Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I circuiti neurali differenti si sono collegati ai deficit comportamentistici Parkinsonian distinti

La malattia del Parkinson (PD) è ben nota come malattia debilitante che peggiora gradualmente col passare del tempo. Sebbene la progressione della malattia in gran parte sia stata legata alla perdita di funzioni di motore, sintomi del non motore, compreso la perdita di abilità conoscitive, emerga spesso presto nella malattia.

Molto di meno capito è il ruolo che i circuiti neurali specifici giocano questi nelle funzioni distinte del non motore e del motore.

Un nuovo studio piombo dai neurobiologi all'università di California San Diego ed ai loro colleghi ha trovato quello vie neurali specifiche e identificabili è incaricato delle funzioni particolari durante le fasi della malattia. I loro risultati, pubblicati recentemente in neuroscienza della natura, possono contribuire a costituire la base per il miglioramento delle strategie terapeutiche per i sintomi precisi di Parkinson ai vari livelli di progressione di malattia.

I ricercatori hanno usato una miscela degli approcci per fare più indicatore luminoso sull'importanza anatomica e funzionale di un centro dei circuiti del cervello conosciuto come i gangli basali, situati in profondità nel cranio. Specificamente, i ricercatori, lavoranti in mouse, hanno studiato le vie del circuito legate ai neuroni specifici nel pallidus esterno di globus, o GPe ed il loro ruolo nei comportamenti in relazione con la malattia di Parkinson differente. Il GPe è conosciuto per il sui forti output ed influenza su parecchie regioni a valle del cervello.

Le indagini hanno compreso un approccio multi-fronti facendo uso dell'elettrofisiologia, del tracciato virale e degli esperimenti comportamentistici. I ricercatori hanno identificato due popolazioni dei neuroni di GPe e le loro vie distintive hanno legato ai sintomi comportamentistici differenti.

Il nostro lavoro dimostra che i circuiti neurali distinti nei gangli basali differenziale sono compresi nei sintomi del non motore e del motore dei comportamenti Parkinsonian del tipo di che si presentano nelle fasi differenti della malattia. Ciò suggerisce che la valutazione dei meccanismi dettagliati del circuito sia necessaria completamente capire i cambiamenti in cervello durante la progressione di palladio e potrebbe fornire le migliori strategie terapeutiche per il trattamento di palladio.„

Lim, professore associato, sezione di neurobiologia della divisione delle scienze biologiche, Uc San Diego

Lim ha detto che l'individuazione più sorprendente dalla ricerca era il fatto che i neuroni dopaminergici, quelli che sono persi gradualmente durante la progressione della malattia del Parkinson, potrebbero essere collegati così specificamente ai cambiamenti nelle aree differenti del cervello.

“La manipolazione selettiva dei cambiamenti specifici può salvare un tipo di sintomo--senza pregiudicare altri sintomi--della malattia del Parkinson,„ ha detto Lim.

Con la nuova struttura a disposizione, Lim ed i suoi colleghi ora stanno sembrando più profondi le vie del circuito e come sono legati alle fasi differenti di sintomo di malattia, in particolare con enfasi sul ritardo della progressione della malattia.

“I nostri risultati forniscono una struttura novella per la comprensione della base del circuito di variazione dei sintomi comportamentistici dello stato Parkinsonian, in grado di fornire le migliori strategie per il trattamento di palladio,„ i ricercatori scrivono nel documento.

Source:
Journal reference:

Lilascharoen, V., et al. (2021) Divergent pallidal pathways underlying distinct Parkinsonian behavioral deficits. Nature Neuroscience. doi.org/10.1038/s41593-021-00810-y.