Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori rivelano i vantaggi di rischio e di anticoagulazione del coagulo di sangue in pazienti scaricati COVID-19

Nel più grande studio sul suo genere, gli istituti di Feinstein per ricerca medica ed i ricercatori del consorzio della ricerca di Northwell COVID-19 rivelano i vantaggi di rischio e di anticoagulazione del coagulo di sangue nei pazienti ospedalizzati di malattia 2019 di coronavirus (COVID-19) che recentemente sono stati scaricati dall'ospedale. Il rapporto, recentemente pubblicato nel sangue del giornale, trova che gli anticoagulanti profilattici diminuiscono il rischio di eventi e di morte thromboembolic principali da 46 per cento.

I ricercatori rivelano i vantaggi di rischio e di anticoagulazione del coagulo di sangue in pazienti scaricati COVID-19
Alex C. Spyropoulos, MD, professore agli istituti di Feinstein parla con un collega. Credito di immagine: Istituti di Feinstein

La registrazione multicentrata futura, nominata CORE-19, esaminato 4.906 pazienti adulti con COVID-19 che sono stati ospedalizzati agli ospedali di salubrità di Northwell, più grande sistema della salubrità di New York, in mezzo dal 1° marzo al 31 maggio 2020 e piombo da Alex C. Spyropoulos, il MD, professore agli istituti di Feinstein.

Mentre i coaguli di sangue sono stati osservati in pazienti COVID-19 durante l'ospedalizzazione, ci sono stati dati pochissimi per valutare il rischio trombotico e la morte come pure preannunciatori nel periodo di post-scarico. La ricerca ha guardato per identificare il tromboembolismo venoso (VTE), quali trombosi venosa profonda (DVT) e l'embolia polmonare (PE) ed il tromboembolismo arterioso (ATE), quali il colpo e l'infarto miocardico (MI), in pazienti rilasciati dall'ospedale nei 90 giorni.

Ci sono tre takeaways principali dallo studio CORE-19. In primo luogo, i risultati hanno indicato che VTE, HA MANGIATO e la mortalità di tutto causa (ACM) ha accaduto più precedentemente ha pensato dai clinici, in 7,13 per cento (350/4906 dei pazienti) dei casi. In secondo luogo, i fattori di rischio chiave per gli eventi thromboembolic importanti e la morte includono l'età avanzata, i fattori di rischio cardiovascolari (come la coronaropatia, la malattia occlusiva carotica, la malattia arteriosa periferica), la cronologia personale di VTE, la malattia renale cronica CKD, un soggiorno dell'unità di cure intensive e un punteggio elevato di rischio di VTE (facendo uso dello strumento di rischio di MIGLIORAMENTO che è stato sviluppato gruppo del Dott. da Spyropoulos' e sta utilizzando nazionalmente). In terzo luogo, gli anticoagulanti di post-scarico, principalmente ai dosaggi profilattici, diminuiscono il rischio di eventi e di morte thromboembolic principali da 46 per cento.

“Dall'inizio della pandemia, abbiamo veduto che i coaguli di sangue comportano un rischio interno ai pazienti mentre sono ospedalizzato con COVID-19, ma per quelli scaricati, la prevalenza ed i fattori di rischio connessi con gli eventi thromboembolic erano sconosciuti,„ ha detto il Dott. Spyropoulos, il ricercatore principale dello studio.

Questo grande gruppo di dati fornisce le opzioni apprezzate del trattamento e di comprensione per il recupero dei pazienti.„

Alex C. Spyropoulos, MD, il professor, istituti di Feinstein

Lo studio ha mostrato la tariffa globale di 7,13 per cento degli episodi di post-scarico, includenti:

  • Tasso di mortalità di causa di Αll di quasi 5 per cento;
  • HA MANGIATO una tariffa di 1,71 per cento (cioè colpo, embolia);
  • Una tariffa di VTE di 1,55 per cento (cioè principalmente embolia polmonare).

Questo studio la rivela è importante da riflettere i superstiti COVID-19 per i coaguli di sangue pericolosi anche dopo che lasciano l'ospedale. Studiando la popolazione paziente enorme ha trattato a salubrità di Northwell, il Dott. Spyropoulos ed il suo gruppo ha steso i test clinici futuri guidanti delle fondamenta solide.„

Kevin J. Tracey, MD, presidente e direttore generale, istituti di Feinstein

Il Dott. Spyropoulos ed i ricercatori degli istituti di Feinstein sono stati guide durante la pandemia COVID-19 negli sforzi per impedire i coaguli di sangue in pazienti. Dal maggio 2020, il gruppo iscritto ha ospedalizzato i pazienti in un test clinico controllato ripartito con scelta casuale nominato HEP-COVID, che mira a studiare la sicurezza e l'efficacia dell'eparina della basso dose come coagulo di sangue profilattico. Ulteriormente, il Dott. Spyropoulos è un membro del comitato esecutivo del test clinico nazionale di PREVENT-HD che guarda per valutare i vantaggi di anticoagulazione in pazienti esterni ad alto rischio COVID-19.

Il consorzio della ricerca di salubrità di Northwell ha cominciato all'inizio del 2020 ed ha organizzato più di 500 clinici, statistici e scienziati attraverso gli istituti di Feinstein e la salubrità di Northwell per condurre la ricerca di avanguardia circa la pandemia COVID-19. Fin qui, più di 300 manoscritti ad alto impatto sono stati scritti che indirizzano stampare le domande che circondano il virus.

La registrazione CORE-19 è stata costituita un fondo per in parte dall'amicizia di Broxmeyer in trombosi clinica e prodotti farmaceutici di Janssen. Dimitri Giannis, MD, che è collega del Dott. Spyropoulos' nella trombosi clinica, ha elaborato il database ed è il primo autore sulla pubblicazione di sangue.