Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'addestramento della pietà può migliorare il benessere dei parenti della gente con la malattia mentale

Se i parenti della gente con la malattia mentale diventano migliori ad accettare le emozioni ed i curriculum personali che difficili sperimentano - che è cui l'addestramento nella pietà è circa - la loro ansia, la depressione e lo sforzo è diminuita. Questi sono i risultati di nuovo studio dal centro danese per consapevolezza all'università di Aarhus.

Essere un parente di una persona con una malattia mentale può essere molto pesante. Può ritenere come una grande responsabilità e molta gente lottare con le sensibilità di timore, di colpevolezza, di vergogna e di rabbia. Un nuovo studio dal centro danese per consapevolezza indica che otto settimane di addestramento nella pietà possono migliorare significativamente il benessere dei parenti.

La pietà è una qualità umana di cui è ancorato nel riconoscimento e nel desiderio alleviare la sofferenza. Cioè la pietà accade quando entr inare contatto con il nostri propri o altri che soffrono e che ritiene che motivato alleviare il nostri propri o altri faccia soffrire.

Dopo il completamento del corso, i parenti avevano aumentato il loro benessere su parecchi parametri. Potrebbero occuparsi della malattia in un nuovo e modo più abile ed abbiamo veduto che l'addestramento ha diminuito i loro sintomi della depressione, dell'ansia e dello sforzo.„

Studente di Nanja Olanda Hansen, di PhD ed autore di studio, psicologo, università di Aarhus

Ed i risultati positivi sono stati mantenuti dopo seguito di sei mesi.

Prova di fissare che cosa è difficile

“I parenti hanno imparato che il più che girano verso cui sono difficili, più abili possono agire. Per esempio, i parenti provano spesso “a fissare„ il problema o la sfida - in modo da alleviare i loro cari di che cosa è difficile. Quella è una pressione enorme occuparsi costantemente di e molto poca gente può sopportarla,„ dice Nanja Olanda Hansen.

Vivendo con il timore cronico

Continua a spiegare che preparandosi nella gente di guide della pietà per trovare la resistenza ed il coraggio sopportare il dolore e soffrendo quando la vita è difficile. Può sembrare sia ragionevole che intuitiva custodirsi dal confronto o evitare che cosa è difficile e sgradevole. Ma questo è il paradosso dell'addestramento, spiega il ricercatore. Poiché è precisamente atti e pensieri come questi che interrompono la nostra pietà e quindi mantenga la sofferenza.

“Il timore ed il dolore sono emozioni che prendono molto lo spazio per i parenti della gente con la malattia mentale. Per esempio timore cronico, che è un timore reale che i genitori di un bambino con la schizofrenia hanno circa se il loro bambino sta andando commettere il suicidio, o se un bambino con autismo godrà mai “di una vita normale„,„ spiega Nanja Olanda Hansen e continua:

“La nostra sofferenza è mantenuta dentro di noi quando non lavoriamo con. Per evitare ritenere il dolore, possiamo ricorrere a comportamento quali il lavoro troppo o le cose d'acquisto di che non abbiamo bisogno. È quindi in tutti questi atti di ogni giorno che il nostro addestramento della pietà diventa importante e può essere usato per contribuire ad alleviarla che cosa è difficile,„ dice.

Nessuno sfugge a

Lo scopo di addestramento nella pietà è così più appena empatia ritenente o preoccuparsi per un'altra persona.

“Non una singola persona può completamente evitare avvertire le cose dolorose nella loro vita. In questo modo siamo tutti gli stessi. Ma che cosa non è stessa per ognuno è la nostra capacità di occuparsi del dolore e della sofferenza noi sperimenta. I programmi di formazione nella pietà sono stati sviluppati perché la ricerca indica che possiamo preparare e rinforzare la nostra salute mentale. Con addestramento sistematico della pietà, generiamo la più attenzione - e comprensione di - i nostri propri pensieri, sensibilità e comportamento. E questo ci aiuta a sviluppare gli strumenti ed abilità da impegnarsi nelle relazioni più sane con noi stessi ed altri,„ spiega.

Complessivamente 161 parente della gente con la malattia mentale ha partecipato allo studio. Ciò fa lo studio uno del più grande del suo genere nel mondo ed anche il primo test clinico ripartito con scelta casuale scientifico effettuato con i parenti in Danimarca. I parenti erano fra 18 e 75 dell'età ed erano membri della famiglia alla gente con i vari disordini psichiatrici quali per esempio ADHD, la schizofrenia e la depressione.

Meditazione come compito

I parenti si sono incontrati una volta alla settimana nei gruppi di venti partecipanti su un periodo di otto settimane. Ogni sessione ha durato due ore ed è stata strutturata con i piccoli esercizi del gruppo, le grandi discussioni di gruppo, l'istruzione nel tema della settimana e la meditazione. Il compito ha consistito di venti minuti della meditazione quotidiana.

“C'è definitivamente una scarsità delle offerte per questi parenti. Sono detti spesso che dovrebbero ricordarsi catturare la cura se stessi, ma non hanno imparato come a. Abbiamo trovato che coloro che è stato coinvolgere nello studio hanno ricevuto precisamente gli strumenti per questo,„ diciamo Nanja Olanda Hansen.

I risultati sono stati pubblicati appena nel giornale scientifico JAMA.

“La mia speranza è che le autorità locali e le regioni possono offrire questo tipo di intervento per i parenti. Dovrebbe essere un'opzione e potrebbe essere incorporato facilmente nel nostro sistema sanitario. Economicamente e socialmente, una persona in buona salute che va in congedo per malattia perché lui o lei è un parente è solamente una perdita enorme,„ dice il ricercatore.

[Billedtekst:]: “Fino a cinquanta per cento dei parenti della gente con la malattia mentale rischiano di diventare malati stessi. Ecco perché è importante che egualmente teniamo loro ed il loro benessere presente,„ dice Nanja Olanda Hansen.

Source:
Journal reference:

Hansen,N. H., et al. (2021) Effect of a Compassion Cultivation Training Program for Caregivers of People With Mental Illness in Denmark A Randomized Clinical Trial. JAMA. doi.org/10.1001/jamanetworkopen.2021.1020.