Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio trova il collegamento fra il cibo la carne trasformata e dell'elevato rischio della malattia cardiovascolare

Uno studio globale piombo dagli scienziati di Hamilton ha trovato un collegamento fra il cibo la carne trasformata e dell'elevato rischio della malattia cardiovascolare. Lo stesso studio non ha trovato lo stesso collegamento con carne rossa o pollame non trattata.

Le informazioni vengono dalle diete e dai risultati di salubrità di 134,297 persone da 21 paese che misura cinque continenti, che sono stati tenuti la carreggiata dai ricercatori per i dati sul consumo della carne e sulle malattie cardiovascolari.

Dopo quanto segue i partecipanti per quasi una decade, i ricercatori hanno trovato che un consumo di 150 grammi o di più di carne trasformata un la settimana è stato associato con un elevato rischio 46 per cento della malattia cardiovascolare e un elevato rischio 51 per cento della morte che coloro che non ha mangiato carne trasformata.

Tuttavia, i livelli moderati anche trovati dei ricercatori di consumo di carni non elaborate hanno avuti un effetto neutrale su salubrità.

La prova di un'associazione fra l'assunzione della carne e la malattia cardiovascolare è contradditoria. Quindi abbiamo voluto capire meglio le associazioni fra le assunzioni di carne rossa non trattata, pollame ed abbiamo trasformato la carne con gli eventi e la mortalità principali della malattia cardiovascolare.„

Romaina Iqbal, autore di studio primi e professore associato, università di Aga Khan

“La totalità dei dati disponibili indica che quello consumare una quantità modesta di carne non trattata come componente di un reticolo dietetico sano è improbabile da essere nocivo,„ ha detto Mahshid Dehghan, ricercatore per l'istituto di ricerca di salubrità della popolazione (PHRI) della McMaster University e delle scienze di salubrità di Hamilton.

Lo studio urbano e rurale futuro (PURE) dell'epidemiologia è stato lanciato nel 2003 ed è il primo studio multinazionale che fornisce informazioni sull'associazione fra le assunzioni non trattate ed elaborate della carne i risultati di salubrità dai paesi bassi, medi e con reddito elevato.

“Lo studio PURO esamina le popolazioni sostanzialmente più diverse e vasti reticoli della dieta, permettendoci di fornire nuova prova che distingue fra gli effetti delle carni trasformate e non trattate,„ ha detto l'autore Salim senior Yusuf, direttore esecutivo del PHRI.

Le abitudini dietetiche dei partecipanti sono state registrate facendo uso dei questionari di frequenza dell'alimento, mentre i dati egualmente sono stati raccolti sulla loro mortalità ed eventi importanti della malattia cardiovascolare. Ciò ha permesso che i ricercatori determinassero le associazioni fra i reticoli di consumo della carne ed eventi e la mortalità della malattia cardiovascolare.

Gli autori ritengono che la ricerca supplementare possa migliorare la comprensione corrente della relazione fra il consumo della carne ed i risultati di salubrità. Per esempio, è poco chiara che partecipanti di studio con le assunzioni più basse della carne stavano mangiando invece di carne e se la qualità di quegli alimenti differisse fra i paesi.

I surrogati alimentari senza carne possono avere implicazioni più ulteriormente nell'interpretazione delle associazioni fra il consumo della carne ed i risultati di salubrità. Ciò nonostante, gli autori dello studio ritengono i loro risultati “indichi che quello limitare l'assunzione di carne trasformata dovrebbe essere incoraggiata.„