Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori scoprono un meccanismo collegato ad invecchiamento della cellula staminale

Mentre la gente ottiene più vecchia, le loro cellule staminali neurali perdono la capacità di proliferare e produrre i nuovi neuroni, piombo ad un declino nella funzione di memoria. I ricercatori all'università di Zurigo ora hanno scoperto un meccanismo collegato ad invecchiamento della cellula staminale - e come la produzione dei neuroni può essere riattivata.

Le cellule staminali nel nostro cervello generano i nuovi neuroni durante vita, per esempio nell'ippocampo. Questa regione del cervello svolge un ruolo chiave per un intervallo dei trattamenti di memoria. Con l'aumento dell'età ed in pazienti che soffrono dal morbo di Alzheimer, la capacità degli ippocampi di creare i nuovi neuroni diminuisce costantemente - e con, le sue funzioni di memoria.

Distribuzione di danno età-dipendente delle cellule

Gli studi intrapresi dal gruppo di ricerca di Sebastian Jessberger, un professore all'istituto di ricerca del cervello dell'università di Zurigo, mostrano come la formazione di nuovi neuroni è alterata con l'età d'avanzamento. Le strutture della proteina nei nuclei delle cellule staminali neurali si assicurano che le proteine nocive che si accumulano col passare del tempo si distribuiscano irregolarmente sulle due cellule figlie durante la divisione cellulare.

Ciò sembra essere una parte importante della capacità delle cellule di proliferare durante un molto tempo per mantenere l'offerta dei neuroni. Con l'età d'avanzamento, tuttavia, gli importi delle proteine nucleiche cambiano, con conseguente distribuzione difettosa delle proteine nocive fra le due cellule figlie. Ciò provoca una diminuzione nei numeri dei neuroni recentemente generati nei cervelli di più vecchi mouse.

L'elemento centrale in questo trattamento è una proteina nucleare chiamata lamin B1, i livelli di cui diminuiscono mentre la gente invecchia. Quando i ricercatori hanno aumentato i livelli di lamin B1 negli esperimenti in mouse di invecchiamento, la divisione di cellula staminale migliore ed il numero di nuovi neuroni si sono sviluppati. “Mentre otteniamo più vecchi, le cellule staminali in tutto l'organismo perdono gradualmente la loro capacità di proliferare. Facendo uso dell'ingegneria genetica e della tecnologia di avanguardia del microscopio, potevamo identificare un meccanismo che è associato con questo trattamento,„ diciamo il candidato di laurea ed il primo l'autore bin di Khadeesh Imtiaz.

Fermata del trattamento di invecchiamento delle cellule staminali

La ricerca fa parte di parecchi progetti in corso che mirano a riattivare le cellule staminali di invecchiamento. La capacità di rigenerare il tessuto nocivo diminuisce generalmente con l'età, così pregiudicando quasi tutti i tipi di cellule staminali nell'organismo.

Mentre il nostro studio è stato limitato alle cellule formative di tronco encefalico, i simili meccanismi sono probabili svolgere un ruolo chiave quando si tratta del trattamento di invecchiamento di altre cellule staminali.„

Sebastian Jessberger, il professor, istituto di ricerca del cervello, università di Zurigo

Questi ultimi risultati sono un punto importante verso l'esplorazione dei cambiamenti età-dipendenti nel comportamento delle cellule staminali.

“Ora sappiamo che possiamo riattivare le cellule staminali di invecchiamento nel cervello. La nostra speranza è che questi risultati i livelli di aumento di guida giorna di neurogenesis, per esempio in gente più anziana o in quelle che soffre dalle malattie degeneranti quale Alzheimer. Anche se questo può ancora essere molti anni in futuro,„ dice Jessberger.

Source:
Journal reference:

bin Imtiaz, M.K., et al. (2021) Declining Lamin B1 expression mediates age-dependent decreases of hippocampal stem cell activity. Cell Stem Cell. doi.org/10.1016/j.stem.2021.01.015.