Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

gli anticorpi del dominio del N-terminale svolgono un ruolo chiave nell'immunità di COVID

Gli scienziati stanno imparando che una regione poco-studiata sul coronavirus pandemico è riconosciuta dagli anticorpi di infezione-combattimento COVID-19. Questi anticorpi sono stati identificati in campioni di sangue dai pazienti precedentemente infettati e sono stati trovati potente per impedire al virus di infettare le celle.

La proteina della punta di coronavirus è il tasto che apre la porta alla cella e gli anticorpi legano alla proteina della punta per inceppare questa funzione. Molta attenzione è stata prestata a studiare gli anticorpi che mirano al dominio dell'ricevitore-associazione sulla proteina della punta di coronavirus. (Il dominio dell'ricevitore-associazione della punta è responsabile dell'avviamento della fusione del virus con una cellula ospite per raggiungere un assorbimento.)

Tuttavia, alcuni degli anticorpi dei pazienti recuperati hanno bloccato il coronavirus legando ad un posto differente sulla punta del virus -- il dominio del N-terminale. Questi anticorpi erano forti quanto quelli che legano al dominio dell'ricevitore-associazione, manifestazioni recenti di uno studio.

Facendo uso di cryo-microscopia dell'elettrone (cryoEM) per mappare dove questi anticorpi limitati hanno indicato che tutti gli anticorpi che impediscono la legatura di infezione un singolo posto sul dominio del N-terminale. La ricerca pubblicata in cella ha dimostrato che questi criceti siriani protetti degli anticorpi da SARS-CoV-2, il coronavirus che causa COVID-19 nella gente.

I risultati recenti supplementari indicano che il virus sta sfidando lentamente questi anticorpi che la gente sta acquistando. Il virus sta adattandosi a questi anticorpi accumulando le mutazioni che aiutano il virus a sfuggire a queste difese, cosiddetta variante-de-preoccupazione diventante.

Alcune di queste varianti, come quei in primo luogo individuati nel Regno Unito e nel Sudafrica, contengono le mutazioni che sembrano rendere il virus meno vulnerabile alla potenza di neutralizzazione degli anticorpi del dominio del N-terminale.

“Parecchie varianti SARS-CoV-2 harbor le mutazioni all'interno della loro area enorme del dominio del N-terminale,„ i ricercatori celebri. “Questo suggerisce la pressione selettiva in corso.„

Hanno aggiunto quello che studiano questi meccanismi di fuga di neutralizzazione stanno rivelando alcuni modi che non convenzionali il dominio del N-terminale sul virus sta acquistando la resistenza dell'anticorpo e sono perché le varianti del dominio del N-terminale autorizzano il video più vicino.

Gli autori senior sul documento delle cellule sono David Veesler, professore associato della biochimica alla scuola di medicina dell'università di Washington a Seattle come pure Matteo Samuele Pizzuto e Davide Corti Biomed il SA, una consociata di Humabs di biotecnologia di Vir. Gli autori principali sono Matthew McCallum del servizio della facoltà di medicina di UW della biochimica ed Anna De Marco di Humabs Biomed.

Gli anticorpi del dominio del N-terminale in questo studio sono stati derivati dai linfociti B di memoria, che sono globuli bianchi che possono riconoscere con insistenza un agente patogeno precedentemente incontrato e rilanciano una risposta immunitaria.

gli anticorpi specifici del dominio del N-terminale probabilmente agiscono di concerto con altri anticorpi per intraprendere una rivolta multi-fronti contro il coronavirus. Gli anticorpi del dominio del N-terminale sembrano inibire la fusione della virus-cella. Nella congiunzione, un'altra parte dell'anticorpo, ha chiamato un frammento costante, ha potuto anche attivare alcuni di altri approcci dell'organismo ad eliminare il virus.

Questo studio mostra che quel gioco NTD-diretto degli anticorpi un ruolo importante nella risposta immunitaria a SARS-CoV-2 ed essi sembrano contribuire una pressione selettiva chiave per evoluzione virale e l'emergenza delle varianti.„

David Veesler, professore associato, biochimica, scuola di medicina dell'università di Washington, Seattle

La ricerca continua sugli anticorpi di neutralizzazione del dominio del N-terminale può piombo alle droghe antivirali terapeutiche e preventive migliori per COVID-19 come pure informa la progettazione di nuovi vaccini o la valutazione della corrente un.

Per esempio, i pazienti che hanno recuperato da COVID-19 e più successivamente hanno ricevuto una prima dose di un vaccino del mRNA potrebbero avvertire una spinta in loro anticorpi di neutralizzazione del dominio del N-terminale. Inoltre, un cocktail degli anticorpi che mirano ai domini critici differenti sul coronavirus potrebbe anche essere un approccio di promessa affinchè gli scienziati medici esamini per vedere se assicura la vasta protezione contro gli sforzi variabili.

I ricercatori hanno sollecitato che, sebbene i vaccini correnti “stiano spiegandi ad un passo senza precedenti, la cronologia per fabbricazione su grande scala e la distribuzione ad una popolazione abbastanza grande per immunità della comunità ancora rimane incerta.„

Droghe antivirali, spiegano, si pensano che svolgano un ruolo nella malattia gestente durante la pandemia in corso. Sono probabili essere particolarmente utili, secondo i ricercatori, per le persone unvaccinated e per coloro che non ha ottenuto una risposta immunitaria abbastanza forte dalle loro vaccinazioni.

I Antivirals potrebbero anche provare vitale quando immunità dall'infezione precedente o dai declini della vaccinazione, o come gli sforzi mutanti che attraversano il carter della vaccinazione emergono.

Source:
Journal reference:

McCallum, M., et al. (2021) N-terminal domain antigenic mapping reveals a site of vulnerability for SARS-CoV-2. Cell. doi.org/10.1016/j.cell.2021.03.028.