Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori russi sviluppano una cassaforte, la tecnologia di superficie imballata economica della disinfezione delle uova

I ricercatori russi hanno sviluppato una tecnologia di superficie imballata economica, sicura ed affidabile della disinfezione delle uova. Questa tecnologia contribuisce ad uccidere i batteri, compreso la salmonella, sui gusci d'uovo. Inoltre, concede coltivare i polli da carne con forte immunità alle malattie virali. Le uova imballate sono disinfettate con 50 nanosecondi (un bilionesimi di un secondo) di fascio di elettroni. La disinfezione ha luogo in recipienti di plastica. La descrizione della tecnologia è stata pubblicata nell'elaborare dei Bioproducts e dell'alimento.

La disinfezione delle uova imballate protegge le uova da contaminazione successiva durante lo stoccaggio. Abbiamo scoperto che 5 kGy sono abbastanza per la disinfezione. Tale dose concede disinfettare il contenitore e gusci d'uovo ma non pregiudica le proprietà fisiche della proteina, tuorlo e shell, o la loro composizione. La dimensione delle uova non importa.„

Sergey Sokovnin, il professor, università di Ural e ramo federali di Ural dell'Accademia delle Scienze russa

La disinfezione non pregiudica la qualità di carne ed il volume di pulcini. Così, se 63% dei polli covano dalle uova ordinarie, quindi da quelle elaborate - 64%. Ma la differenza è che i polli sani emergono dalle uova disinfettate.

“86% dei polli dalle uova non trattate danno segni di infiammazione cronica. In polli dalle uova irradiate, questa figura ha raggiunto soltanto 4%„, ha detto Sergey Sokovnin. “Allo stesso tempo, i polli dal secondo gruppo hanno avuti un'immunità aumentata alla malattia di Newcastle. Ciò è la malattia virale di un uccello. Significa che i polli dalle uova sterilizzate saranno meno malati. E sarà possibile diminuire significativamente la dose degli antibiotici quando stanno sviluppando.„

La tecnologia egualmente salva il tempo per i produttori industriali. Per covare i polli dalle uova pulite, catturi a circa sei ore di meno. Invece delle 22-24 ore usuali, i polli compaiono in 16-18 ore. Ciò è estremamente importante poichè diminuisce i costi di produzione.

“La capacità dell'acceleratore è 108 milione uova all'anno, che è abbastanza per una grande azienda avicola„, ha detto Sergey Sokovnin. “Permette l'irradiamento fino a 40 uova al secondo. Il costo di irradiamento dell'imballaggio di plastica per 10 uova era 1,2 Eurocents. Se una riga tecnologica funzionerà in uno spostamento di 250 giorni lavorativi l'annualmente, quindi l'investimento sarà restituito durante cinque anni. I costi principali sono stipendi del personale, i costi fissi, costi di equipaggiamento„.

Non ci sono problemi tecnici seri con l'entrata in vigore della tecnologia. Il di piccola dimensione dell'acceleratore lo rende facile integrare nelle righe attuali per controllo e l'imballaggio delle uova nelle aziende avicole. La tecnologia, secondo gli scienziati, può anche essere usata per disinfettare la superficie delle uova di altri uccelli come pure i prodotti con le pelli o un altro imballaggio naturale (semi, banane, arance).

Si noti che il lavoro è stato supportato dalle fondamenta scientifiche russe (no. 16-16-04038 di progetto). Il gruppo di ricerca include i ricercatori dall'università federale di Ural, dall'istituto di Electrophysics del ramo di Ural dell'accademia delle scienze russa, dall'università agraria dello stato di Ural e dall'istituto del veterinario della ricerca di Ural.

Source:
Journal reference:

Sokovnin, S (2021) An electron beam technology of surface disinfection of the packed egg. Food and Bioproducts Processing. doi.org/10.1016/j.fbp.2021.03.009.