Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: I cambi principali nel decessso si preoccupano accaduto durante la pandemia COVID-19

I cambi principali nella cura di decessso si sono presentati durante la pandemia COVID-19, in mezzo di una pletora di domanda di guida dalla gente privata, secondo la nuova ricerca dall'università di Cambridge.

Il primo studio principale sui cambiamenti in relazione con pandemica nella cura di decessso ha trovato che l'opzione a lavoro a distanza ha aiutato alcuni servizi per raggiungere fuori, ma tatto che di molti professionisti non hanno capacità di soddisfare le esigenze della gente.

È stimato che per ogni morte, nove genti siano influenzate dal decessso. Il disgaggio dell'impatto della pandemia COVID-19 su quelli privati ora sta diventando evidente, se la morte proveniva da COVID o da altre cause.

Quelli di cui i cari sono morto con COVID-19 hanno dovuto fare fronte alla morte improvvisa ed inattesa, morti in unità di cure intensive ed a vedere i cari soffrono i sintomi severi compreso la dispnea e l'agitazione alla conclusione di vita. Il sociale che distanzia le misure ha significato visualizzare limitato alla conclusione di vita, lasciante alcuno per morire da solo.

Gli atti dell'organismo e del funerale della persona deceduta d'esame sono stati accorciati severamente, con effetto principale su quelli privati da tutte le cause, non solo da COVID-19. Tutti questi fattori significano che i rischi di risposte complicate e prolungate di dolore sono diventato più su durante la pandemia.

Nella ricerca pubblicata oggi in BMJ apra, ricercatori al dipartimento di Cambridge del rapporto di pronto intervento e di salute pubblica i risultati di un'indagine online inviata al personale e di salubrità di cura sociale nell'agosto 2020, invitandoli per descrivere le loro esperienze e punti di vista circa i cambiamenti nella cura di decessso. 805 persone hanno risposto, compreso quelle che lavorano nelle impostazioni della comunità, della casa di cura, dell'ospedale e del centro ospedaliero attraverso il Regno Unito e l'Irlanda.

I servizi hanno affrontato le sfide iniziali che si adattano alle linee guida cambianti del governo nazionale. Alcuni servizi di decessso erano dovuto sospeso fornire essere furloughed di personale o reimpiegato, specialmente servizi di decessso dello specialista. Il supporto volontario in ospedali ed in centri ospedalieri è stato diminuito e sega di alcuni servizi ha aumentato le liste di attesa.

“Abbiamo avuti aumento di 600% nelle morti per un periodo di tre settimane. Occupandosi del lavoro arretrato del supporto di decessso era provocatorio,„ ha detto un medico palliativo della medicina.

La cura di decessso è caduto a una più vasta gamma di personale, compreso alcuno con esperienza limitata. Qualche gente ha riferito che i servizi erano con risorse insufficienti prima che la pandemia e che la pandemia avrebbe peggiorato la situazione ed avrebbe aggiunto le nuove difficoltà dovuto le reazioni complesse di dolore.

Il più grande cambiamento è stato l'opzione ai metodi remoti di fornitura del supporto - quali il telefono ed il video - che è stato riferito da 90% dei dichiaranti. Adattando la cura ad online o i formati del telefono era particolarmente provocatorio, con ad accesso limitato alla formazione stata necessaria e limitata della strumentazione del personale nel loro uso.

Il movimento verso supporto remoto è stato una spada a doppio taglio. Da una parte, ha aumentato alcune opportunità per il supporto di decessso. I bambini di sostegno di servizi ed i giovani hanno riferito a volte che questi gruppi essere più ricettivo online supportare e centri ospedalieri e gruppi dell'ospedale ha riferito ad accesso d'allargamento al loro supporto di decessso.

Tuttavia, i professionisti hanno descritto il lavoro remoto come “vuotando„ e difficile gestire, accanto ai loro propri sforzi emozionali durante la pandemia.

Essere sopraffatto temuto alcuni professionisti dalla domanda: “Stiamo vedendo realmente soltanto coloro che è stato a gennaio /Feb privati finora, così là possiamo essere molto da venire,„ ha detto un coordinatore d'ascolto di servizio della Comunità.

I cambiamenti ai servizi sono stati riferiti per interrompere la capacità di offrire il supporto emozionale: “Ha ritenuto come se stiamo occupando di loro alla lunghezza del braccio mentre saremmo là tenere le loro mani, dessimo loro un abbraccio come stato necessario,„ ha detto un medico palliativo della medicina.

Molti dichiaranti hanno espresso le gravi preoccupazioni nel lungo termine urta sulla gente privata, evidenziando l'inabilità o le restrizioni su essere con il paziente di morte come avendo un impatto profondo nel decessso.

“Molta gente che è morto è stata negata l'opportunità di morire nel loro posto preferito di cura/ha preferito il posto della morte ed è morto negli ambienti suboptimali ricevere la loro cura negli ultimi giorni,„ ha detto un GP.

Mentre quelli privati da COVID-19 e dalle circostanze non-COVID sono stati influenzati similmente dalle restrizioni, le sfide specifiche relative a COVID-19 sono state riferite. Alcuni dichiaranti hanno descritto la rabbia dei parenti ad avere COVID-19 sul certificato di morte. Un infermiere di collegamento dello specialista di decessso ha detto che la malattia “è sembrato avere “un marchio di infamia„ per alcuno„. Questo senso di marchio di infamia è stato pensato per esacerbare le sensibilità della gente di non riuscire a proteggere il loro membro della famiglia da COVID-19.

Inquietudini sono state suscitate sopra un grande e “gruppo invisibile della gente„ chi non possono accedere al supporto o per cui il supporto sarà limitato, piombo al maggior bisogno insoddisfatto. “Ci può essere un'epidemia silenziosa del dolore che ancora non abbiamo preso sopra,„ ha detto un medico palliativo della medicina.

Il Dott. Caroline Pearce, il ricercatore del cavo, ha detto: “La cura di decessso ha subito i cambi principali sia nelle impostazioni della comunità che acute che pregiudicano la gente privata, i clinici, i lavoratori di sostegno e il più ampio sistema e di salubrità di cura sociale.

L'esigenza aumentata di cura di decessso ha sfidato i professionisti mentre hanno intrapreso le nuove responsabilità ed abilità e si sono spostati al lavoro remoto ed elettronico. Il potenziale aumentato per le risposte prolungate e complicate di dolore fra quelli privati durante questo periodo sta interessando specialmente.„

Parlando del dolore rimane un'area di disagio pubblico ed è professionisti importanti incoraggia la gente privata ad osservare il dolore poichè una ragione “valida„ di cercare la guida da salubrità e da servizi alla comunità come pure da quelle essi si fida di delle loro comunità. Era incoraggiante che molti dichiaranti hanno riferito lo sviluppo di nuovi e servizi ampliati, ma è di importanza fondamentale che questi siano resi sostenibili nell'più a lungo termine. Il bisogno non sta andando via.„

Andy Langford, Direttore clinico, cura di decessso di CRUSE