Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca trova i fattori chiave che potrebbero piombo ad ulteriori pandemie

Gli esseri umani sono creanti o esacerbanti le condizioni ambientali che potrebbero piombo ad ulteriori pandemie, nuova università di ritrovamenti della ricerca di Sydney.

Modellando dal banco di Sydney della scienza veterinaria suggerisce che la pressione sugli ecosistemi, il mutamento climatico e lo sviluppo economico siano fattori chiave connessi con la differenziazione degli agenti patogeni (checausano gli agenti, come i virus ed i batteri). Ciò ha potenziale di piombo agli scoppi di malattia.

La ricerca, dal Dott. Balbir B Singh, il professor Michael Ward ed il professore associato Navneet Dhand, è pubblicata nelle malattie oltre confine e di emergenza internazionali del giornale.

Hanno trovato una maggior diversità delle malattie zoonotiche (malattie trasmesse fra gli animali e gli esseri umani) nei paesi di più alto reddito con le più grandi aree territoriali, in popolazioni umane più dense e nella maggior copertura forestale.

Lo studio egualmente conferma la crescita demografica aumentante e la densità è driver importanti nell'emergenza delle malattie zoonotiche. La popolazione umana globale è aumentato oggi da circa 1,6 miliardo nel 1900 a circa 7,8 miliardo, esercitando la pressione sugli ecosistemi.

Come gli aumenti di popolazione umana, in modo da fa la domanda dell'abitazione. Per rispondere a questa esigenza, gli esseri umani stanno invadendo sugli habitat selvaggi. Ciò aumenta le interazioni fra fauna selvatica, gli animali domestici e gli esseri umani che aumenta il potenziale per gli errori al salto dagli animali agli esseri umani.„

Fin qui, tali modelli di malattia sono stati limitati e continuiamo ad essere frustrati nella comprensione perché le malattie continuano ad emergere,„ abbiamo detto il professor Ward, malattie infettive esperte.

Questi informazioni possono contribuire ad informare la diminuzione di malattia e possono impedire il COVID-19 seguente.„

Navneet Dhand, professore associato

Altre malattie zoonotiche che recentemente hanno devastato le popolazioni umane comprendono l'influenza aviaria (H5N1) e dei maiali di SAR, (H1N1), Ebola e Nipah - un virus pipistrello-sopportato.

Scompone la malattia in fattori di predizione

I ricercatori hanno scoperto dei i fattori livelli del paese che predicono tre categorie di malattia: zoonotico, emergere (malattie recentemente scoperte, o quelle malattie che sono aumentato di avvenimento o si sono presentate nelle nuove posizioni) ed essere umano.

  • Malattie zoonotiche: area territoriale, densità demografica di popolazione umana e area della foresta. Le aree con alta diversità zoonotica di malattia includono Europa, l'America settentrionale, America Latina, l'Australia e la Cina.
  • Malattie emergenti: area territoriale, densità demografica di popolazione umana e l'indice analitico di sviluppo umano. Le aree con alta diversità emergente di malattia includono Europa, America settentrionale,
  • Malattie umane: alti spese sanitarie, temperatura media annua, area territoriale, densità demografica di popolazione umana, indice analitico di sviluppo umano e pioggia pro capite. Le aree con alta diversità umana di malattia includono l'America settentrionale, America Latina, la Cina e l'India.

“I paesi all'interno di una longitudine di -50 - di -100 come il Brasile, di paesi sviluppati come gli Stati Uniti e di paesi densi quale l'India sono stati preveduti per avere una maggior diversità delle malattie emergenti,„ il professor Ward ha detto.

I ricercatori egualmente hanno notato le variabili del tempo, quale la temperatura e la pioggia, potrebbe influenzare la diversità delle malattie umane. Alle temperature più calde, tende ad essere più agenti patogeni emergenti.

Le analisi dimostrano che le variabili del tempo (temperatura e pioggia) hanno il potenziale di influenzare la diversità che dell'agente patogeno questi fattori combinati confermano lo sviluppo umano - compreso mutamento climatico umano-influenzato - non solo i danni il nostro ambiente ma che è responsabili dell'emergenza delle malattie infettive, quale COVID-19.

Facendo uso dei dati da contribuire ad impedire gli scoppi

“La nostra analisi suggerisce che lo sviluppo sostenibile sia non solo critico agli ecosistemi ed al mutamento climatico di mantenimento di rallentamento; può informare il controllo di malattie, diminuzione, o prevenzione,„ il professor Ward ha detto.

“dovuto il nostro uso dei dati di livello nazionale, tutti i paesi potrebbero usare questi modelli per informare le loro politiche sanitarie e pianificazione di salute pubblica per le pandemie potenziali future.„

Metodologia: Gli autori hanno usato 13.892 combinazioni del agente-paese e 49 unici socioeconomici e variabili ambientali per sviluppare questo modello. Le informazioni da 190 paesi sono state analizzate facendo uso dei modelli statistici per identificare i driver per le malattie emergenti e zoonotiche.

Source:
Journal reference:

Singh, B.B., et al. (2021) Geodemography, environment and societal characteristics drive the global diversity of emerging, zoonotic and human pathogens. Transboundary and Emerging Disease. doi.org/10.1111/tbed.14072.