Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Risultati della ricerca di traduzione nella combinazione di promessa candidato terapeutico per il diabete di tipo 1

La ricerca di traduzione piombo dagli scienziati all'istituto di La Jolla per l'immunologia (LJI) ha provocato una combinazione di promessa candidato terapeutico per gli adulti con il diabete di tipo 1 di recente-inizio.

La terapia di combinazione recentemente è stata provata ripartita le probabilità in, in una prova alla cieca, placebo gestito, collaudo di fase 2 e costituito un fondo per dalla ditta farmaceutica Novo Nordisk. I risultati, pubblicati recentemente in diabete ed endocrinologia di The Lancet, indicano un modo potenziale trattare la malattia autoimmune senza lasciare l'organismo vulnerabile alla malattia infettiva.

Il candidato terapeutico combina l'anticorpo anti-IL-21 con il liraglutide della droga del diabete. Questo approccio a due punte è basato sui risultati della ricerca dal laboratorio del professor Matthias von Herrath, M.D., che di LJI egualmente servisce da vice presidente ed ufficiale sanitario senior, ufficio medico principale globale, a Novo Nordisk.

Ciò è la prima grande prova per una terapia di combinazione ed i dati suggeriscono che abbiano valore per i pazienti. Il fondamento per la scelta della terapia di combinazione è stato steso attraverso lavoro preclinico all'istituto di La Jolla.„

Matthias von Herrath, M.D., professore di LJI

Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune che accade quando le proprie celle di T dell'organismo mirano erroneamente alle beta celle producenti insulina nel pancreas. Quando le beta celle muoiono, l'organismo perde la sua capacità di regolamentare i livelli del glucosio, che possono finalmente piombo a danno ed alla morte severi dell'organo.

Una sfida nel trattamento del diabete di tipo 1 è che le terapie che mirano alle risposte a cellula T “sistema di ampiezza„ egualmente corrono il rischio di ostacolare la capacità del sistema immunitario di combattere le minacce reali, quali i virus ed i batteri.

Il von Herrath Laboratory a LJI è messo a fuoco sullo scoprire i grilletti molecolari del diabete di tipo 1. Il loro lavoro ha indicato i modi modulare le parti del sistema immunitario senza sopprimere la funzione di sistema immunitario globale.

Nel 2012, il von Herrath Laboratory ha pubblicato uno studio nell'immunità che mostra l'importanza (IL) del ricevitore interleukin-21 nel permettere le celle di T nocive nel pancreas. Gli studi di approfondimento hanno indicato che un anticorpo anti-IL-21 potrebbe interrompere quel segnale e potenzialmente proteggere il pancreas dall'attacco.

D'importanza, perché l'anticorpo anti-IL-21 sembra pregiudicare soltanto un gruppo di celle di T, von Herrath ed i suoi colleghi ha creduto che l'anticorpo potrebbe contribuire a trattare il diabete di tipo 1 senza inumidire il sistema immunitario globale.

Nel 2017, Novo Nordisk ha pubblicato uno studio preclinico nel giornale dell'autoimmunità che mostra gli effetti di una terapia di combinazione che l'anticorpo monoclonale consistito di anti-IL-21 si è combinato con il liraglutide approvato dalla FDA della droga del diabete di tipo 2. Liraglutide è stato indicato per proteggere la beta funzione delle cellule. Lo studio, che von Herrath incluso come co-author, indicato che questa combinazione potrebbe invertire il diabete di tipo 1 in un modello del mouse.

Per il nuovo studio, von Herrath ed i suoi collaboratori hanno verificato la terapia in una ripartita le probabilità in, il parallelo-gruppo, controllato a placebo, doppio fittizio, la prova alla cieca, prova di combinazione di fase 2. Rispetto al gruppo del placebo, i pazienti che hanno ricevuto il corso di 54 settimane del trattamento hanno avuti livelli elevati della secrezione endogena dell'insulina. Nessuna preoccupazione della sicurezza è stata identificata.

I ricercatori hanno continuato con i partecipanti di studio per 26 settimane dopo che il trattamento ha cessato e trovato che gli effetti hanno diminuito durante quel tempo. Egualmente hanno trovato i cambiamenti avversi non durevoli al sistema immunitario. I ricercatori notano che la terapia di combinazione dovrà essere valutata per la sicurezza e l'efficacia a lungo termine in un test clinico di fase 3.

Andando in avanti, von Herrath ed il suo laboratorio a LJI sono messi a fuoco sulla traduzione dei loro risultati sia sul diabete che sul diabete di tipo 2 di tipo 1 dal laboratorio alla clinica.

Lo studio, “l'anticorpo Anti-interleukin-21 e il liraglutide per la conservazione della β-cella funzionano in adulti con il diabete di tipo 1 di recente-inizio: ripartita le probabilità su, la prova alla cieca, controllata a placebo, prova di fase 2,„ è stata costituita un fondo per interamente da Novo Nordisk.

Source:
Journal reference:

von Herrath, M., et al. (2021) Anti-interleukin-21 antibody and liraglutide for the preservation of β-cell function in adults with recent-onset type 1 diabetes: a randomised, double-blind, placebo-controlled, phase 2 trial. The Lancet Diabetes and Endocrinology. doi.org/10.1016/S2213-8587(21)00019-X.