Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'esaurimento vitale può aumentare negli uomini mai non sposati, divorziati e vedovi di rischio di attacco di cuore

Gli uomini che avvertono l'esaurimento vitale sono più probabili avere un attacco di cuore, secondo la ricerca presentata oggi a cura cardiovascolare acuta 2021 di ESC, un congresso scientifico online della società europea della cardiologia (ESC). Il rischio di infarto miocardico collegato con esaurimento era particolarmente pronunciato in uomini mai non sposati, divorziati e vedovi.

L'esaurimento vitale si riferisce all'eccessiva fatica, alle sensibilità della demoralizzazione ed all'irritabilità aumentata. È probabilmente una risposta ai problemi intrattabili nelle vite della gente, specialmente quando non possono adattarsi all'esposizione prolungata ai fattori di sforzo psicologici.„

Dott. Dmitriy Panov, autore di studio, istituto di citologia e la genetica, Novosibirsk, Federazione Russa

Questo studio ha esaminato la relazione fra esaurimento vitale ed il rischio di infarto miocardico negli uomini senza cronologia della malattia cardiovascolare. Lo studio ha usato i dati dal progetto (WHO) MONICA dell'organizzazione mondiale della sanità. Un campione rappresentativo di 657 uomini invecchiati 25 - 64 anni a Novosibirsk è stato iscritto nel 1994.

I sintomi di esaurimento vitale sono stati valutati al riferimento facendo uso del questionario vitale di esaurimento di Maastricht adottato dal protocollo di MONICA. I partecipanti sono stati classificati secondo il loro livello di esaurimento vitale: nessuno, moderato, o massimo. I partecipanti sono stati continuati per 14 anni per l'incidenza di attacco di cuore.

In generale, due terzi (67%) degli uomini hanno avuti esaurimento vitale (15% ha avuto un ad alto livello e 52% ha avuto un livello moderato) mentre 33% erano inalterati. Quasi tre quarti (74%) degli uomini con ipertensione ha avuto esaurimento vitale - livello in 58% e moderato in 16%.

Nel gruppo globale di uomini, i ricercatori hanno analizzato l'associazione fra esaurimento vitale al riferimento ed il rischio di avere un attacco di cuore. Rispetto a quelli senza esaurimento vitale, gli uomini al moderato o gli alti livelli hanno avuti un maggior rischio di 2,7 volte di attacco di cuore in cinque anni, un elevato rischio 2,25 in 10 anni e un rischio sollevato 2,1 in 14 anni (P per tutto il <0.05).

Quando l'analisi era controllata per i fattori sociali (formazione, occupazione e stato civile) e l'età, l'influenza di esaurimento vitale sul rischio di attacco di cuore è diminuito statisticamente ma rimanere significativa. Per esempio, rispetto a quelli senza esaurimento vitale, gli uomini al moderato o gli alti livelli erano 16% più probabili avere un infarto miocardico in 14 anni di seguito confrontati a quelli senza dopo avere registrato per ottenere i fattori e l'età sociali (P <0.05).

Nell'analisi di regolato, il rischio di attacco di cuore collegato con esaurimento era più alto nel non sposato in mai, divorziato e gli uomini vedovi hanno confrontato agli uomini sposati - con i rapporti di rischio di 3,7, 4,7, 7,0, rispettivamente. Il rischio di attacco di cuore relativo ad esaurimento era volta 2,2 più su in quelli con una formazione della scuola elementare rispetto agli uomini ad un titolo universitario. Gli uomini di mezza età erano più commoventi dei giovani: confrontato a 24-34 anni, il rischio di attacco di cuore relativo ad esaurimento era volta 3,8 più su in 45-54 anni e 5,9 volta più su in 55-64 anni.

Per quanto riguarda l'influenza di stato civile sulla relazione fra esaurimento e attacco di cuore, il Dott. Panov ha detto: “Vivere da solo indica meno supporto sociale, che conosciamo dai nostri studi priori siamo un fattore di rischio indipendente per infarto miocardico ed il colpo.„

Ha notato che i risultati indicano un reticolo con cui lo svantaggio sociale si riferisce ad esaurimento vitale, che è associato con un maggior rischio di malattia di cuore. “La relazione di esaurimento con minacciare gli eventi cardiovascolari dovrebbe essere considerata quando valuta il rischio,„ ha detto.

Il Dott. Panov ha concluso: “Gli sforzi per migliorare il benessere e diminuire lo sforzo a casa e sul lavoro possono contribuire a diminuire l'esaurimento vitale. La partecipazione ai gruppi di comunità è un modo aumentare il supporto sociale e diventare meno vulnerabile per sollecitare. Insieme ad uno stile di vita sano, queste misure dovrebbero essere utili per salubrità del cuore.„