Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo approccio può diminuire le valutazioni inutili dei linfonodi gonfiati dopo la vaccinazione COVID-19

Il gonfiamento dei linfonodi nell'area dell'ascella è una risposta normale alle vaccinazioni COVID-19, ma quando sono veduti sui mammogrammi, possono essere confusi i vertici che sono gonfiati a causa di cancro. In alcuni casi, i vertici sono biopsiati per confermarli non sono cancro.

Per evitare la confusione dai pazienti e dai loro fornitori e per evitare le more nelle vaccinazioni o nei mammogrammi raccomandati con la pandemia, i radiologi al policlinico di Massachusetts (MGH) hanno pubblicato un approccio per riuscire che cosa si pensa che fosse un avvenimento equo comune mentre i programmi di vaccinazione si arrampicano. L'approccio è descritto nel giornale americano di Roentgenology.

Avevamo cominciato vedere più pazienti nella nostra clinica della rappresentazione del petto con i linfonodi ingrandetti sulla mammografia, sull'ultrasuono e sull'imaging a risonanza magnetica. Ed abbiamo notato che stavano venendo alla nostra clinica dopo una vaccinazione recente COVID-19. Abbiamo parlato con i nostri colleghi nel pronto intervento e nelle nostre cliniche di specialità del cancro al seno e realizzato abbiamo avuto bisogno di chiara pianificazione per la gestione.„

Constance Lehman, MD, PhD, autore principale di studio e Direttore, rappresentazione del petto, co-direttore, centro completo di valutazione del petto di Avon, policlinico di Massachusetts

Gli scopi del gruppo erano di sviluppare un programma che ha supportato i pazienti per continuare a impegnarsi nei programmi di vaccinazione mentre però assicurandosi che i pazienti continuassero a ricevere i loro bisogni sistematici di sanità, quale la selezione di cancro al seno. Era egualmente importante rassicurare i pazienti che i linfonodi gonfiati nell'ascella è un normale e un'individuazione prevista dopo la vaccinazione.

L'approccio del gruppo è basato per tre principi: 1) vaccinazione incoraggiante COVID-19; 2) diminuire e/o eliminare le more, gli annullamenti e rinvio degli esami di rappresentazione del petto; e 3) diminuendo rappresentazione e/o le biopsie supplementari inutili dei linfonodi che sono stato gonfiati dalla vaccinazione recente.

“Oltre alla prevenzione ritarda nelle vaccinazioni e nelle diagnosi del cancro al seno, speriamo che il nostro modello diminuisca l'ansia, l'aggravio del fornitore di cure mediche e le spese pazienti delle valutazioni inutili dei linfonodi ingrandetti dopo le vaccinazioni,„ diciamo Lehman.

Lehman ed i suoi colleghi--compreso l'agnello, il MD, il MSc e Helen Anne D'Alessandro, MD di Leslie dei co-author--solleciti che non ci sono prove supplementari della rappresentazione necessarie per i linfonodi gonfiati dopo le vaccinazioni recenti a meno che il gonfiamento persista o se il paziente ha altre emissioni di salubrità. Questo messaggio dovrebbe essere comunicato sia al personale che ai pazienti della rappresentazione.

Le lettere pazienti possono leggere: “I linfonodi nella vostra area dell'ascella che vediamo sul vostro mammogramma sono più grandi dal lato in cui avete avuto vostro vaccino recente COVID-19. I linfonodi ingrandetti sono comuni dopo il vaccino COVID-19 e sono la reazione normale del vostro organismo al vaccino. Tuttavia, se ritenete un massello in vostra ascella che dura più di sei settimane dopo la vostra vaccinazione, dovreste lasciare il vostro fornitore di cure mediche sapere.„

Lehman nota che i declini drastici nelle diagnosi di mammografia e del cancro al seno della selezione sono ben documentati attraverso le istituzioni multiple di sanità dovuto la pandemia COVID-19. “Questa rottura della selezione di cancro al seno è probabile provocare un importante crescita nei cancri diagnosticati nelle fasi recenti e una domanda aumentata delle procedure dello screening dei tumori poichè le prove in ritardo sono rinviate,„ dice. “Crediamo che il nostro modello possa evitare diminuire o ritardare le vaccinazioni ed evitare diagnosi più ancora diminuite o in ritardo del cancro al seno basate su confusione fra i pazienti e/o i loro fornitori.„

Source:
Journal reference:

Lehman, C. D., et al. (2021) Mitigating the Impact of Coronavirus Disease (COVID-19) Vaccinations on Patients Undergoing Breast Imaging Examinations: A Pragmatic Approach. American Journal of Roentgenology. doi.org/10.2214/AJR.21.25688.