Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio conferma quello di più alto livello di materno aumenti del folato il peso alla nascita del bambino

Immagini che stiate andando condurre la ricerca su come i fattori differenti pregiudicano un bambino nell'utero.

Le cattive abitudini quali l'alcool di fumo e bevente o le abitudini alimentari difficili sono fattori che possono pregiudicare il bambino. Tuttavia, sarebbe completamente inammissibile affinchè un ricercatore chieda ad una donna incinta di esporrsi a qualcosa che potrebbe essere non sano. Di conseguenza, dobbiamo trovare altri modi esaminare che cosa possiamo qui chiamare le influenze esterne o fattori ambientali.

Geni usati per esaminare le relazioni causali

Un'influenza esterna durante la gravidanza ha potuto essere qualcosa come la dieta o una malattia di una persona. In un nuovo studio, il fuoco era sui livelli materni di folato e su B12, due varianti della vitamina B.

I ricercatori hanno voluto scoprire se c'è una relazione causale fra i livelli materni di folato o B12 ed il peso alla nascita del bambino. Facendo uso di nuovo metodo, hanno confermato che un di più alto livello di folato materno aumenta il peso alla nascita del bambino. Egualmente hanno trovato che B12 non pregiudica il peso del bambino. Il metodo che hanno usato era di dare uno sguardo più attento ai geni.

Gli studi sono stati intrapresi dal collega postdottorale Gunn-Helen Øiseth Moen all'istituto di medicina clinica, in collaborazione con i ricercatori all'università di Queensland, all'università di Exeter ed all'università di Bristol.

I metodi precedenti sono stati inesatti

Precedentemente, erano comuni usare i cosiddetti studi d'osservazione per questo tipo di ricerca.
La sfida dell'osservazione è che i partecipanti stessi devono riferire ai ricercatori, significanti che gli errori possono accadere rapidamente.

Inoltre, le variabili di confusione possono causare i problemi.

Cioè l'effetto che il ricercatore è interessato dentro è misto insieme all'effetto di altre variabili che lo studio non considera. La ragione può essere che non sono conosciute o non sono misurate abbastanza esattamente.

Un esempio è che i partecipanti della ricerca tendono a riferire le abitudini alimentari leggermente più sane che essi realmente ha.

Un altro esempio può essere che non è le abitudini alimentari della madre che determinino il peso alla nascita del bambino, ma che un altro fattore pregiudica sia le abitudini alimentari che altre abitudini quali l'alcool di fumo e bevente e l'attività fisica. Di conseguenza, può essere difficile affinchè i ricercatori analizzi che il fattore ha un effetto causale diretto.

Dati usati dagli studi genetici

In questo studio, i ricercatori hanno usato i dati dagli studi genetici che hanno messo a fuoco su folato, sul vitamina b12 e sul peso alla nascita. Il collega postdottorale Gunn-Helen Øiseth Moen spiega:

Abbiamo usato le varianti che genetiche conosciamo siamo collegati a B12 materno ed ai valori folici ed esaminatore se questi sono di importanza relativamente al peso alla nascita del bambino.„

I ricercatori hanno trovato le varianti del gene che mostrano così relazione causale. Le varianti sono state utilizzate in un metodo statistico chiamato Mendelian Randomization.

Il nome si riferisce in secondo luogo alla legge di Mendel, che specifica che i geni differenti sono ereditati indipendentemente da uno un altro nelle celle riproduttive. Di conseguenza, possiamo esaminare le varianti del gene come a caso distribuendoci - cioè ripartito le probabilità su - fra le persone.

Contribuendo alle migliori raccomandazioni

Moen crede questo contributo alla ricerca possa essere importante perché permette che noi esaminiamo le relazioni causali fra altre influenze esterne durante la gravidanza e la salubrità del bambino. Sia alla nascita che più successivamente nella vita.

“Non c'è necessità di esporre le donne incinte alle influenze potenzialmente avverse„, dice. A lungo termine, può contribuire alle raccomandazioni più basate a prova, quella non è basata sugli studi d'osservazione che possono comprendere le sorgenti dell'errore.

Source:
Journal reference:

Moen, G.-H., et al. (202) Investigating the causal effect of maternal vitamin B12 and folate levels on offspring birthweight. International Journal of Epidemiology. doi.org/10.1093/ije/dyaa256.