Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori identificano BCAS3 e C16orf70 umani come proteine autophagic novelle

Autophagy è un processo di degradazione intracellulare dei materiali citosolici e degli organelli nocivi. I ricercatori al progetto Ubiquitin di TMIMS stanno studiando il meccanismo molecolare di mitophagy, il trattamento autophagy selettivo per eliminare i mitocondri nocivi. PINK1 (una chinasi teonina/della serina) e Parkin (un ubiquitin che lega enzima: ) Il lavoro E3 insieme a ubiquitylate le proteine esterne della membrana dei mitocondri nocivi, poi catene di ubiquitin è riconosciuto come segnali per degradazione autophagy. La disfunzione delle cause mitophagy una diminuzione nella qualità mitocondriale con la sovrapproduzione del ROS ed è collegata alle malattie neurodegenerative come la malattia del Parkinson.

In macchinario di Autophagy, le componenti cellulari mirate a per degradazione sono inghiottite dalle membrane ricche di phosphatidylinositol-3-phosphate (PI3P). Le membrane sono prolungate e qui accluse formare i autophagosomes, che poi fondono con i lisosomi per degradare il carico dentro. Molte proteine funzionano in macchinario autophagy ed inizialmente sono state identificate dagli schermi genetici nel saccharomyces cerevisiae germogliante del lievito e dai elegans di Caenorhabditis. Le proteine autophagy essenziali evolutionarily sono conservate da lievito agli esseri umani.

Tuttavia, in mammiferi, ci dovrebbero essere proteine autophagic non identificate e le componenti accessorie, di cui le singole eliminazioni del gene si manifestano soltanto come difetti delicati nell'attività autophagy, potrebbero essere mancate da questi tipi di schermi genetici.

In questo studio, immunoprecipitating WIPI1, la proteina autophagy ben nota, sopra le circostanze d'induzione Parkin-mediate, ricercatori ha identificato BCAS3 umano (sequenza ampliata carcinoma del petto 3) e C16orf70 (pagina di lettura aperta del cromosoma 16 70) come proteine autophagic novelle.

Mentre BCAS3 e C16orf70 sono dispersi in tutto il cytosol nella circostanza normale, si sono accumulati intorno ai mitocondri nocivi dopo induzione mitophagy. Egualmente hanno formato i puncta nel cytosol in risposta ad inedia dell'amminoacido, che suggerisce che BCAS3 e C16orf70 fossero reclutati al autophagosome sia in autophagy non selettivo che selettivo. I ricercatori poi hanno trovato che BCAS3 e C16orf70 si interagiscono e questa interazione è richiesta per la loro capitalizzazione sul sito autophagosome di formazione.

I risparmi di temi di Autophagy in risposta ad inedia mitocondriale dell'amminoacido e di danno non sono stati influenzati tramite le eliminazioni del gene BCAS3 e/o C16orf70 almeno in celle coltivate. D'altra parte, la sovraespressione del complesso BCAS3-C16orf70 altera il montaggio di parecchie proteine autophagy di memoria. Questi risultati dimostrano le funzioni accessorie importanti di BCAS3 e di C16orf70 in macchinario autophagy.

Ancora, in silico la modellistica strutturale di BCAS3 ha seguito dalle analisi mutational in immunocytochemistry e le analisi in vitro dell'phosphoinositide-associazione indicano che BCAS3 direttamente lega phosphatidylinositol-3-phosphate sulle membrane autophagosome.

Source:
Journal reference:

Kojima, W., et al. (2021) Mammalian BCAS3 and C16orf70 associate with the phagophore assembly site in response to selective and non-selective autophagy. Autophagy. doi.org/10.1080/15548627.2021.1874133.