Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Allogeneic adiposo-ha derivato le cellule staminali può attenuare dalla la sindrome acuta indotta TBI di radiazione

L'energia nucleare offre un modo efficiente e affidabile fornire l'energia alle grandi popolazioni - finchè tutta va bene. Gli incidenti che comprendono i reattori nucleari come quelli che hanno avuto luogo nel 1986 a Cernobyl ed a Fukushima Daiichi dopo il maggiore dell'aumento di tsunami del marzo 2011 interessa circa che cosa accade se il peggio accade e tantissima gente sono esposti simultaneamente agli alti livelli di radiazione. Corrente, ci sono terapie non efficaci e sicure per irradiamento dal corpo intero (TBI) - una circostanza conosciuta come la sindrome acuta di radiazione (ARS). Quello ha potuto cambiare, in futuro basato sulla nuova ricerca pubblicata nella medicina di traduzione delle CELLULE STAMINALI.

I ricercatori all'università di centro medico di Pittsburgh (UPMC) hanno dimostrato, per la prima volta, come le cellule staminali adiposo-derivate allogeneic (ASCs) possono attenuare dall'l'ARS indotta TBI. Ciò terrebbe conto l'accumulazione di queste celle essere usata nel caso di un'emergenza radioattiva.

In quasi tutte le istanze dell'esposizione di TBI, il danno pericoloso primario è inflitto sul sistema ematopoietico, che soprattutto consiste del midollo osseo, della milza, delle tonsille e dei linfonodi in questione nella produzione di sangue. Le dosi elevate di radiazione possono danneggiare irreparabile il midollo osseo, pregiudicante il sistema immunitario e potenzialmente causante l'infiammazione e l'infezione.„

Asim Ejaz, Ph.D., il co-author dello studio, dipartimento di UPMC di chirurgia plastica

Un trapianto ematopoietico abbinato della cellula staminale è la terapia corrente della scelta. I pazienti possono o donare le loro proprie cellule staminali per trapianto - hanno chiamato un trapianto “autologo„ - o un donatore di cui le cellule staminali sono una buona corrispondenza è trovato. Le probabilità di individuazione della corrispondenza adeguata sono basse a circa 30 per cento e per alcune popolazioni le probabilità sono anche di meno.

“Quel fatto piombo alla questione importante con contare su questo tipo di terapia: In una coinvoluzione di massa dello scenario di esposizione della popolazione diverse centinaia a milioni di persone, la trasfusione ematopoietica della cellula staminale è un modo impossibile in avanti poichè non c'è appena modo trattare i numeri massicci della gente che è esposta a radiazione allo stesso tempo. E purtroppo, una tal mora nel trattamento per tantissime persone il più certamente piombo ad un aumento nel loro tasso di mortalità,„ il Dott. Ejaz ha detto.

Parecchie droghe corrente stanno essendo come terapie potenziali guardate, ma nessuno assicura la protezione completa e tutti hanno effetti secondari indesiderati. Ciò lascia l'esigenza delle terapie alternative. Gli studi precedenti hanno riferito che le cellule staminali mesenchymal derivate dal midollo osseo, dalla placenta o dalla gelatina di Wharton possono attenuare gli effetti dell'ARS. Tuttavia, il rendimento e la difficoltà bassi nel raccolto e nella fabbricazione in serie di queste celle per l'accumulazione sono alcuni dei loro svantaggi.

“C'è un a candidato che basato a cella attraente stiamo esaminando,„ ha detto J. Peter Rubin, M.D., presidenza del dipartimento di chirurgia plastica a UPMC e un co-author dello studio, “e di quello è le cellule staminali allogeneic adiposo-derivate (ASCs). Queste sono cellule staminali mesenchymal derivate dal tessuto adiposo (fat), che può essere raccolto facilmente in vasta quantità dai donatori via la liposuzione.

“ASCs Adiposo-derivato si è rivelato essere sicuro, hanno capacità di auto-rinnovo e possono subire la differenziazione per maturare le celle,„ ha aggiunto. “Egualmente sono molto facili da propagarsi nella coltura cellulare confrontata ad altri tipi delle cellule, che i mezzi essi possono essere accumulati per l'applicazione ai livelli di massa nel caso degli incidenti di radiazione.„

Lo studio del gruppo messo a fuoco su come trattare i mouse che sono stati esposti agli alti livelli di radiazione con le iniezioni di ASCs allogeneic ha misurato fino a trattarle con ASCs autologo. In particolare, hanno voluto vedere se le iniezioni migliorassero i tassi di sopravvivenza degli animali e riparassero il danneggiamento dei loro sistemi ematopoietici.

Le iniezioni sono state date 24 ore dopo che i mouse sono stati esposti alla radiazione. Quando, i 35 giorni più successivamente, i ricercatori hanno esaminato i risultati, hanno trovato che i gruppi CSA-trattati allogeneic hanno eseguito ugualmente alle celle autologhe nel miglioramento delle tariffe della sopravvivenza e di ripristino degli animali contro il gruppo di controllo non trattato.

“Il ASCs aveva migrato al midollo osseo e la riparazione facilitata secernendo parecchi fattori conosciuti per diminuire lo sforzo ossidativo e per salvare ha danneggiato le celle del midollo osseo dal apoptosis,„ il Dott. Ejaz ha detto.

Dott. aggiunto Rubin, “questo suggerisce che la terapia allogeneic di ASCs possa essere utile affinchè l'adattamento clinico tratti dalle le tossicità indotte TBI. Ulteriori studi contribuiranno a sostenere il portare su scala industriale e l'adattamento di ASCs allogeneic come le contromisure di radiazione.„

“I dati da questo studio preclinico che suggerisce la capacità delle cellule staminali grasso-derivate come terapia efficacemente di attenuare la sindrome acuta di radiazione sono interessanti e potenzialmente utile,„ ha detto Anthony Atala, M.D., il redattore capo delle CELLULE STAMINALI medicina di traduzione e Direttore dell'istituto della foresta di risveglio per medicina a ricupero. “Corrente, ci sono approcci non efficaci e sicuri ad esposizione della popolazione della massa dell'ossequio alla sindrome acuta di radiazione; accogliamo favorevolmente gli studi futuri che permetteranno all'adattamento clinico di questo tipo di terapia.„

Source:
Journal reference:

Chinnapaka, S., et al. (2021) Allogeneic adipose‐derived stem cells mitigate acute radiation syndrome by the rescue of damaged bone marrow cells from apoptosis. Stem Cells Translational Medicine. doi.org/10.1002/sctm.20-0455.