Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Risultati di promessa di manifestazione dei candidati di COVID-19 di terapeutica del SINDACATO' nello studio di fase 1

La terapeutica A/S (UNIONE) del SINDACATO ha annunciato oggi che i risultati di uno studio di fase 1 del niclosamide inalato ed intranasale (UNI911) sono stati pubblicati da salubrità regionale di The Lancet - Europa (COLLEGAMENTO). Senza gli effetti contrari seri riferiti, lo studio ha mostrato un forte profilo di sicurezza del niclosamide inalato ed intranasale quale era il punto finale primario per la prova.

La sicurezza di promessa ed i risultati farmacocinetici per il niclosamide inalato ed intranasale hanno aperto le porte per indagine successiva ed ora saranno provati come un trattamento potenziale (UNI91104) e profilassi (UNI91103) a COVID-19. Niclosamide è stato indicato meglio da Institut Pasteur per avere una potenza di 40 volte che il remdesivir contro SARS-CoV-2.

L'amministrazione locale del niclosamide richiede le nuove opzioni per il trattamento di COVID-19

Il professor Vibeke Backer, pulmonologist al centro per la ricerca di attività fisica, a Rigshospitalet, Copenhaghen, ha servito da ricercatore principale per lo studio di fase 1. Il professor Backer ha catturato all'ingannare la lancetta documento regionale di Europa di salubrità.

UNI91103 e UNI91104 sono eccezionali perché i prodotti sono amministrati localmente tramite inalazione e l'amministrazione intranasale. Quindi, la biodisponibilità difficile del niclosamide è indirizzata, permettendo ad un'alta concentrazione nella droga nell'area da cui l'infezione COVID-19 comincia altrimenti spargersi. In questo modo, le droghe inalate sono state cruciali nella gestione di altri termini respiratori quale asma. Niclosamide è un prodotto pertinente ed importante che tiene il grande potenziale per COVID-19 ed è rewarding vedere questi dati importanti pubblicati in un giornale pari-esaminato.„

Il professor Vibeke Backer, Pulmonologist al centro per ricerca di attività fisica, Rigshospitalet

La prova di fase 1 descritta nella pubblicazione è stata ripartita con scelta casuale, dose controllata a placebo, doppio accecata, multi-ascendente ed è stata condotta in 44 volontari sani, di cui 34 sono stati definiti a UNI911 e 10 a placebo attraverso cinque gruppi.

La prova è stata condotta con DanTrials all'ospedale di Bispebjerg, Copenhaghen, è stata appoggiata dagli esperti da Rigshospitalet ed è stata supportata finanziariamente dal fondo per l'innovazione Danimarca.

L'amministrazione locale del niclosamide alla cavità nasale ed ai polmoni è stata tollerata bene

La prova di fase 1 ha incontrato tutti i sui punti finali ed ha dimostrato che la soluzione concentrata di niclosamide di terapeutica del SINDACATO è tollerata bene una volta amministrata tramite itinerario intranasale ed inalato. I risultati di studio hanno dimostrato un farmacocinetico dose-proporzionale e non indicati segni di capitalizzazione sistematica della droga nel sangue.

Con questi risultati di promessa per la sicurezza e la tolleranza, i prodotti COVID-19 di terapeutica del SINDACATO stanno guadagnando l'interesse sostanziale dalle prove della piattaforma attraverso il mondo.„

Il professor Morten Sommer, ufficiale scientifico principale, terapeutica del SINDACATO

Un'opzione profilattica di promessa per i pazienti vulnerabili

La terapeutica del SINDACATO recentemente ha annunciato che UNI91103 sarà provato nei pazienti del rene, una popolazione paziente particolarmente ad alto rischio. Piombo dall'università di Cambridge e costituito un fondo per tramite tra l'altro la ricerca BRITANNICA del rene, lo studio di PROTECT-V è fissato per determinare se UNI91103 potesse lavorare poichè un trattamento preventivo per i pazienti del rene che non possono trarre giovamento sufficientemente dalle vaccinazioni da solo.

“Trovare gli efficaci agenti per il trattamento e la profilassi è cruciale affinchè la nostra capacità si occupi dell'infezione COVID-19. Abbiamo identificato il niclosamide come opzione di promessa ed aspettiamo con impazienza di verificarla in questa popolazione paziente molto critica,„ ha detto il Dott. Rona Smith nella connessione all'annuncio della prova di PROTECT-V. Il Dott. Smith, che piombo lo studio, è socio di ricerca senior all'università di Cambridge ed al nefrologo onorario del consulente all'ospedale di Addenbrooke.  

La prova di PROTECT-V recentemente ha ricevuto la priorità urgente di salute pubblica dal governo BRITANNICO assicurando lo srotolamento rapido attraverso il Regno Unito.

Salubrità regionale di The Lancet - Europa è un'edizione regionale della lancetta che mette a fuoco sulla ricerca condotta nella regione europea.