Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Molto la salubrità ed i professionisti accademici studiano la possibilità di lasciare i loro processi dopo COVID-19, studio dei ritrovamenti

Fino a uno in cinque impiegati ad un istituto ospedaliero accademico sta studiando la possibilità di lasciare le loro professioni dovuto gli sforzi di fare fronte alla pandemia nelle loro proprie vite, secondo una nuova università di studio di salubrità di Utah. Le persone che hanno avute responsabilità caregiving erano fra quelle molto probabilmente da contemplare lasciare o diminuire le ore.

I risultati suggeriscono che conservando altamente abbia formato medici, infermieri e gli scienziati in seguito alla pandemia COVID-19 potrebbero essere la grande sfida seguente di sanità.

Sta calmando per imparare che, durante il momento della recessione economica, almeno un quinto della nostra mano d'opera stava studiando la possibilità di lasciare i loro processi a causa dei livelli severi di sforzo che stavano sperimentando. Molti di questi sono la gente che ha speso cinque - dieci anni di loro addestramento di vite dell'adulto per fare questo genere di lavoro. Tuttavia, è così in modo schiacciante e pesante che potenzialmente stavano pensando a darlo tutto su.„

Angela Fagerlin, Ph.D., l'autore dello studio e professore e presidenza senior del dipartimento delle scienze di salubrità della popolazione all'università di scuola di medicina di Utah

Sebbene condotto ad un singolo sistema sanitario, i ricercatori dicano che questi risultati potrebbero avere più vaste implicazioni.

“Sospettiamo che queste tendenze di disturbo probabilmente esistono all'interno di altri sistemi sanitari in tutta la nazione,„ dice Rebecca Delaney, Ph.D., l'autore principale dello studio e un ricercatore postdottorale a U della scuola di medicina di U. “Questi risultati sono in modo allarmante e un segnale di pericolo circa il morale ed il benessere di medici ed infermieri come pure scienziati e personale non clinici di sanità.„

Lo studio compare nella rete di JAMA aperta.

Parecchi studi hanno esaminato gli effetti di burnout, dello sforzo, della depressione e dell'ansia sul personale medico di linea di battaglia durante la pandemia globale. Tuttavia, la maggior parte hanno incluso soltanto i lavoratori di linea di battaglia o gli apprendisti del medico. Pochi di questi studi hanno affrontato le emissioni importanti del bilanciamento del famiglia-lavoro, quali i bisogni di assistenza all'infanzia durante la pandemia, che contribuiscono significativamente allo sforzo ed al burnout del personale.

Per rimediare a questa svista, Delaney ed i suoi colleghi hanno distribuito un'indagine del web di tutti e 27.700 le clinici ed U non clinico della facoltà, del personale e degli apprendisti di salubrità di U nell'agosto 2020. I punti di indagine hanno misurato i bisogni di assistenza all'infanzia, i bisogni del bilanciamento di lavoro-vita, impatto dello sviluppo di carriera e sollecitano relativo alla pandemia.

In generale, 18 per cento (n=5,030) hanno completato l'intera indagine. I dati erano coerenti attraverso i dichiaranti clinici e non clinici, confermanti che ognuno--uomini, donne, quelle con e senza i bambini--stavano lottando con l'impatto di COVID-19, Delaney dice.

Quasi a metà (48 per cento) riferito avere almeno un bambino 18 anni o più giovani. Inoltre, i ricercatori trovati:

  • 49 per cento di coloro che ha avuto bambini hanno riferito che la formazione virtuale parenting e di gestione per i bambini stava inducendoli a sollecitare
  • Facoltà (55 per cento) e produttività in diminuzione riferita degli apprendisti (60 per cento)
  • 47 per cento dei partecipanti hanno espresso la preoccupazione circa COVID-19 che pregiudica il loro sviluppo di carriera, con 64 per cento degli apprendisti altamente che sono interessati
  • 30 per cento riferiti tenendo conto della diminuzione delle ore
  • 21 per cento riferito tenendo conto del lasciare la mano d'opera

Oltre ad essere una singola indagine del sistema sanitario, altra le limitazioni di studio hanno compreso la possibilità di tendenziosità di selezione fra coloro che ha scelto di completare l'indagine. È egualmente possibile che più impiegati con i bambini abbiano invecchiato 18 o più giovane risposti che quelli senza bambini.

Sebbene i ricercatori trovino che il burnout, la depressione e l'ansia erano importanti, hanno concluso che la maggior enfasi sul bilanciamento di lavoro-vita, l'accessibilità a cura dipendente ed il supporto psicologico e sociale in corso potrebbero impedire a migliaia di badante medici di unire questo esodo potenzialmente devastante.

“I sistemi sanitari devono sviluppare i modi efficaci di assicurare che i clinici ben preparati, il personale ausiliario e gli scienziati non clinici siano supportati durante questo tempo senza precedenti come pure dopo,„ Fagerlin dice. “Se fanno quello, quindi i sistemi di salubrità saranno più probabili conservare una diversa ed efficace mano d'opera.„

Source:
Journal reference:

Delaney, R.K., et al. (2021) Experiences of a Health System’s Faculty, Staff, and Trainees’ Career Development, Work Culture, and Childcare Needs During the COVID-19 Pandemic. JAMA Network Open. doi.org/10.1001/jamanetworkopen.2021.3997.