Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Concessione principale di CIHR da contribuire a trovare ed affrontare la causa di origine della malattia neurodegenerative

Il Dott. Simonetta Sipione, il ricercatore di GlycoNet e professore nel dipartimento di farmacologia all'università di alberta, recentemente hanno ricevuto una concessione quinquennale importante dagli istituti canadesi della ricerca di salubrità (CIHR), degno $1,04 milioni. Le configurazioni di progetto sopra lavoro precedentemente costituito un fondo per da GlycoNet.

Il progetto mira a chiarire il ruolo terapeutico dei gangliosidi, una famiglia delle molecole del glicolipide che hanno beni sia dei lipidi che dei carboidrati, nel cervello.

Questi gangliosidi altamente sono arricchiti nel cervello sano. Aiutano le cellule cerebrali a comunicare a vicenda e con l'ambiente.„

Dott. Simonetta Sipione, principale inquirente sul progetto

“Durante l'invecchiamento ed in alcuni casi delle malattie neurodegenerative, compreso la malattia di Huntington e la malattia del Parkinson, il livello di alcuni dei gangliosidi è più basso nel cervello del paziente,„ dice Sipione. “Siamo interessati nello scoprire perché e sviluppando un trattamento possibile che affronta la root della malattia, non appena i sintomi.„

Corrente, i pazienti che hanno malattie neurodegenerative sono prescritti solitamente con i farmaci per migliorare la depressione di lotta e del movimento. Tuttavia, nessuno di questi farmaci indirizzano la causa di malattia, che è la capitalizzazione delle proteine tossiche nel cervello. L'individuazione dei modi impedire questa accumulazione tossica girerà la tabella sui metodi correnti per trattare queste malattie.

Precedentemente, il gruppo di Sipione poteva rallentare il neurodegeneration in un modello del mouse della malattia di Huntington attraverso l'iniezione di un tipo di GM1 chiamato ganglioside nel cervello del mouse.

“Riparare il livello di GM1 nel cervello potrebbe essere un trattamento potenziale per coloro che sperimenta, o dà segni di, neurodegeneration,„ dice Sipione. Ora, il suo gruppo sta studiando il meccanismo di atto, poichè questa conoscenza farebbe luce su altri aspetti in neuro e in glycoscience e contribuirebbe a sviluppare i trattamenti.

Secondo Sipione, la concessione di CIHR permetterà al suo gruppo di scoprire come GM1 aiuta il cervello per eliminare, o persino impedire, l'accumulazione delle proteine tossiche.

“Per usare un'analogia semplice, le proteine tossiche sono come immondizia ed il vostro cervello è come una casa. Se l'immondizia si accumula nella casa e nessuno la getta fuori, la vostra casa sta andando odorare. Pensiamo che GM1 ed altri gangliosidi abbiano un ruolo chiave nell'istruzione delle cellule cerebrali in moda da potere essere gettato correttamente fuori ed eliminare l'immondizia (proteine tossiche) dai collettori dei rifiuti, che sono altre biomolecole nel cervello,„ lei aggiungano. “I nostri studi contribuiranno a determinare il meccanismo di fondo degli effetti terapeutici di GM1 e se altre simili molecole potrebbero essere un trattamento novello, non solo per la malattia di Huntington, ma anche potenzialmente per Parkinson ed il morbo di Alzheimer.„

La società di Huntington del Canada riferisce che circa 1 in 7,000 persone nel Canada ha malattia di Huntington. Un altro rapporto dalla società del Alzheimer suggerisce che quello oltre 500.000 canadesi stia vivendo con la demenza che risultati dai disordini neurogenerative compreso Alzheimer e la malattia del Parkinson. Poichè gli anziani nel Canada sono un segmento rapido crescente della popolazione, da ora al 2031, è stimato che il numero aumenti a 937.000.

Sipione, che si è preparato come biochimico, crede che l'approccio interdisciplinare del suo laboratorio fornisca un'opportunità unica di scoprire le emissioni centrali a salubrità del cervello. Il suo scopo è di fare leva la conoscenza dalle sue scoperte della ricerca per creare i vantaggi tangibili per la gente sia nel Canada che universalmente.