Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'efficace risposta alle pandemie HIV e COVID-19 richiede la ricerca accelerata

La pandemia COVID-19 sta pregiudicando la gente con o a rischio del HIV sia indirettamente, interferendo con i servizi del trattamento che di prevenzione del HIV e direttamente, minacciando la salubrità determinata.

Un'efficace risposta a queste pandemie doppie richiede la collaborazione senza precedenti di accelerare la ricerca di base e clinica come pure la scienza di entrata in vigore per introdurre rapidamente alle le strategie basate a prova nelle impostazioni nell'ambiente. Questo messaggio viene da una recensione co-creata da Anthony S. Fauci, M.D., Direttore dell'istituto nazionale dell'allergia e malattie infettive (NIAID), parte degli istituti della sanità nazionali e colleghi pubblicati nel giornale delle malattie infettive.

Dai servizi critici d'interruzione di sanità, la pandemia COVID-19 minaccia il progresso sostanziale realizzato nella diminuzione del carico globale del HIV. Gli autori notano che il tributo di COVID-19 sulla pandemia del HIV potrebbe attenuarsi aumentando l'accesso al trattamento del HIV, per esempio, prescrivendo i mesi multipli del farmaco ed assicurandosi che la prova del HIV ed i servizi di prevenzione siano mantenuti.

Molte domande rimangono se la gente con il HIV è più a rischio dell'infezione con SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19 e per sviluppare COVID-19 severo, poichè la prova fin qui è mista. Le tariffe dell'infezione con SARS-CoV-2 sono simili nella gente con e senza il HIV.

Tuttavia, popolazioni che sono influenzate sproporzionatamente dal HIV--compreso le popolazioni del nero/afroamericano e del latino-americano/Latinx--egualmente sia al rischio aumentato per l'acquisto dell'infezione SARS-CoV-2 e per sviluppare COVID-19 severo. I fattori multipli contribuiscono al carico su queste popolazioni, compreso le disparità sistematiche di salubrità, le diseguaglianze socioeconomiche e un'più alta prevalenza dei comorbidities.

Mentre l'infezione HIV stessa non sembra aumentare il rischio per COVID-19 severo, le prove crescenti indicano che i comorbidities specifici nella gente con il HIV sono collegati alla maggior severità COVID-19.

Anche quando il HIV è controllato ben con il trattamento, la gente con il HIV sopporta un carico significativo di numerosi comorbidities, molti di cui egualmente sono emerso come fattori di rischio per COVID-19 severo. Questi comorbidities comprendono determinati cancri, la malattia renale cronica, la malattia polmonare ostruttiva cronica, la malattia cardiovascolare, l'obesità ed il diabete di tipo 2.

La messa a punto accelerata ed il collaudo clinico delle strategie del trattamento e di prevenzione sono necessaria urgentemente per attenuare la giustapposizione del HIV e le pandemie COVID-19, gli autori concludono. Ciò comprende la ricerca di base sulle interazioni fra il HIV e SARS-CoV-2 sia ai livelli cellulari che molecolari come pure gli studi clinici per valutare i risultati per la gente con le co-infezioni HIV e SARS-CoV-2, compreso l'impatto dei comorbidities.

Source:
Journal reference:

Eisinger, R. W., et al. (2021) HIV/AIDS in the Era of COVID-19: A Juxtaposition of Two Pandemics. Journal of Infectious Diseases. doi.org/10.1093/infdis/jiab114.