Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: Più di 2/3 di volontà di manifestazione del personale della casa di cura dell'Indiana di ricevere vaccino COVID-19

In uno studio poco prima i vaccini condotti COVID-19 sono diventato disponibili negli Stati Uniti, più di due terzi della casa di cura e del personale vivente assistito in Indiana hanno indicato la volontà di ricevere un vaccino immediatamente o in futuro. Lo studio piombo dai ricercatori dall'istituto di Regenstrief, dall'Indiana University e dallo stato dell'Indiana. L'assorbimento vaccino dal personale di prima linea è importante perché contribuirà a proteggere dalla malattia seria e dalla morte per la gente ad alto rischio che riceve la cura in questi impianti.

I vaccini offrono l'opportunità di ritornare ad una più vita normale all'interno della funzione di professione d'infermiera, ma quello non può essere raggiunto senza personale che è disposto a catturare il vaccino. Le tariffe della volontà trovate in questa indagine sono un segno positivo e più personale può essere favorevole ai vaccini se ricevono più formazione e esagerare.„

Kathleen Unroe, M.D., MHA, guida di studio, ricercatore di Regenstrief, professore associato della scuola di medicina di IU di medicina e geriatra

La casa di cura ed il personale vivente assistito della funzione sono stati inclusi nella prima fase di distribuzione vaccino, in modo dal dipartimento di stato dell'Indiana di salubrità ha inviato un'indagine anonima al personale negli impianti attraverso lo stato per guadagnare una comprensione della volontà di partecipare. Più di 8.000 risposti. 45 per cento hanno indicato sarebbero stati disposti a catturare un vaccino non appena era disponibile ed i 24 per cento supplementare hanno detto che lo avrebbero catturato ad un certo punto in futuro.

Il personale è stato esaminato sulle loro ragioni affinchè non volere ricevi un vaccino. Le risposte più comuni erano:

  • Preoccupazione sopra gli effetti secondari (70%)
  • Preoccupazioni di salubrità (34%)
  • Domande circa efficacia (20%)
  • Ragioni religiose (12%)

“Abbiamo trovato le differenze significative nella volontà di catturare un vaccino fra i sottogruppi del personale, per esempio gli impiegati più anziani erano più interessati nell'ottenerlo appena possibile, mentre diretto si preoccupano il personale clinico che trattano direttamente con i pazienti erano meno probabili riferire la volontà di ricevere il vaccino nella prima onda, “ha detto Justin Blackburn, il PhD, professore associato al banco di Richard il M. Fairbanks di Indiana University della salute pubblica a IUPUI. “Questi informazioni possono aiutare le guide della funzione e di salute pubblica ad identificare quali gruppi possono avere bisogno della formazione e dell'esagerare circa i vaccini in moda da potere proteggere con successo questi sforzi i residenti.„ Il Dott. Blackburn è egualmente una facoltà di programma con la libreria nazionale di Indiana University del programma dell'informatica T15 di salute pubblica della medicina ospitato dall'istituto di Regenstrief e dal banco di Fairbanks della salute pubblica.

“Volontà del personale a lungo termine di cura di ricevere un vaccino COVID-19: Una singola indagine dello stato„ è stata pubblicata online davanti alla stampa nel giornale della società americana della geriatria.

Source:
Journal reference:

Unroe, K.T., et al. (2020) Willingness of Long‐Term Care Staff to Receive a COVID‐19 Vaccine: A Single State Survey. Journal of the American Geriatrics Society. doi.org/10.1111/jgs.17022.