Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il programma educativo di salubrità diminuisce il rischio di malattia cardiovascolare

La gente che ha partecipato ad un programma educativo di salubrità che ha compreso significativamente sia la salute mentale che le informazioni di salubrità fisica ha diminuito i loro rischi di malattia cardiovascolare e di altre malattie croniche per la fine dell'intervento di 12 mesi - e continuo la maggior parte di quei miglioramenti sei mesi più successivamente, ricercatori trovati.

La gente che ha partecipato al programma di salute mentale e fisico integrato ha mantenuto i miglioramenti significativi su sette di nove misure sanitarie sei mesi dopo la conclusione del programma. Questi compresi, in media, una diminuzione di 21% in glicemia a digiuno, una diminuzione di 17% in colesterolo della lipoproteina a bassa densità e una diminuzione di 12% nel loro indice di massa corporea.

Tuttavia, i pazienti nel gruppo che ha messo a fuoco soltanto su informazioni di salubrità fisica hanno mantenuto i loro miglioramenti su appena due fattori di rischio - BMI e pressione sanguigna sistolica.

I dati si sono raccolti al termine dell'intervento di 12 mesi hanno indicato che i pazienti nel programma con la componente di salute mentale sono migliorato su otto di nove misure sanitarie, mentre i loro pari nel programma tradizionale sono migliorato su appena tre.

“I guadagni raggiunti dai pazienti nel programma integrato erano maggiori di quelli delle loro controparti nell'altro gruppo ed hanno avuti maggiori effetti durevoli,„ ha detto il professor Cesalpina M. Powell, il primo autore del lavoro sociale del Urbana-Champagne dell'università dell'Illinois di uno studio sul progetto, pubblicato nei rapporti della medicina preventiva del giornale.

I partecipanti di studio erano 213 rifugiati siriani e 382 giordani che erano i pazienti di tre cliniche di salubrità in Irbid, Giordania, una comunità del confine che ha avvertito un grande afflusso della gente che fugge la guerra civile in Siria. Powell ha condotto la ricerca in società con l'organizzazione no-profit salubrità-messa a fuoco Americares dello sviluppo e di sollievo e la società reale di consapevolezza di salubrità, Giordania.

Il gruppo di Powell ha esplorato l'efficacia di un intervento di educazione sanitaria chiamato la clinica sana della Comunità, ha consegnato in cliniche in tutto la Giordania per migliorare la gestione dei pazienti dei termini cronici quali la malattia cardiovascolare ed il diabete e diminuisce i loro rischi di complicazioni. Gli educatori o gli infermieri formati di salubrità piombo 20 sessioni educative interattive a che i pazienti hanno assistito due volte al mese per un anno.

I risultati dei pazienti nel programma tradizionale di HCC sono stati paragonati a quelli dei pari che hanno ricevuto la sanità sistematica soltanto e con un gruppo che ha partecipato ad un programma ampliato di HCC che ha integrato quattro sessioni supplementari ha messo a fuoco sulla salute mentale.

Le sessioni di salute mentale hanno compreso le discussioni sugli argomenti quali il dolore e le reazioni traumatiche fisiche ed emozionali di sforzo. I partecipanti egualmente hanno imparato le abilità facenti fronte tangibili per la diminuzione dell'emergenza emozionale quali gli esercizi profondo-respiranti e camminare.

Questo studio è fra il primo per illustrare come un intervento educativo integrato di salute mentale e di fisico medica può migliorare i risultati di salubrità ed infine contribuire a diminuire il rischio della malattia cardiovascolare in rifugiati ed in popolazioni a basso reddito. Siamo entusiasmati per dividere questa ricerca approfondita e per aspettare con impazienza di realizzare ancor più i progressi mentre continuiamo a cercare i modi migliorare i risultati di salubrità per la gente influenzata da povertà o dal disastro.„

Il Dott. Shang-Ju Li, studia il ricercatore Co-Principale e Direttore senior, video e valutazione, Americares

I co-author supplementari dello studio erano Michelle Thompson, un direttore associato della risposta di emergenza, Americares; yuan Hsiao del dottorando di sociologia dell'università di Washington; Aseel Farraj, program manager della società reale di consapevolezza di salubrità; Mariam Abdoh, una popolazione e un Consigliere senior di salubrità/specialista gestione di progetti, USAID; e Dott. Rami Farraj, del centro medico di re Hussein.

Basato sopra i risultati di questa ricerca, la società reale di consapevolezza di salubrità da allora ha spiegato il HCC con la componente di salute mentale ai centri di salute pubblica attraverso la Giordania, Powell ha detto.

In uno studio priore con gli stessi partecipanti che hanno esaminato l'impatto di supporto sociale su mentale e la salubrità fisica, Powell ed i suoi colleghi hanno trovato che più della metà dei partecipanti aveva avvertito almeno un evento traumatico. Fra i siriani, il più delle volte l'esperienza traumatica riferita stava vivendo in una zona di guerra (73%), mentre fra i giordani stava testimoniando una morte violenta (18%).

Che lo studio, pubblicato in PLOS UNO, co-è stato scritto da Li, da Hsiao e dal U. del dottorando Oe Jin Shin del I.

“Poiché i termini di salute mentale quali la depressione e l'ansia co-accadono spesso con i problemi fisici cronici e con povertà, programmi educativi pazienti che integrano mentale e le informazioni di salubrità fisica sono critiche per i paesi come Giordania,„ Powell ha detto. “Facendo questi programmi integrati ampiamente - disponibile può diminuire il carico delle malattie noncommunicable sulle popolazioni marginalizzate ed aumentare il loro accesso alle cure.„

Source:
Journal reference:

Powell, T. M., et al. (2021) An integrated physical and mental health awareness education intervention to reduce non-communicable diseases among Syrian refugees and Jordanians in host communities: A natural experiment study. Preventive Medicine Reports. doi.org/10.1016/j.pmedr.2021.101310.