Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio trova l'aumento rapido in livelli di anticorpo di IgA e di IgG dopo la vaccinazione di COVID-19 mRNA

I vaccini sono stati annunziati come la sola uscita dalla pandemia in corso di malattia 2019 di coronavirus (COVID-19), causata dal coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo. Questa conclusione è stata raggiunta a causa dell'ad alto rischio della mortalità negli anziani connessi con l'infezione naturale, che preclude questo itinerario ad immunità della popolazione.

Una nuova pubblicazione preliminare, rilasciata sul " server " del medRxiv*, descrive la cinetica della risposta dell'anticorpo ai vaccini approvati più in anticipo contro COVID-19, che sono stati sviluppati su una piattaforma dell'acido ribonucleico del messaggero (mRNA).

Studio: Risposte dell
Studio: Risposte dell'essere umano IgG e di IgA ai vaccini di COVID-19 mRNA. Credito di immagine: LookerStudio/Shutterstock

I vaccini del mRNA

Il mRNA è una molecola che trascrive le informazioni su sintesi delle proteine dai geni sul filo di RNA che contiene tutte le informazioni genetiche del virus.

Il mRNA utilizzato in questi vaccini codifica le informazioni sulla proteina della punta, a cui è la proteina responsabile dell'associazione virale e dell'entrata nella cellula bersaglio ospite. Il vaccino induce così la formazione dell'antigene virale della punta all'interno del host e così avvia sia le risposte immunitarie umorali che cellulari.

Le risposte umorali si presentano sotto forma di sottoinsiemi multipli dell'anticorpo, di cui sia l'immunoglobulina (Ig) G che IgA sono chiave a neutralizzazione del virus, ma hanno parti differenti da giocare nella risposta immunitaria, accadente nelle fasi differenti dell'infezione ed ai siti differenti nell'organismo ospite.

IgA

IgA è il Ig più abbondante nel corpo umano, a 66 mg/kg/giorno ed è di gran lunga l'isotipo più abbondante all'interno dei mucosae. Per contro, IgG è più abbondante nel sangue ed all'interno della maggior parte dei tessuti.

La distribuzione di IgA che è alla superficie mucosa di vari organi, è il primo per incontrare le particelle virali contagiose e per impedire così la trasmissione. Molti studi hanno indicato che IgA è più efficace di IgG nell'impedire l'influenza e SARS-CoV-2.

Infatti, uno studio più iniziale mostra che quello le risposte immunitarie presto di neutralizzazione al virus sono principalmente dovuto IgA, che è efficace di 7 volte quanto IgG quando le concentrazioni nel siero di entrambe sono confrontate per neutralizzazione virale.

Questo aumento di 7 volte è egualmente ovvio riguardo ai cambiamenti temporali nel numero dei plasmablasts IgA-positivi che video i ricevitori viaggiatori per le mucose e sul paragone della quantità di neutralizzazione del IgA in vie respiratorie fluide ed in saliva.

Dettagli di studio

Lo studio corrente ha mirato a confrontare i titoli di IgA e di IgG in siero con l'antigene della punta SARS-CoV-2 nei destinatari vaccino più in anticipo. Queste quattro persone erano lavoratori di sanità e così a prioritario per il vaccino.

I livelli dell'anticorpo in questi lavoratori sono stati misurati per un massimo dei 80 giorni dalla prima dose del vaccino. Le prove del riferimento per SARS-CoV-2 nucleocapsid (n) e gli antigeni della punta (s) erano negative.

Che cosa erano i risultati?

Dopo la prima dose, i livelli del siero del IgG punta-diretto hanno mostrato un aumento esponenziale, prima finalmente di uguagliare fuori ai 18-21 giorni. Un simile aumento si è presentato dopo la seconda dose, per raggiungere il picco ai sette giorni dalla vaccinazione. Sopra il resto del periodo di seguito, i circa 20-50 giorni, i valori di IgG plateaued a circa 80% dei valori di picco.

i livelli Punta-specifici di IgA hanno mostrato una simile tendenza, alzante durante lo stesso periodo di IgG dopo sia le prime che seconde dosi del vaccino. Tuttavia, il calo nel titolo con IgA a seguito del titolo massimo era significantly more rapida che quello con IgG.

