Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo biomarcatore ha potuto contribuire ad identificare la gente a rischio del morbo di Alzheimer

La diagnosi precoce del morbo di Alzheimer è stata indicata per diminuire il costo e migliorare i risultati pazienti, ma gli approcci diagnostici correnti possono essere dilaganti e costosi.

Uno studio recente, pubblicato nel giornale del morbo di Alzheimer, ha trovato un modo novello identificare un alto potenziale per il morbo di Alzheimer di sviluppo prima che i sintomi accadessero. Ray Romano, Ph.D., Marina militare, ha completato la ricerca come componente del suo Ph.D. nel programma di scienza di professione d'infermiera all'istituto universitario del centro di scienza di salubrità di University of Tennessee (UTHSC) delle scienze laureate di salubrità. Il Dott. Romano ha condotto la ricerca attraverso il laboratorio unito del professore associato Todd Monroe, Ph.D., Marina militare, all'Ohio State University, che è egualmente un laureato della scienza Ph.D. Program ed il Dott. Ronald Cowan di professione d'infermiera di UTHSC, M.D., Ph.D. che è la presidenza della psichiatria a UTHSC.

C'è una necessità reale di trovare i modi diagnosticare il morbo di Alzheimer nella regolazione di pronto intervento dove la maggior parte dei pazienti in primo luogo presenti con le preoccupazioni per la loro memoria.„

Ray Romano, PhD, Marina militare, PhD. nel programma di scienza di professione d'infermiera, istituto universitario del centro di scienza di salubrità di University of Tennessee (UTHSC) delle scienze laureate di salubrità

La ricerca ha trovato che la gente conoscitivo in buona salute al rischio genetico aumentato di morbo di Alzheimer di manifestazione tardiva ha mostrato la sensibilità significativamente più bassa a dolore termico ma ha ritenuto la maggior sgradevolezza relativa a quel dolore una volta confrontata alla gente ad più a basso rischio della malattia. Questi risultati indicano che la percezione di dolore alterata potrebbe potenzialmente essere usata mentre un biomarcatore del morbo di Alzheimer di manifestazione tardiva prima dei sintomi accade.

La ricerca precedente aveva identificato un allele genetico specifico, APOE4, come indicatore connesso con un'incidenza aumentata del morbo di Alzheimer di sviluppo di manifestazione tardiva. Nel suo studio dirottura, il Dott. Romano poteva identificare le persone che erano conoscitivo in buona salute ma ha avuto l'allele APOE4.

Poteva poi determinare se la gente con l'allele APOE4 ha risposto diversamente dagli agli stimoli dolorosi indotti da sperimentale delle persone conoscitivo in buona salute che non hanno avute questo allele.

Il Dott. Cowan celebre, “questo lavoro egualmente evidenzia la grande resistenza di collaborazione unita fra professione d'infermiera e la psichiatria, che sono state altamente produttive per i nostri programmi di ricerca.„ Lo studio ha incluso 49 adulti conoscitivo in buona salute invecchiati 30-89. Dodici degli oggetti hanno avuti l'allele APOE4 e 37 non hanno fatto. Sono stati valutati per le differenze del gruppo nelle soglie di dolore e nelle sensibilità di sgradevolezza in risposta dagli agli stimoli termici indotti da sperimentale di dolore. Il Dott. Romano ritiene che questo sia il primo rapporto di una connessione di stato dell'allele APOE4 con una risposta alterata nel dolore in un campione conoscitivo sano degli adulti attraverso la durata della vita.

L'uso di questo biomarcatore identificare la gente a rischio del morbo di Alzheimer prima che l'inizio dei sintomi seri sia molto meno dilagante che altri metodi di diagnosi di Alzheimer, che comprendono le scansioni della topografia dell'emissione di positrone e di forature (PET) lombari. Queste sono prove costose che non sono pratiche nelle impostazioni di pronto intervento.

“In questo studio esplorativo, il Dott. Romano ha dimostrato che gli adulti in buona salute con un gene specifico per esperienza di sviluppo del morbo di Alzheimer della tardi-fase fanno soffrire diversamente che la gente senza il marcatore genetico,„ il Dott. Monroe ha detto. “Dopo, dobbiamo esaminare i sistemi del dolore del cervello per determinare perché questo può accadere. Se gli studi futuri confermano questi risultati, i risultati possono finalmente tradurre in selezione più in anticipo nella gente a rischio del morbo di Alzheimer di sviluppo che piombo a più opzioni del trattamento.„

Circa 5,8 milione di persone negli Stati Uniti vivono con il morbo di Alzheimer - la causa della morte sesto-principale nel paese, secondo l'associazione del Alzheimer. È stimato che 500.000 nuovi casi della malattia siano diagnosticati annualmente negli Stati Uniti.

Source:
Journal reference:

Could Altered Evoked Pain Responsiveness Be a Phenotypic Biomarker for Alzheimer’s Disease Risk? A Cross-Sectional Analysis of Cognitively Healthy Individuals. Journal of Alzheimer's Disease. doi.org/10.3233/JAD-201293.