Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'imitazione dei segnali di sforzo può proteggere il cervello e la retina da invecchiamento

Come le parti del corpo differenti comunicano? Gli scienziati alla st Jude stanno studiando come segnali inviati dall'influenza del muscolo scheletrico il cervello.

Il gruppo ha studiato le mosche di frutta ed i modelli di avanguardia della cellula cerebrale hanno chiamato i organoids. Hanno messo a fuoco sui segnali che i muscoli inviano una volta sollecitati. I ricercatori hanno trovato che i segnali di sforzo contano su un enzima chiamato amilasi di Amyrel ed il suo prodotto, il maltosio del disaccaride.

Gli scienziati hanno mostrato che quello imitare i segnali di sforzo può proteggere il cervello e la retina da invecchiamento. I segnali funzionano impedendo l'accumulazione dei cumuli misfolded della proteina. I risultati suggeriscono che quello adattare questa segnalazione possa potenzialmente aiutare per combattere i termini neurodegenerative come demenza ed il morbo di Alzheimer relativi all'età.

Abbiamo trovato che una risposta di sforzo indotta in muscolo potrebbe urtare non solo il muscolo ma anche promuovere il controllo di qualità della proteina in tessuti distanti come il cervello e la retina. Questa risposta di sforzo realmente stava proteggendo quei tessuti durante l'invecchiamento.„

Fabio Demontis, PhD, neurobiologia inerente allo sviluppo, ospedale della ricerca dei bambini della st Jude

Il metabolismo delle cellule ha pubblicato un rapporto su questo lavoro.