Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Riparazione delle reti linfatiche disfunzionali per permettere che l'organismo combatti malattia

Il corpo umano è un commputer incredibilmente progettato e trattamenti meccanici come quelli nei ruoli principali del gioco del sistema linfatico nel mantenimento il tessuto e degli organi sani.

Donny Hanjaya-Putra è un assistente universitario di cui il lavoro si trova all'intersezione di assistenza tecnica e di medicina. Studia il sistema linfatico -; la parte del sistema immunitario che sbarazza l'organismo delle tossine e di altri materiali indesiderati. Esamina come riparare le reti linfatiche disfunzionali, che sono associate con una vasta gamma di malattie, compreso cancro, la malattia cardiovascolare, il diabete, le circostanze neurologiche e le sindromi metaboliche.

Ora Hanjaya-Putra ed il suo gruppo -; studente di laurea Laura Alderfer di bioingegneria, con Elizabeth Russo, un laureato 2019; Adriana Archilla, uno studente dalla Syracuse University; e Brian Coe, classe 'di 19 -; hanno dimostrato come la rigidezza extracellulare della matrice pregiudica la funzione del vaso linfatico.

Il gruppo sta combinando questa conoscenza con scienza del polimero e l'ingegneria meccanica per sviluppare le nuove strutture cave cavo linfatiche, che contribuiscono a riparare il comportamento normale ai sistemi linfatici disfunzionali ed a permettere che l'organismo combatti la malattia.

Le celle possono percepire gli stimoli meccanici, quale rigidezza della matrice e questa attiva determinati geni per promuovere la formazione linfatica. Abbiamo usato gli idrogel fatti da acido ialuronico (una molecola naturale dello zucchero) per migliorare il motivo dell'cella-associazione con gli stimoli meccanici appropriati (rigidezza della matrice) in un 2D modello dei vasi linfatici e con successo abbiamo stimolato le nuove formazioni del vaso linfatico.„

Donny Hanjaya-Putra, assistente universitario

Il gruppo ha pubblicato i sui risultati nel giornale di FASEB della federazione delle società americane per biologia sperimentale.

Questo tipo di ricerca è soltanto possibile, Hanjaya-Putra ha detto, a causa degli avanzamenti nella biologia di cellula staminale e della rappresentazione.

“Tradizionalmente, gli studenti di medicina hanno passare le ore che studiano l'apparato cardiovascolare, ma tan è stato messo in evidenza il sistema linfatico,„ ha detto Hanjaya-Putra. “La ragione, nella grande parte, era dovuto la difficoltà in vasi linfatici di visualizzazione, che sono trasparenti.

“Gli avanzamenti recenti hanno permesso che noi usassimo gli indicatori specifici delle cellule per distinguere fra le celle endoteliali di sangue e le celle endoteliali linfatiche, in modo da possiamo ora vedere e studiare queste reti molto importanti in vitro e in vivo.„

Hanjaya-Putra ed il suo gruppo ora stanno sviluppando gli idrogel che possono essere impiantati sotto l'interfaccia per promuovere la ferita che guarisce come pure i gel che possono essere iniettati nell'organismo al sito della lesione.

Alderfer, l'autore principale sull'articolo di FASEB, ha ricevuto un programma Grant dello studente di Fulbright Stati Uniti da studiare all'università di Helsinki. Studierà la formazione del vaso linfatico in vivo in ferita e nei modelli cardiaci di lesione con Kari Alitalo, una guida globale nella ricerca dei vasi linfatici e della biologia di traduzione del cancro.

Source:
Journal reference:

Alderfer, L., et al. (2021) Matrix stiffness primes lymphatic tube formation directed by vascular endothelial growth factor‐C— Four States, September–December 2020. The FASEB Journal. doi.org/10.1096/fj.202002426RR.