Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio esamina i risultati postoperatori di maggiore coronario nella gente con e senza Alzheimer

Il rischio sia di mortalità che di riospedalizzazione dopo che una procedura elettiva del maggiore per la coronaropatia è simile per la gente con e senza il morbo di Alzheimer (AD), ma la gente con l'ANNUNCIO ha avuta risultati peggiori dopo una procedura di emergenza, secondo un nuovo studio dall'università di Finlandia orientale.

Gli studi precedenti hanno studiato l'efficacia di maggiore in persone con i disordini conoscitivi, ma soltanto in termini di risultati a breve termine e nelle impostazioni acute di cura ed egualmente non hanno rappresentato il electivity. Simili agli studi precedenti, la gente con il morbo di Alzheimer erano 76% meno probabili subire una procedura del maggiore e soltanto un terzo delle procedure era elettivo, confrontato a 48,6% delle procedure elettive nel gruppo di confronto senza ANNUNCIO.

La gente con il morbo di Alzheimer ha avuta un elevato rischio della mortalità nell'unità procedurale e un tasso di mortalità di 1,42 volte durante il seguito di tre anni, confrontato alla gente senza ANNUNCIO.  Tuttavia, i rischi erano simili per le procedure elettive in persone con e senza l'ANNUNCIO. Le caratteristiche sociodemografiche, i comorbidities, l'uso dello statin, la durata del soggiorno ed il supporto richiesto a scarico erano controllati per nelle analisi. I risultati erano simili per entrambi i tipi di procedura del maggiore studiati, cioè, chirurgia dell'innesto di esclusione di arteria coronaria (CABG) ed interventi coronari percutanei (PCI).

Queste osservazioni su un più a tariffa ridotta per i maggiori elettivi ed i risultati comparabili dopo che le procedure del maggiore indicano una soglia differente per le procedure elettive confrontate all'emergenza un e una selezione molto differente per la gente con i disordini conoscitivi importanti.

Gli studi sono stati intrapresi come componente dello studio di uso e del morbo di Alzheimer del farmaco (MEDALZ), in un gruppo che include 70.718 abitanti finlandesi della comunità con il morbo di Alzheimer ed in un gruppo abbinato di confronto. Questo studio si è limitato alla gente che non ha avuta maggiore precedente.

Lo studio è stato pubblicato nelle pubblicazioni di gerontologia: La serie A e sono stati costituiti un fondo per dalle fondamenta di Schlumberger e dall'accademia della Finlandia.

Source:
Journal reference:

Vu, M., et al. (2021) Coronary Revascularization and Postoperative Outcomes In People With And Without Alzheimer’s Disease. The Journals of Gerontology: Series A. doi.org/10.1093/gerona/glab006.