Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli scienziati lanciano il test clinico della terapia di correzione del gene di CRISPR in pazienti con l'anemia drepanocitica

Gli scienziati a Uc San Francisco, a Uc Berkeley ed al UCLA hanno ricevuto l'approvazione degli Stati Uniti Food and Drug Administration per lanciare insieme una fase in anticipo, test clinico primo in umano di una terapia di correzione del gene di CRISPR in pazienti con l'anemia drepanocitica facendo uso delle proprie cellule staminali diformazione del paziente.

La prova combinerà la tecnologia di CRISPR sviluppata all'istituto innovatore di genomica (IGI) - un'iniziativa del UC Berkeley-UCSF della giunzione fondata dallo scienziato d'estrazione Jennifer Doudna, PhD Nobel di Berkeley - con la competenza del UCLA nella fabbricazione genetica delle cellule e dell'analisi e la competenza di decenni all'ospedale pediatrico Oakland di UCSF Benioff nel sangue di cavo e nel trapianto del midollo e nella terapia genica per l'anemia drepanocitica. Lo studio di quattro anni includerà sei adulti e tre adolescenti con l'anemia drepanocitica severa. Pianificazione per cominciare questa estate a Oakland e Los Angeles.

La prova mira direttamente a correggere la mutazione della falce in cellule staminali di sangue che le induce a creare i globuli rossi deformi, piombo alla malattia debilitante e dolorosa, secondo il segno Walters, il MD, un professore della pediatria a UCSF ed il ricercatore principale del test clinico e del gene che modifica il progetto.

Sarà la prima volta i ricercatori clinici tentano di correggere il gene difettoso della beta-globina in proprie celle di un paziente con gli strumenti consegnati non-virale di correzione del gene di CRISPR. Precedentemente, i ricercatori hanno usato gli approcci più costosi e più indiretti come la riattivazione dell'emoglobina fetale o usando i vettori virali per sopprimere il gene che spegne la produzione fetale della globina alla nascita.

Questa terapia ha il potenziale di trasformare la cura dell'anemia drepanocitica producendo un trattamento accessibile e curativo che è più sicuro della terapia corrente del trapianto della cellula staminale da un donatore in buona salute del midollo osseo. Se questo si applica con successo in giovani pazienti, ha il potenziale di impedire le complicazioni irreversibili della malattia.„

MarkWalters, Direttore della famiglia della Giordania del sangue ed il midollo trapiantano il programma, ospedale pediatrico Oakland di UCSF Benioff

L'anemia drepanocitica è un disordine di sangue genetico che pregiudica la struttura e la funzione di emoglobina, riduce l'abilità dei globuli rossi all'ossigeno del trasporto efficientemente e diventa una malattia vascolare cronica che pregiudica circa 100.000 Americani e milioni universalmente, con un effetto sproporzionato sulla comunità nera.

La malattia è causata da un cambiamento della unico lettera, o dalla mutazione, in DNA umano. Questa prova userà il genoma di CRISPR che modifica per correggere direttamente questa mutazione. Il personale addetto al programma da UCSF, i IGI ed il UCLA hanno sviluppato CRISPR_SCD001, una terapia di cellula staminale paziente-specifica di sangue che è stata modificata da una nucleasi CRISPR-Cas9 per stimolare la riparazione della mutazione della falce. In questo approccio, le cellule staminali di sangue del paziente saranno estratte ed inviate al laboratorio di fabbricazione del gene del UCLA per subire un trattamento conosciuto come l'elettroporazione, in cui le celle sono esposte agli impulsi elettrici che creano i pori temporanei in loro membrane. Questi pori permettono che la piattaforma CRISPR-Cas9 fornisca le cellule staminali ed il viaggio di sangue ai nuclei delle cellule, in cui corregge la mutazione della cellula falciforme prima che le celle siano rintrodotte al paziente.

“Lo scopo di questo modulo della terapia genoma-modificante è di correggere la mutazione in abbastanza cellule staminali in modo dal sangue risultante nella circolazione ha corretto i globuli rossi,„ Walters ha detto. “Basato sulla nostra esperienza con i trapianti del midollo osseo, prediciamo che correggere 20% dei geni dovrebbe essere sufficiente fuori per fare concorrenza le cellule falciformi indigene e per quello un forte vantaggio clinico.„

L'elettroporazione combinata con CRISPR è un metodo senza virus per modificare le cellule staminali di sangue ed è stata convalidata negli studi preclinici tossicologia/della sicurezza svolti dopo consultazione con FDA.

lo Medico-scienziato Donald Kohn, MD, ha sviluppato le terapie geniche per parecchi disordini di sangue genetici, compreso una maturazione per un modulo di immunodeficienza combinata severa. Piombo le attività di test clinico e del laboratorio al UCLA e sorveglierà tutta la fabbricazione del prodotto di droga CRISPR_SCD001 per il test clinico. Kohn egualmente piombo un altro test clinico di una terapia genica per l'anemia drepanocitica, che comprende aggiungere un nuovo gene alle cellule staminali del sangue dei pazienti per sormontare la mutazione della cellula falciforme.

“La terapia genica e modificare del gene permettono che ogni paziente servisca da loro proprio donatore della cellula staminale,„ ha detto Kohn, un professore distinto di microbiologia, dell'immunologia e della genetica molecolare alla scuola di medicina di David Geffen al UCLA e ad un membro di vasto centro di ricerca della cellula staminale del UCLA. “Nella teoria, questi approcci dovrebbero essere molto più sicuri di un trapianto da un'altra persona e potrebbero diventare universalmente disponibili perché eliminano la necessità di trovare il ago di stampa in un mucchio di fieno che è un donatore abbinato della cellula staminale.„

Fyodor Urnov, PhD, Direttore della tecnologia e della traduzione a IGI, sorveglierà le attività di genomica e di bioinformatica per lo studio a Uc Berkeley.

“È considerevole che questa nuova prova viene da un consorzio delle istituzioni accademiche senza scopo di lucro incentivate con una visione a lungo termine per fare maturare la malattia con una soluzione accessibile che può globalmente avvantaggiare ognuno che la abbia bisogno,„ Urnov ha detto. “Il laboratorio di IGI-UC Berkeley CLIA per i sistemi diagnostici clinici, costruito con la direzione di Jennifer Doudna, svolgerà un ruolo chiave nel contributo analitico alla prova.„

Era Doudna lei stessa che in primo luogo si è avvicinato al gruppo all'ospedale pediatrico Oakland di UCSF Benioff con l'idea di sviluppare ad una maturazione basata CRISPR per l'anemia drepanocitica nel 2014. Questa prova è il risultato di lavoro preclinico in questi ultimi sei anni, ma ci sono ancora più da venire.

“Siamo motivati per lavorare verso una maturazione che può essere accessibile ed accessibile ai pazienti universalmente,„ Doudna abbiamo detto. “Il lancio di questa prova è un primo punto essenziale su quel percorso.„