Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori di Organo permanente per la salute e sicurezza scoprono la predisposizione genetica alla severità COVID-19

I ricercatori dell'università di Organo permanente per la salute e sicurezza si sono trasformati nei primi nel mondo per scoprire la predisposizione genetica a COVID-19 severo. I risultati dello studio sono stati pubblicati nelle frontiere del giornale in immunologia.

L'immunità a cellula T è uno dei meccanismi chiave usati dal corpo umano per combattere le infezioni virali. La terra dell'organizzazione per lo sviluppo di immunità cellulare è la presentazione dei peptidi del virus sulla superficie delle celle infettate. Ciò è seguita dall'attivazione dei linfociti T, che cominciano uccidere le celle infettate. La capacità di presentare con successo i peptidi del virus in gran parte è determinata dalla genetica.

In cellule umane, le molecole umane della classe I dell'antigene del leucocita (HLA-I) sono responsabili di questa presentazione. L'insieme di sei tali molecole è unico in ogni essere umano ed è ereditato dai genitori di una persona. Nei termini semplici, se l'insieme degli alleli individua bene il virus, quindi nelle celle immuni individuerà e distruggerà le celle infettate velocemente; se una persona ha un insieme che è cattivo a tale rilevazione, un caso più severo della malattia è più probabile essere osservato.

I ricercatori dalla facoltà di Organo permanente per la salute e sicurezza di biologia e di biotecnologia - massimo Shkurnikov, Stepan Nersisyan, Alexei Galatenko ed Alexander Tonevitsky - insieme con i colleghi dall'ospedale clinico dell'università medica della ricerca nazionale russa di Pirogov e della città di Filatov (Tatjana Jankevic, Ivan Gordeev, Valery Vechorko) hanno studiato il collegamento fra il genotipo di HLA-I e la severità di COVID-19.

Facendo uso dell'apprendimento automatico, hanno sviluppato un modello che fornisce una valutazione integrale della potenza possibile della risposta immunitaria a cellula T a COVID-19: se l'insieme degli alleli di HLA-I tiene conto l'efficace presentazione dei peptidi del virus SARS-CoV-2, quelle persone hanno ricevuto il punteggio a basso rischio, mentre la gente con la capacità più bassa della presentazione ha ricevuto i punteggi di elevato rischio (nell'intervallo da 0 a 100). Per convalidare il modello, i genotipi oltre di 100 pazienti che avevano sofferto da COVID-19 ed oltre 400 genti in buona salute (il gruppo di controllo) sono stati analizzati. È risultato che il punteggio modellistico di rischio è altamente efficace nella predizione della severità di COVID-19.

Oltre ad analizzare la popolazione di Mosca, i ricercatori hanno usato il loro modello su un campione dei pazienti da Madrid, Spagna. L'alta precisione della previsione è stata confermata su questo campione indipendente pure: il punteggio di rischio dei pazienti che soffrono COVID-19 severo era significativamente superiore a in pazienti con i casi moderati e delicati della malattia.

Oltre alle correlazioni scoperte fra il genotipo e la severità COVID-19, l'approccio suggerito egualmente contribuisce a valutare come una determinata mutazione COVID-19 può pregiudicare lo sviluppo di immunità a cellula T al virus. Per esempio, potremo individuare i gruppi di pazienti per cui l'infezione con i nuovi sforzi di SARS-CoV-2 può piombo ai moduli più severi della malattia.„

Alexander Tonevitsky, facoltà di Organo permanente per la salute e sicurezza di biologia e di biotecnologia