Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio esamina gli effetti di uso problematico di Internet sugli adolescenti più anziani

La maggior parte dei adolescenti non ricordano la vita prima di Internet. Sono cresciuto in un mondo connesso ed essere online ha quello diventato delle loro sorgenti principali dell'apprendimento, di intrattenere e di socializzazione.

Altrettanti studi precedenti hanno precisato ed altrettanti genitori si preoccupano, questa realtà non viene privo di rischio. Considerando che il tempo su Internet può essere informativo, istruttivo e perfino piacevole, c'è già letteratura significativa sul danno potenziale causato tramite uso problematico di Internet dei bambini in giovane età (PIU).

Tuttavia, un nuovo studio piombo da István Tóth-Király, un collega postdottorale di orizzonte al laboratorio di ricerca Sostanziale-Metodologico di sinergia nel dipartimento di Concordia della psicologia, è uno soltanto di alcuni che esamina gli effetti di PIU sugli adolescenti più anziani. Il documento co-è stato scritto da professore della psicologia Alexandre Morin e Lauri Hietajärvi e Katariina Salmela-Aro dell'università di Helsinki.

Il documento, pubblicato nello sviluppo di bambino del giornale, sguardi ai dati si è riunito da uno studio longitudinale di 1.750 studenti della High School a Helsinki in tre anni.

Comincia facendo tre grandi domande: che cosa erano alcuni dei preannunciatori o dei fattori determinanti di PIU? Come PIU ha passato il corso di adolescenza recente, in questo caso, le età 16-19? E che cosa sono le conseguenze di PIU fra il gruppo d'età?

Segnali a rischio

I ricercatori hanno identificato tre fattori determinanti principali di PIU fra gli adolescenti. Il primo era solitudine, definita poichè una mancanza di soddisfazione le relazioni interpersonali o dell'insufficienza percepita delle reti sociali. Altri studi su PIU egualmente hanno identificato la solitudine come preannunciatore.

Il Parenting pratica, come percepito dal PIU teenager e anche preveduto. I ricercatori hanno esaminato sia preoccuparsi parentale, quali le espressioni di calore, empatia, interesse che la prossimità verso il bambino e negligenza parentale, definita come la disponibilità irregolare o l'apatia ai bisogni del bambino.

Secondo le aspettative, il migliore parenting è collegato per abbassare PIU, mentre il parenting negligente è collegato ad più alto PIU. I ricercatori hanno notato le differenze in come il comportamento materno e paterno ha pregiudicato l'uso.

Preoccuparsi materno particolarmente è stato associato con PIU più basso, suggerente che le relazioni di alta qualità del madre-bambino potrebbero piombo ad una diminuzione nella necessità di usare Internet eccessivamente. La negligenza paterna, d'altra parte, ha avuta una più forte relazione con più alto PIU, poichè una mancanza di orientamento e di limiti ha ostacolato una capacità teen di fissare i limiti personali.

Per concludere, i ricercatori hanno considerato il genere. Hanno trovato i ragazzi più probabilmente per impegnarsi in PIU che le ragazze, come tendono ad essere a comportamento più del tipo di inducente al vizio incline, sono più impulsive e, come suggerito da altri studi, possono avere opzioni più online quale video o pornografia di YouTube di sorveglianza o di gioco. Le ragazze possono essere più probabili essere online per gli scopi di socializzazione.

Effetti circolari e nocivi

I ricercatori poi hanno esaminato i risultati connessi con PIU, identificante ancora tre vaste categorie.

Il primo è sintomi depressivi. Se lasciato incontrollato, PIU sembra venire con i livelli elevati della depressione. I due sono stati collegati negli studi precedenti, ma Tóth-Király dice che i loro risultati suggeriscono una nuova interpretazione.

Il nostro studio prova a capire questa relazione in un modo bidirezionale o reciproco. Pensiamo che PIU ed i sintomi depressivi siano probabili co-accadere invece di uno che determina l'altro. Probabilmente rinforzano col passare del tempo uno un altro.„

István Tóth-Király, un collega postdottorale di orizzonte, laboratorio di ricerca Sostanziale-Metodologico di sinergia, il dipartimento di Concordia di psicologia

Gli altri risultati collegati a PIU sono livelli elevati di abuso di sostanza e livelli più bassi del risultato accademico. Questi dovevano essere preveduti ed egualmente sono stati creduti co-accadere.

Tóth-Király dice che determinati anni dell'adolescenza passano con una fase di uso pesante di Internet, solitamente intorno ad mezzo adolescenza. Il tempo passato online tende a diminuire come i bambini maturi, a sviluppare i loro propri scopi e limiti ed a formare le loro prime relazioni romantiche. Aggiunge che essere online per ore e ore non è necessariamente offensivo, anche se sembra eccessivo ai genitori.

“Se gli adolescenti spendono molto tempo su Internet ma realmente non urta la loro salute mentale o i loro gradi o non sembra avere alcune conseguenze negative sostanziali, quindi non possiamo realmente dire che questo è comportamento problematico,„ dice.

Source:
Journal reference:

Tóth‐Király, I., et al. (2021) Longitudinal Trajectories, Social and Individual Antecedents, and Outcomes of Problematic Internet Use Among Late Adolescents. Child Development. doi.org/10.1111/cdev.13525.