Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio fornisce i dati accurati sulle reazioni allergiche relative ai vaccini del mRNA COVID-19

Quasi subito dopo i primi di COVID-19 vaccini mRNA basati sono stati autorizzati in caso d'urgenza e sono stati amministrati alle persone fuori dei test clinici, rapporti di anafilassi--una reazione allergica dell'intero-organismo pericoloso--inquietudini diffuse suscitate fra gli esperti ed il pubblico.

Ora, i dati del mondo reale sulle vaccinazioni fra gli impiegati a generale di massa Brigham forniscono le riassicurazioni della rarità di tali reazioni serie e la capacità recuperare da loro. I risultati sono pubblicati nel giornale di American Medical Association.

I vaccini di COVID-19 mRNA sono i primi vaccini del loro genere ed hanno l'efficacia e sicurezza notevoli attraverso tutte le popolazioni. È critico avere informazione esatta sulle reazioni allergiche a questi vaccini, non solo per la nostra situazione attuale, ma anche perché questa nuova piattaforma vaccino è così importante per la risposta pandemica futura.„

Kimberly Blumenthal, MD, MSc, autore principale di studio e co-direttore del programma clinico di epidemiologia, divisione di reumatologia, allergia ed immunologia, policlinico di Massachusetts

A tal fine, Blumenthal ed i suoi colleghi hanno deciso di documentare con attenzione tutte le reazioni allergiche, compreso anafilassi, una volta che cominciassero le vaccinazioni degli impiegati a generale di massa Brigham. Il gruppo ha analizzato le indagini degli impiegati per stimare l'incidenza delle reazioni allergiche dopo i vaccini del mRNA ed ha usato i metodi multipli di sorveglianza per identificare l'incidenza vera di anafilassi.

Fra 52.805 impiegati (4.000 stimati compresi con le allergie significative agli alimenti ed ai farmaci) che è stato esaminato dopo che hanno ricevuto la loro prima dose di un vaccino del mRNA COVID-19, 2% ha avvertito le reazioni allergiche e l'anafilassi si è presentata ad un tasso di 2,47 per 10.000 persone. “Mettere questo nella prospettiva, questo è in gran parte comparabile alle reazioni anafilattiche dagli antibiotici comuni,„ dice Blumenthal.

I ricercatori hanno notato quello sebbene l'incidenza di anafilassi fosse superiore a quella stimata dal centri per il controllo e la prevenzione delle malattie--quale ha messo la tariffa a 0,025 - 0,11 per 10.000 vaccinazioni--è ancora eccessivamente basso e dovrebbe fornire le riassicurazioni, particolarmente per le persone una cronologia delle allergie della droga o dell'alimento.

“La sola esclusione di allergia per la vaccinazione era un episodio priore di anafilassi ad un ingrediente inattivo nel vaccino, chiamato polietilene glicole, o un ingrediente inattivo inter-reattivo ha chiamato il polisorbato,„ dice l'autore Paige co-senior Wickner, il MD, il MPH, Direttore medico del dipartimento di qualità e della sicurezza a Brigham ed all'ospedale delle donne. “Un altro aspetto importante del nostro studio è che tutti i nostri casi di anafilassi hanno recuperato--nessuno ha avuto shock anafilattico o richiesto un tubo di respirazione, anche temporaneamente.„

Source:
Journal reference:

Blumenthal, K. G., et al. (2021) Acute Allergic Reactions to mRNA COVID-19 Vaccines. JAMA. doi.org/10.1001/jama.2021.3976.