Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nuova mancanza di manifestazioni di analisi di prova ben fondata per supportare le linee guida di trattamento di anoressie nervose

La nuova analisi pubblicata in psichiatria di The Lancet ha indicato una mancanza di prova ben fondata ad orientamento corrente di sostegno sulle terapie psicologiche per il trattamento delle anoressie nervose sopra il trattamento esperto come di consueto.

I risultati evidenziano un'esigenza di ulteriore ricerca e supportano una richiesta per i diversi dati di prova da mettere a disposizione in modo dai vantaggi dei trattamenti in popolazioni pazienti specifiche possono essere capiti meglio.

Condotto da un gruppo internazionale degli esperti e dei ricercatori clinici, l'analisi ha incluso 13 ha ripartito le probabilità sulle prove controllate e su complessivamente 1049 pazienti. Gli studi hanno confrontato le terapie psicologiche al trattamento come di consueto in adulti che ricevono il trattamento di paziente esterno per anoressia. Le prove hanno misurato il tasso di marginalità di sintomi, dell'indice di massa corporea (BMI) e di tutto causa di disordine alimentare fino a 52 settimane di seguito.

L'analisi ha trovato alcune terapie per avere vantaggio modesto ai pazienti. Tuttavia, le terapie, corrente raccomandate dall'istituto nazionale per eccellenza clinica (PIACEVOLE) e nelle linee guida cliniche internazionalmente, non sono state indicate per differire significativamente dal trattamento esperto come di consueto.

La comprensione dell'efficacia dei trattamenti disponibili è particolarmente importante per le anoressie nervose perché ha uno di più alti tassi di mortalità di tutto lo stato psichiatrico. Questa analisi evidenzia le lacune nella prova attuale e nel bisogno urgente per più e la migliore ricerca sulle terapie psicologiche per il trattamento dell'anoressia.„

Il professor Andrea Cipriani, università di Oxford, autore principale sul progetto

A causa relativamente dello scarsa qualità e della quantità di dati disponibili, questa analisi dovrebbe essere capita come esplorativa piuttosto che confermativa. Tuttavia, evidenzia le imperfezioni della ricerca attuale e sottolinea l'esigenza dei dati più robusti.

Abbiamo realizzato i progressi nella comprensione dei fattori non specifici efficaci che devono essere inclusi in tutto il trattamento per le anoressie nervose. La nostra sfida futura è di sviluppare i fattori del trattamento adeguati alle diverse presentazioni che possono aggiungersi ai fattori non specifici all'efficacia di aumento dei nostri trattamenti per la circostanza.„

Il professor Tracey Wade, Flinders University, collaboratore del cavo sul progetto

La ricerca è stata costituita un fondo per dal centro di ricerca biomedico di salubrità di NIHR Oxford, dall'università di Oxford e dalla Flinders University.

* Gli interventi psicologici inclusi nell'analisi comprendono la terapia comportamentistica conoscitiva (CBT), i trattamenti familiari, i trattamenti psychodynamic ed altri trattamenti quale il trattamento di anoressie nervose di Maudsley per gli adulti (MANTRA) e la gestione clinica complementare dello specialista (SSCM).

* Il trattamento a vario usuale fra le prove incluse nell'analisi e può comprendere parecchie componenti consegnate da molta gente. La descrizione difficile del trattamento come di consueto era una limitazione osservata nella maggior parte delle prove incluse nell'analisi.

Source:
Journal reference:

Solmi, M., et al. (2021) Comparative efficacy and acceptability of psychological interventions for the treatment of adult outpatients with anorexia nervosa: a systematic review and network meta-analysis. Lancet Psychiatry. doi.org/10.1016/S2215-0366(20)30566-6.