Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lezioni imparate a partire dalla stagione annuale di influenza

I ricercatori australiani hanno fornito due raccomandazioni chiave dagli studi sulla stagione annuale di influenza - una che evidenzia i vantaggi dei antivirals nella diminuzione dell'ospedalizzazione di ripetizione e l'altra per guardare per la malattia cardiovascolare di fondo.

Mentre il mondo mette a fuoco sul numero di vittime aumentante COVID-19, l'influenza stagionale continua a causare la mortalità significativa e posa un carico economico significativo ogni anno.

Gli studi australiani del sud, intrapresi a due ospedali metropolitani importanti di addestramento fra gennaio 2016 e marzo 2020, hanno raccolto i dati da 1.828 pazienti adulti (età media intorno a 66) che sono stati ospedalizzati con influenza A e B.

I ricercatori hanno confrontato i risultati per i pazienti che hanno fatto e non hanno catturato il Oseltamivir antivirale in 48 ore dell'ammissione all'ospedale.

Lo studio in giornale internazionale delle malattie infettive descrive come l'amministrazione in anticipo di Oseltamivir sembra diminuire 30 riammissioni del giorno ed anche diminuire la lunghezza della degenza in ospedale, sebbene non abbia diminuito la mortalità dei 30 giorni.

Il nostro studio sviluppa prima possibile un argomento convincente per l'uso di questo trattamento nei pazienti sospettati di influenza.„

Dott. Yogesh Sharma, ricercatore del cavo

Nel 2017 c'erano le 29.000 ospedalizzazioni in relazione con l'influenza e 745 morti dovuto influenza in Australia. Tuttavia, distanziare del sociale ed altri regolamenti con COVID-19 probabilmente hanno contribuito a diminuire l'inverno scorso il carico sul sistema ospedaliero.

Il Dott. Yogesh Sharma del ricercatore del Flinders, che è un consulente in materia senior e un professore di seconda fascia del centro medico del Flinders in Flinders University, dice un altro studio sui dati, recentemente pubblicato in un altri cuore & sistema vascolare del giornale internazionale IJC, potrebbe dirigere la gestione futura dei pazienti di influenza in un altro modo.

“Il nostro studio sulle ospedalizzazioni in relazione con l'influenza era egualmente utile nell'analizzare se i pazienti che presentano con questa malattia respiratoria erano all'elevato rischio della morte nei 30 giorni se avessero emissioni di fondo della malattia cardiovascolare,„ il Dott. Sharma dice.

Confrontando le alto-sensibile-troponine dei pazienti di influenza (hsTnT) [gli indicatori specifici di danno del miocardio] sopra l'ammissione, lo studio ha indicato là essere un argomento per usando livelli elevati acutamente o cronici del hsTnT per predire il rischio della mortalità entro 30 giorni di scarico.

Dei 1.828 pazienti, i risultati della troponina erano disponibili per 617 (47,7%) pazienti. Di questi, 62 (10%) hanno avuti lesione del miocardio acuta e 232 (37,6%) hanno avuti elevazione cronica del hsTnT.

“Sia il ricoverato che la mortalità dei 30 giorni erano significativamente più alti fra i pazienti con hsTnT acuto (P < 0,001) e cronico (P < 0,001) una volta confrontato ad altri gruppi,„ lo studio ha trovato.

“Una volta rispetto ai pazienti all'elevazione acuta ma non cronica del hsTnT negativo, del hsTnT è stato associato significativamente con la mortalità dei 30 giorni dopo adeguamento per vari covariates (ore 8,30, 1.80-17.84, valore di P = 0,013).„

Come uno di più grandi studi sul suo genere nel mondo, questi risultati potrebbero essere usati per migliorare i risultati di salubrità in ospedali intorno al mondo, il Dott. Sharma dice.

Mentre l'influenza è spesso delicata moderare nei sui sintomi, può causare la malattia severa che piombo all'ospedalizzazione e perfino alla morte.

Universalmente, l'influenza stagionale può causare fra 291.243 - 645.832 (4.0-8.8 per 100.000 persone) morti in relazione con respiratoria annualmente, con due terzi della mortalità totale in persone in 65 anni.

Source:
Journal reference:

Sharma, Y., et al. (2021) Effectiveness of Oseltamivir in reducing 30-day readmissions and mortality among patients with severe seasonal influenza in Australian hospitalized patients. International Journal of Infectious Diseases. doi.org/10.1016/j.ijid.2021.01.011.