Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il consumo di zucchero aggiunto amplifica la produzione grassa nel fegato

Troppo zucchero è non sano - quel sappiamo, ma non è appena giù alle molte calorie. Anche gli importi moderati di fruttosio e di saccarosio aggiunti la propria produzione grassa nel fegato, ricercatori del doppio ente dall'università di Zurigo hanno indicato. A lungo termine, questo contribuisce allo sviluppo del diabete o di un fegato grasso.

Lo zucchero si aggiunge a molte derrate alimentari comuni e la gente in Svizzera consuma più di 100 grammi ogni giorno. Il contenuto calorico elevato dello zucchero causa l'eccessiva peso ed obesità e le malattie associate. Ma troppo zucchero ha di altri effetti nocivi se consumato regolarmente? Ed in caso affermativo, che zucchera in particolare?

Anche gli importi moderati dello zucchero aumentano la sintesi grassa

I ricercatori all'università di Zurigo (UZH) e dell'ospedale universitario Zurigo (USZ) stanno studiando queste domande. Confrontato agli studi precedenti, che pricipalmente hanno esaminato il consumo di quantità elevate dello zucchero molto, i loro risultati indicano che anche gli importi moderati piombo ad un cambiamento nel metabolismo dei partecipanti della prova. “Quotidiano ottanta grammi di zucchero, che è equivalente a circa 0,8 litri di bibita normale, amplifica la produzione grassa nel fegato. E la produzione grassa iperattiva continua per un periodo più lungo, anche se il non più zucchero è consumato,„ dice la guida Philipp Gerber di studio del dipartimento dell'endocrinologia, della diabetologia e della nutrizione clinica.

I novantaquattro giovani in buona salute hanno partecipato allo studio. Ogni giorno per un periodo di sette settimane, hanno consumato una bevanda zuccherata con differenti tipi di zuccheri, mentre il gruppo di controllo non ha fatto. Le bevande hanno contenuto il fruttosio, il glucosio o il saccarosio (zucchero di tabella che è una combinazione di fruttosio e di glucosio). I ricercatori poi hanno usato gli elementi traccianti (contrassegnati sostanze che possono essere rintracciati mentre si muovono attraverso l'organismo) per analizzare l'effetto delle bevande zuccherate sul metabolismo dei lipidi.

Doppia produzione grassa del saccarosio e del fruttosio oltre l'ingestione di cibo

In generale, i partecipanti non hanno consumato più calorie che prima che lo studio, poichè la bevanda zuccherata ha aumentato la sazietà e quindi hanno diminuito la loro assunzione di caloria da altre sorgenti. Tuttavia, i ricercatori hanno osservato che il fruttosio ha un effetto negativo: “La propria produzione grassa dell'organismo nel fegato era due volte alta nel gruppo del fruttosio quanto nel gruppo del glucosio o nel gruppo di controllo - e questo era ancora il caso più di dodici ore dopo l'ultimo consumo dello zucchero o del pasto,„ dice Gerber. Particolarmente sorprendente era che lo zucchero che consumiamo il più comunemente, il saccarosio, la sintesi grassa amplificata leggermente più della stessa quantità di fruttosio. Finora, è stato pensato che il fruttosio fosse più probabile da causare tali cambiamenti.

Sviluppo di fegato grasso o di diabete più probabilmente

La produzione grassa aumentata nel fegato è un primo punto significativo nello sviluppo delle malattie comuni quali fegato grasso e diabete di tipo 2. Da una prospettiva di salubrità, l'organizzazione mondiale della sanità raccomanda di limitare il consumo quotidiano dello zucchero ad intorno 50 grammi o, ancora migliore, a 25 grammi.

Ma siamo distanti che segno in Svizzera. I nostri risultati sono una tappa critica nella ricerca degli effetti nocivi degli zuccheri aggiunti e saranno molto significativi per le raccomandazioni dietetiche future.„

Philipp Gerber, guida di studio

Source:
Journal reference:

Geidl-Flueck, B., et al. (2021) Fructose- and sucrose- but not glucose-sweetened beverages promote hepatic de novo lipogenesis: A randomized controlled trial. Journal of Hepatology. doi.org/10.1016/j.jhep.2021.02.027.