Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio esamina le indicazioni non verbali nella gente con abilità di linguaggio limitata

Un nuovo studio che esamina come la gente con le inabilità intellettuali severe e profonde resiste alle attività mentre nella cura raccomanda che le istituzioni migliorino l'addestramento per aiutare meglio la personale che dispensa le cure a capire le indicazioni non verbali come pure offre la maggior flessibilità permettere che le diverse preferenze catturino la priorità sopra i programmi istituzionali.

La ricerca, pubblicata in sociologia del giornale di salubrità e della malattia, esaminatrice come la gente con abilità di linguaggio limitata ha espresso i loro desideri e preferenze e come i loro lavoratori di sostegno hanno risposto. È stato effettuato ad una casa residenziale e ad un centro di guardia nel Regno Unito.

Lo studio, dal Dott. Clare Nicholson dell'università, il Twickenham ed il Dott. Mick Finlay ed il Dott. Steven Stagg di St Mary dell'Anglia Ruskin University (ARU), ha compreso catturare le note e filmare le interazioni di ogni giorno quali alimentare, bere, attività di musica e di arte e la fisioterapia, nel corso di un anno.

La ricerca ha trovato che gli utenti di servizio segnalati nei modi molto sottili, solitamente non verbale, quando non hanno voluto fare qualcosa. Per la gente con le inabilità severe, come i loro lavoratori di cura riconoscono e rispondono a questi comportamenti sottili è determinante per la loro autonomia ed autorizzazione.

Il comportamento che è sembrato segnalare la resistenza alle attività ha compreso la finzione essere addormentato, cadendo foggia quali i pennelli, girando la testa o lo sguardo fisso a partire dal lavoratore di cura, spingendo gli oggetti via, trascinando i piedi lungo la terra per rallentare il movimento in una sedia a rotelle e facendo i vocalizations rumorosi.

Quando questi comportamenti non sono stati risposti dai lavoratori di cura, che invece sono continuato con l'attività, la persona a volte intensificherebbe la loro resistenza a comportamento che comprende la auto-lesione, come battere il loro organismo intorno in una sedia a rotelle, la direzione della loro propria fronte di taglio e scavatura delle loro unghie nelle loro mani.

Oltre ai lavoratori incoraggianti di cura per adottare la maggior flessibilità intorno a cui le attività hanno luogo e quando, gli autori ritengono ulteriore addestramento facendo uso degli esempi in vivo, come quelli descritti nello studio, potrebbero contribuire a fornire meglio capiscono alcuni dei segni comuni della resistenza.

La nostra ricerca indica che la gente con le inabilità intellettuali severe può e prende le decisioni responsabili per quanto riguarda il loro benessere e desideri e può indicare quando vogliono eliminarsi dalle situazioni quale le fanno afflitte, alesato o infelice.„

Dott. Mick Finlay, co-author di studio, lettore in psicologia sociale, Anglia Ruskin University (ARU)

“Tuttavia, affinchè una persona agiscano in un modo autodeterminato, devono potere comunicare con altre. La comunicazione per la gente con le inabilità intellettuali severe è spesso non verbale e può essere ambigua ed abbiamo trovato che questo può presentare una sfida per la loro personale che dispensa le cure.

“Abbiamo trovato che il personale ha continuato spesso a promuovere o persino completare le attività a nome della gente che supportano, malgrado i segni della resistenza. Ciò potrebbe essere perché la personale che dispensa le cure non è riuscito a prendere sulle indicazioni non verbali. O potrebbe essere a causa di un desiderio di massimizzare la partecipazione alle attività o il bastone ad un programma.

“Gli orari istituzionali devono essere abbastanza flessibili rispettare le destre e le scelte della gente con le inabilità intellettuali severe e la necessità di ogni giorno del personale ausiliario avere la capacità di partire dagli ordini del giorno istituzionali fissi se del caso, specialmente quando non causerebbe il detrimento alla gente nella loro cura.„

Source:
Journal reference:

Nicholson, C., et al. (2021) Forms of resistance in people with severe and profound intellectual disabilities. Sociology of Health and Illness. doi.org/10.1111/1467-9566.13246.