso soltanto coloro che era bianco del non Latino-americano, il nero del non Latino-americano o Messico-Americano e che non hanno avuti il tipo 1 o diabete di tipo 2 all'inizio dello studio. I ricercatori hanno calcolato sia la prevalenza dell'obesità che il rischio in eccesso di diabete di tipo 2 connesso con l'obesità.

I risultati dello studio includono:

  • Fra i partecipanti di NHANES, la prevalenza globale dell'obesità aumentata da 34% a 41% ed era coerente più alta fra gli adulti con il diabete di tipo 2.
  • Fra i partecipanti di MESA
    • circa 1 in 10 (11,6%) ha sviluppato il diabete di tipo 2 dopo nove anni.
    • La gente con l'obesità era quasi tre volte probabili sviluppare il diabete di tipo 2 confrontato a quelli senza obesità (20% contro 7,3%, rispettivamente).
  • Sia nei gruppi di NHANES che di MESA:
    • L'obesità è stata collegata allo sviluppo del diabete di tipo 2 in 30 - 53% dei casi.
    • una maggior percentuale di partecipanti con l'obesità ha avuta un reddito annuale della famiglia di meno di $50.000 ed erano più probabili essere il nero o Messico-Americano del non Latino-americano.
    • La prevalenza dell'obesità era il più basso fra le femmine bianche del non Latino-americano, tuttavia, questo gruppo ha avvertito il più alto diabete di tipo 2 in relazione con l'obesità.

“Il nostro studio conferma là è un'più alta prevalenza dell'obesità fra gli adulti del nero del non Latino-americano e gli adulti messico-americani confrontati agli adulti di bianco del non Latino-americano. Sospettiamo che queste differenze possono indicare i fattori determinanti sociali importanti di salubrità che contribuiscono ai nuovi casi del diabete di tipo 2 oltre all'obesità,„ dice Cameron.

“Ulteriormente, l'epidemia dell'obesità si è scontrata con la pandemia COVID-19,„ dice Sadiya S. Khan, M.D., M.Sc., l'autore senior dello studio e un assistente universitario di medicina e di medicina preventiva alla scuola di medicina del Feinberg dell'università Northwestern. “La maggior severità dell'infezione COVID-19 in persone con l'obesità sta interessando a causa del carico crescente delle conseguenze che avverse di salubrità potrebbero sperimentare nei prossimi anni; quindi, ulteriori sforzi sono necessari aiutare più adulti ad adottare gli stili di vita più sani ed eventualmente a diminuire la prevalenza dell'obesità.„

Questa analisi ha incluso soltanto di mezza età agli adulti più anziani senza malattia cardiovascolare che erano bianco del non Latino-americano, il nero del non Latino-americano o Messico-Americano, in modo dai risultati non possono essere generalizzabili all'intera popolazione degli Stati Uniti. La ricerca futura è richiesta per valutare il carico dell'obesità sui nuovi casi del diabete di tipo 2 in altre fasce d'età e razziale e nei gruppi etnici.