I livelli dell'anticorpo di IgA sono caduto così a circa metà del titolo alla risposta di punta, seguente la prima dose. Dopo la dose di richiamo, ha alzato e poi plateaued a circa 40% della dose massima, entro 50 giorni della seconda iniezione.

Confronto con ricerca più iniziale

Questo reticolo di induzione di IgG/IgA seguito da disintegrazione in risposta al vaccino SARS-CoV-2 è d'accordo rispettivamente con l'emivita del siero di vari isotipi dell'immunoglobulina, che è dei 21-28 giorni contro i 5-6 giorni per IgA e IgG.

La diminuzione veloce nei livelli di IgA del siero è egualmente in accordo quella riferita da uno studio sulla risposta dell'anticorpo nell'infezione naturale SARS-CoV-2, nei lavoratori spagnoli di sanità, con un periodo di seguito di 3 mesi.

Un altro studio ha indicato che malgrado il calo rapido in siero IgA contro l'antigene della punta che segue l'infezione naturale, le concentrazioni mucose di IgA persistono più lungamente e possono includere le molecole dimere di IgA con il più alta capacità di neutralizzazione, ad un'più alta potenza di fino a 15 volte confrontata al monomero di IgA.

In questo studio, IgAs ha indotto dalla vaccinazione ed ha diretto contro gli antigeni specifici determinato non è stato valutato alle superfici mucose. Il siero IgA può essere la sorgente del modulo mucoso, arrivante al sito mucoso dalla trasduzione o che è secernuto facendo circolare i plasmablasts disecrezione che possiedono un profilo molecolare di superficie che li dirige verso le superfici mucose.

Un'altra possibilità è che i linfociti del tessuto-residente B possono subire la commutazione della classe dell'isotipo all'interno delle mucose per secernere IgA.

Che cosa sono le implicazioni?

Lo studio corrente mostra la necessità per ulteriore ricerca di arrivare ad una conclusione circa l'induzione di IgA dopo l'amministrazione vaccino del mRNA e la sua distribuzione ai siti mucosi.

Il fatto che il siero IgG diretto contro l'antigene della punta sembra persistere la vaccinazione seguente può indicare che l'immunità a lungo termine deriva da due dosi di un vaccino del mRNA. Può anche suggerire l'utilità di questa misura come biomarcatore della risposta vaccino.

Secondariamente, i risultati indicano che questi vaccini inducono IgA punta-specifico, così contribuendo ad impedire la trasmissione del virus e non appena la malattia o l'infezione sintomatica.

È considerevole che il siero IgA livella contro la goccia dell'antigene della punta più velocemente dei livelli corrispondenti dell'anticorpo di IgG. Tuttavia, la risposta “di richiamo„, seguente la dose di richiamo, è molto più rapida per sia IgG che IgA che la risposta primaria.

Avviso *Important

il medRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2021, March 30). Lo studio trova l'aumento rapido in livelli di anticorpo di IgA e di IgG dopo la vaccinazione di COVID-19 mRNA. News-Medical. Retrieved on December 09, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20210330/Study-finds-rapid-increase-in-IgG-and-IgA-antibody-levels-following-COVID-19-mRNA-vaccination.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "Lo studio trova l'aumento rapido in livelli di anticorpo di IgA e di IgG dopo la vaccinazione di COVID-19 mRNA". News-Medical. 09 December 2021. <https://www.news-medical.net/news/20210330/Study-finds-rapid-increase-in-IgG-and-IgA-antibody-levels-following-COVID-19-mRNA-vaccination.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "Lo studio trova l'aumento rapido in livelli di anticorpo di IgA e di IgG dopo la vaccinazione di COVID-19 mRNA". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20210330/Study-finds-rapid-increase-in-IgG-and-IgA-antibody-levels-following-COVID-19-mRNA-vaccination.aspx. (accessed December 09, 2021).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2021. Lo studio trova l'aumento rapido in livelli di anticorpo di IgA e di IgG dopo la vaccinazione di COVID-19 mRNA. News-Medical, viewed 09 December 2021, https://www.news-medical.net/news/20210330/Study-finds-rapid-increase-in-IgG-and-IgA-antibody-levels-following-COVID-19-mRNA-vaccination.aspx.