Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Manifestazioni di studio come la leptina sopprime l'appetito

Dalla scoperta della leptina negli anni 90, ricercatori si è domandata, come la leptina, un ormone fatta da grasso corporeo, sopprime l'appetito? Malgrado gli aumenti tremendi delle tre decadi d'intervento, molte domande ancora rimangono. Ora, un nuovo studio in mouse descrive neurocircuitry novello fra le strutture del mesemcefalo che gestiscono i comportamenti alimentanti che sono sotto controllo modulatory dalla leptina. Lo studio compare in psichiatria biologica, pubblicata da Elsevier.

John Krystal, MD, editore della psichiatria biologica, ha detto dei risultati, “Omrani ed i colleghi fanno luce su come, in animali non obesi, la leptina mette i freni sull'eccesso di cibo.„

La leptina funge da collegamento critico fra l'organismo ed il cervello, fornenti informazioni sullo stato metabolico ed esercitanti il controllo sopra il bilancio energetico. L'importanza della leptina è illustrata dall'individuazione che gli animali carenti per la leptina diventano rapido obesi senza suo arresto regolatore su comportamento alimentante.

Questo trattamento è modellato dalla comunicazione fra gli stoccaggi grassi corporei (via un ormone chiamato leptina) ed il sistema della ricompensa della dopamina del cervello. Questo asse della leptina-dopamina è estremamente importante per il controllo del peso dell'organismo, ma i sui modi di atto non erano buono capiti.„

Roger Adan, PhD, dipartimento di neuroscienza di traduzione, centro medico Utrecht

La leptina sopprime il cibo segnalando alle regioni del cervello che le abittudine alimentare di controllo, ma egualmente fa diminuire il valore della ricompensa inerente ad alimenti, impegnanti il sistema della ricompensa della dopamina (DA) del cervello. Quella via della alimento-ricompensa è stata conosciuta per comprendere i neuroni dopaminergici dell'area tegmental ventrale (VTA) che segnala al nucleus accumbens (NAc), ma la maggior parte di quei neuroni del DA non contengono i ricevitori per la leptina.

Il lavoro ha usato una combinazione di tecnologie potenti, compreso il optogenetics, il chemogenetics e l'elettrofisiologia per mappare il nuovo microcircuitry.

“Sebbene i ricevitori di leptina siano presenti sui neuroni della dopamina [alcuni] che segnalano la ricompensa dell'alimento,„ ha detto il professor Adan, anche del dipartimento della neuroscienza, del centro medico Utrecht e dell'università di traduzione Utrecht, “abbiamo scoperto che i ricevitori di leptina sono egualmente presenti sui neuroni inibitori che regolamentano più forte l'attività dei neuroni della dopamina. Alcuni di questi neuroni inibitori hanno soppresso l'alimento che cerca quando [animali erano] affamato, mentre altri [ha agito in tal modo] soltanto quando [animali erano] in uno stato saziato.„

Il Dott. Krystal ha detto dello studio, “risulta che la leptina svolge i ruoli modulatory chiave in un circuito elegante che unisce il mesemcefalo ed i circuiti limbici della ricompensa. Inibendo i neuroni ipotalamici ed infine sopprimendo l'attività dei neuroni della dopamina nel mesemcefalo che la ricompensa del segnale e promuove alimentare, leptina diminuisce l'ingestione di cibo in animali nelle circostanze quando l'apporto calorico ha superato l'uso di energia.„

Infine, il professor Adan ha detto, “mirare a questi neuroni può fornire ad un nuovo viale per il trattamento delle anoressie nervose ed a supporto che è a dieta nella gente l'obesità.„

Source:
Journal reference:

Omrani, A., et al. (2021) Identification of novel neurocircuitry through which leptin targets multiple inputs to the dopamine system to reduce food reward seeking. Biological Psychiatry. doi.org/10.1016/j.biopsych.2021.02.017.