Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La dieta e l'esercizio cambianti possono rendere la chemioterapia più efficace nella gioventù con la leucemia

I bambini di peso eccessivo e gli adolescenti che ricevono la chemioterapia per il trattamento della leucemia riescono meno combattendo la malattia confrontata ai loro pari magri. Ora, la ricerca condotta al Cancro e l'istituto della malattia del sangue all'ospedale pediatrico Los Angeles indica che i cambiamenti modesti nella dieta e nell'esercizio possono notevolmente aumentare la sopravvivenza nella gioventù trattata per la leucemia linfoblastica acuta (ALL), il cancro di infanzia più comune.

A nostra conoscenza, questo è il primo studio per indicare che limitando le calorie ed aumentando l'esercizio possiamo rendere la chemioterapia più efficace nell'eliminazione delle celle di leucemia entro il primo mese della terapia, facente diminuire le probabilità della ricaduta di malattia in bambini ed in adolescenti.„

Etan Orgel, MD, ms, ricercatore principale, Direttore del servizio complementare medico di cura nel Cancro e nell'istituto della malattia del sangue, ospedale pediatrico Los Angeles

Lo studio è pubblicato nella società americana degli avanzamenti di sangue del giornale dell'ematologia.

La gioventù che sono obesi quando cominciano la chemioterapia è più di due volte probabilmente per avere cellule tumorali restanti dopo un mese del trattamento--e una probabilità aumentata della ricaduta di malattia--confrontato alle loro controparti magre. Per indirizzare questo, i ricercatori hanno lavorato con i dietisti ed i terapisti fisici registrati che hanno creato le pianificazioni personali di esercizio e di dieta per 40 pazienti fra le età di 10 e di 21 con la leucemia recentemente diagnosticata.

I ricercatori hanno trovato che pazienti che hanno ridotto il loro apporto calorico almeno di 10% ed hanno cominciato un inizio modesto di regime di esercizio alla diagnosi erano, in media, 70% meno probabilmente per avere celle restanti di leucemia in loro midollo osseo un mese dopo avere cominciato la chemioterapia, confrontati ai pazienti precedentemente curati che non hanno partecipato all'intervento di esercizio e di dieta. Le celle restanti di leucemia, chiamate malattia residua minima, è uno di più forti preannunciatori dei risultati difficili di sopravvivenza.

“Questo è proof of concept che è possibile aumentare l'efficacia della chemioterapia senza aggiungere altri farmaci ed i loro effetti secondari potenziali,„ dice il Dott. Orgel, che è egualmente un professore associato della pediatria clinica alla scuola di medicina di Keck di USC. “Questo intervento a breve termine è economico e facilmente disponibile ai fornitori ed alle famiglie dappertutto.„

I ricercatori hanno trovato che limitando il grasso, i pazienti egualmente avevano fatto diminuire l'insulino-resistenza come pure i livelli aumentati di adiponectin, un ormone metabolico connesso con il regolamento del glucosio. L'identificazione di questi biomarcatori potenziali apre la strada a usando questo intervento per urtare altri tipi di cancri.

“La dieta e l'esercizio cambianti hanno reso l'attività della chemioterapia migliore-- quella è le buone notizie di questo studio. Ma egualmente dobbiamo capire come,„ dice Steven Mittelman, MD, PhD, capo dell'endocrinologia pediatrica all'ospedale pediatrico del UCLA Mattel e membro del centro completo del Cancro del Jonsson del UCLA. “Capire i cambiamenti biologici responsabili di questo effetto ci aiuterà a rendere questi interventi ancora migliori.„ Il Dott. Mittelman guidato co lo studio ed era autore senior sul documento.

Questo test clinico, chiamato migliorare dieta ed esercizio in tutto (IDEAL-1), configurazioni su ricerca di base e preclinica condotta per più di una decade all'ospedale pediatrico Los Angeles. Questo “approccio della parte posteriore e del banco--lato del letto„ fornisce le nuove comprensioni per il trattamento delle malattie devastanti, come cancro. I medici osservano un bisogno clinico insoddisfatto nei loro pazienti, collaborano con i colleghi in laboratorio e possono poi consegnare un intervento alla clinica per verificare la sua efficacia.

Una prova ripartita con scelta casuale pianificazione per alla fine di quest'anno. IDEAL-2 chiamato, lo studio sarà condotto dal Dott. Orgel e dal Dott. Mittelman con gli avanzamenti terapeutici nel consorzio di leucemia & di linfoma di infanzia (TACL), acquartierato all'ospedale pediatrico Los Angeles nell'ambito della direzione medica di Alan Wayne, MD e di Deepa Bhojwani, MD.

Source:
Journal reference:

Orgel, E., et al. (2021) Caloric and nutrient restriction to augment chemotherapy efficacy for acute lymphoblastic leukemia: the IDEAL trial. Blood Advances. doi.org/10.1182/bloodadvances.2020004018.