Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio stima l'impatto del primo lockdown COVID-19 sui rivenditori dell'alimento e sul settore BRITANNICI del ristorante

Dei Regno Unito il lockdown nazionale in primo luogo da marzo 2020 ed i sui effetti hanno veduto una variazione massiccia nelle abitudini del consumatore che inizialmente è stata affidata ma d'altra parte hanno indugiato come i reparti e ristoranti aperti ma i rischi dal virus sono rimanere.

Un nuovo studio dalle università di Cambridge e di Newcastle ha usato i dati da ONS per paragonare al minuto, da ospitalità e dalle vendite online nel Regno Unito fra marzo e agosto 2020 alle figure medie per gli stessi mesi per gli anni 2010-2019.

I ricercatori hanno adottato un approccio usato normalmente per stimare le morti in eccesso cumulative per provare e misurare l'impatto della scossa COVID-19 sulle vendite dei rivenditori e dei ristoranti BRITANNICI.

Dicono che i loro modelli economici suggeriscono che i reparti che vendono principalmente l'alimento, quali i supermercati, abbiano veduto un urto 5-10% nelle vendite in lockdown, aggiungente ad un £4 supplementare miliardo negli utili sopra “l'affare come„ aspettative usuali.

Ciò è “coerente con l'accumulazione su grande scala„, dicono, come gente per un futuro indefinito dei pasti riscaldati sul posto.

Con molti reparti chiusi e la gente ha attaccato all'interno, vendite online ha avvertito una spinta importante, alzante a circa i terzi preventivi verticalmente più superiore affare-come-usuali durante il primo lockdown - un aumento quegli importi ad un £4 supplementare miliardo.

La via principale non alimentare compera, quelli che vendono tutto dai libri ai vestiti, ha veduto le vendite evaporare durante il primo lockdown quando hanno dovuto chiudere, costante intorno a £20 miliardo nel volume d'affari. Le vendite hanno ritornato al normale una volta che il lockdown nazionale sollevasse.

Il deficit per le barre, i pub ed i ristoranti era “drammatico„, dice i ricercatori, con il primo lockdown BRITANNICO che causa le vendite alla caduta fino a 90% sotto il livello affare-come-usuale, uguagliante intorno ad una perdita del reddito £25 miliardo.

Le vendite di ospitalità hanno veduto un certo post-lockdown di ripristino, come gli schemi di governo come “mangiano fuori per aiutare fuori„ dato dei calci a dentro, ma erano ancora 25% sotto i redditi affare-come-usuali stimati per la fine dell'estate.

Scrivendo nell'obbligazione globale dell'alimento del giornale, i ricercatori dicono che non hanno trovato prova di una caduta del post-lockdown nelle vendite del alimento-reparto come gente esaurito le loro riserve, o “un overshoot„ sulla via principale dovuto “la domanda repressa„ durante il lockdown.

“Le restrizioni del Lockdown piombo ai cambiamenti di comportamento in consumatori e rivenditori che hanno causato le fluttuazioni enormi nelle vendite,„ ha detto il Dott. Shaun Larcom dall'università di Cambridge, che co-ha creato lo studio con il suo Dott. Po-Wen She del collega di Cambridge ed il Dott. Luca Panzone dall'università di Newcastle.

“La frequenza di acquisto diminuita drammaticamente ed il passaggio hanno sparito da molte aree commerciali, con la gente che va online o che usando gli sbocchi locali all'interno delle zone residenziali quando hanno dovuto comperare.„

“Le conseguenze del lockdown, quali le code lunghe fuori dei supermercati, piombo a “hanno forzato la sperimentazione„. I consumatori hanno dovuto esplorare i nuovi metodi d'approvvigionamento,„ ha detto Larcom, dal dipartimento di Cambridge dell'economia dello sbarco.

“Molta gente ha comperato per la prima volta online. Egualmente hanno comprato direttamente dai grossisti o persino dalle aziende agricole e trialed i tipi differenti di cotture domestiche. Quando la gente è costretta a sperimentare, può piombo ai cambiamenti di comportamento quell'ultimo ben oltre la durata di una crisi.„

Il ricercatore dice che, mentre le vendite online hanno alzato durante il lockdown, sono rimanere sopra i livelli del pre-lockdown nell'agosto 2020, che suggeriscono possono essere segni in anticipo “di un mutamento strutturale„ più permanente nelle abitudini di acquisto.

I rapporti recenti di media suggeriscono che il Ministero del Tesoro BRITANNICO stia considerando una tassa prodotta su commissione per i rivenditori online che hanno veduto gli utili amplificati dai lockdowns.

La comprensione dell'impatto monetario della pandemia è importante da misurare la grandezza del danno e può aiutare le polizze di progettazione di governo per assistere questi settori.

Di servizio ristoro ed i rivenditori non alimentari hanno perso un'azione enorme del loro affare annuale, confrontata agli alimentari ed ai rivenditori online che realmente hanno guadagnato dal lockdown. Gli approcci unitaglia di polizza attraverso vendita al dettaglio non funzioneranno.„

Dott. Luca Panzone, università di Newcastle

Source:
Journal reference:

Panzone, L.A., et al. (2021) Estimating the impact of the first COVID-19 lockdown on UK food retailers and the restaurant sector. Global Food Security. doi.org/10.1016/j.gfs.2021.100495.