Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I vaccini di COVID hanno anticorpi rilevabili di soltanto 17% contro il virus SARS-CoV-2

Quando i test clinici sono stati condotti per determinare l'immunizzazione -- la capacità di suscitare una risposta immunitaria -- per i primi due vaccini marshaled contro SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19, un gruppo non era fra quelli inclusi: la gente che ha ricevuto i trapianti di organi solidi ed altre (come quelli con i disordini autoimmuni) che immunocompromised.

Ora, Johns Hopkins che ricercatori della medicina ha provato a rettificare quell'ingiustizia, catturante uno del primo esamina come la gente che immunocompromised risponde alla loro prima dose di uno dei due vaccini del mRNA -- Moderna e Pfizer-BioNTech -- corrente essendo amministrando universalmente. Come il 15 marzo 2021 pubblicato, i loro risultati in una lettera della ricerca nel giornale di American Medical Association indicano deludente che soltanto 17% ha prodotto gli anticorpi rilevabili contro il virus SARS-CoV-2.

Ciò è in forte contrasto con la gente con i sistemi immunitari sani cui sono vaccinati, quasi tutti i cui supporto una difesa sufficiente dell'anticorpo contro COVID-19.„

Brian Boyarsky, M.D., autore principale di studio e residente della chirurgia, scuola di medicina di Johns Hopkins University

Lo studio ha valutato la risposta immunogena vaccino per 436 destinatari del trapianto, nessuno di cui ha avuto una diagnosi priore di COVID-19 o provata positivamente ad anticorpi SARS-CoV-2. L'età media era di 55,9 anni e 61% erano donne. Cinquantadue per cento sono stati amministrati un d'una sola dose del vaccino di Pfizer-BioNTech e 48% ha ricevuto uno scatto del vaccino di Moderna. Il tempo mediano poiché il trapianto per i partecipanti era di 6,2 anni.

Ad un tempo mediano dei 20 giorni dopo la prima dose del vaccino, i ricercatori riferiscono che soltanto 76 dei 436 partecipanti (17%) hanno avuti anticorpi rilevabili al virus SARS-CoV-2. I ricercatori egualmente hanno trovato quello fra i 76 destinatari del trapianto, il più probabili sviluppare una risposta dell'anticorpo erano quelli più giovani di 60 chi non ha catturato gli antimetaboliti per immunosoppressione e chi ha ricevuto il vaccino di Moderna.

“Dato queste osservazioni, riteniamo che il centri per il controllo e la prevenzione delle malattie degli Stati Uniti dovrebbe aggiornare le loro nuove linee guida affinchè le persone vaccinate avverta la gente immunocompromised che ancora possono essere suscettibili di COVID-19 dopo la vaccinazione,„ dica lo studio Dorry senior Segev autore, M.D., Ph.D., Marjory K. e professore di Thomas Pozefsky di chirurgia e l'epidemiologia e Direttore del gruppo di ricerca dell'epidemiologia nel trapianto dell'organo alla scuola di medicina di Johns Hopkins University. “Mentre le linee guida corrente sono scritte, la gente suppone che la vaccinazione significa l'immunità.„

Segev dice che gli studi imminenti definiranno la risposta immunogena dei destinatari del trapianto di organi e di altri pazienti immunocompromised dopo una seconda dose vaccino. Altri studi esamineranno l'impatto di delineamento più esteso del sistema immunitario -- compreso la caratterizzazione delle celle immuni che ricordano SARS-CoV-2 dopo la vaccinazione e producono gli anticorpi o direttamente attacchi il virus in risposta alla presenza del virus -- per aiutare le strategie di vaccinazione della guida per questa popolazione.

Source:
Journal reference:

Boyarsky, B. J., et al. (2021) Immunogenicity of a Single Dose of SARS-CoV-2 Messenger RNA Vaccine in Solid Organ Transplant Recipients. Journal of the American Medical Association. doi.org/10.1001/jama.2021.4385.