Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio fornisce la migliore comprensione degli itinerari metabolici in questione nella sazietà di regolamentazione

I risultati del RASO europeo di studio (innovazione di sazietà) rivelano una relazione fra determinati metaboliti nel sangue e la sazietà percepita dopo il consumo dell'alimento.

Il regolamento di sazietà è un fattore importante che determina un'più alta o assunzione più bassa di energia e, pertanto, ha un considerevole impatto sullo sviluppo e/o sulla progressione dell'obesità.

Il gruppo ha composto dei ricercatori Lucia Camacho Barcia, Jesús García-Gavilán, Christopher Papandreou e Mònica Bulló che piombo il gruppo di ricerca in nutrizione e malattie metaboliche del dipartimento di biochimica e di biotecnologia (Universitat Rovira i Virgili - Tarragona-Spagna) ha funzionato con i ricercatori dalla Danimarca e dal Regno Unito per identificare un gruppo di metaboliti nel sangue che è collegato con una maggior percezione di sazietà dopo il cibo.

Lo studio è stato effettuato in 140 volontari che soffrono dal peso eccessivo e dall'obesità ed ha indicato che le più alte concentrazioni di glicina e di acido linoleico sono associate con una maggior sensazione di sazietà, mentre saccarosio ed alcune sfingomieline (C32: 2, C38: 1) è negativamente associato (cioè, con una percezione più bassa di sazietà).

Sebbene il metabolomics sia stato ampiamente usato nella ricerca nutrizionale, questo è la prima volta è stato usato per studiare la percezione di sazietà.

Questi risultati non solo contribuiscono a progettare le strategie possibili per sazietà di misurazione più obiettivamente dei metodi abituali ma anche ad una migliore comprensione degli itinerari metabolici in questione nella sazietà di regolamentazione che può, in futuro per piombo ad uno strumento utile per la progettazione delle strategie più efficaci per appetito ed il peso corporeo gestenti.

Questa ricerca fa parte di più ampio studio (RASO - innovazione di sazietà) che è stato effettuato per accertare l'entità a cui il regolamento di sazietà può contribuire al peso corporeo gestente a medio termine. I risultati sono stati pubblicati altrove.

Lo studio ha pubblicato recentemente i fuochi sugli aspetti metabolici di fame e di sazietà di regolamentazione. Le analisi sono state effettuate con i dati raccolti dalle prove di sazietà. A questo scopo, 151 volontario dallo studio del RASO è andato ai centri di reclutamento dopo il digiuno.

Una volta che là fosse dato una prima colazione controllata ed i dati di sazietà sono stati raccolti nelle due ore successive.

I volontari egualmente sono stati dati il pranzo mentre erano ancora sui locali e sono stati dati una cena da portare via in modo dai ricercatori hanno avuti dati controllati circa l'alimento alimentare durante tutta la giornata. Le prove di sazietà sono state effettuate in parecchie occasioni durante lo studio.

Identificando le sostanze che permettono di predire la sazietà, i programmi più personali di nutrizione possono essere applicati ed i prodotti possono essere destinati per gestire la fame e la sazietà aumentando o facendo diminuire la concentrazione di questi metaboliti nel sangue.

Source:
Journal reference:

Camacho-Barcia, L., et al. (2021) Circulating Metabolites Associated with Postprandial Satiety in Overweight/Obese Participants: The SATIN Study. Nutrients. doi.org/10.3390/nu13020549.