Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Hanno potuto i vaccini a base di proteine COVID-19 di N ostacolare l'inibizione delle cellule di SARS-CoV-2 NK?

Quando un virus invade i ruoli cruciali di immunità del gioco innato che adattabile di una persona, sia. I riusciti agenti patogeni virali possono contrapporrsi a queste vie immuni con i geni che inibiscono gli attori chiave nel sistema immunitario.

La pandemia di malattia 2019 di coronavirus (COVID-19) è causata dal beta coronavirus novello, il coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo. È conosciuto che il SARS-CoV-2 si contrappone all'induzione dell'interferone (proteine di segnalazione rilasciate in risposta all'infezione virale). Tuttavia, capire come SARS-CoV-2 si contrappone alla risposta immunitaria cellulare è finora poco chiara.

Sopra l'infezione SARS-CoV-2, che cosa i cambiamenti stanno accadendo sulla superficie della cellula ospite? Per parlare questo e ad un gruppo dei ricercatori ha intrapreso uno studio che esplorano le celle di uccisore (NK) naturali ed il loro ruolo durante l'infezione SARS-CoV-2. Lo studio del gruppo recentemente è stato rilasciato sul " server " della pubblicazione preliminare del bioRxiv*.

Facendo uso di un approccio proteomic, i ricercatori hanno analizzato sistematicamente i cambiamenti che accadono nei ricevitori sulla superficie delle cellule. Hanno trovato che il SARS-CoV-2 ha ricostruito la membrana di plasma downregulating i leganti immuni della superficie multipla delle cellule.

I ricercatori hanno trovato che il SARS-CoV-2 ha mediato il giù-regolamento dei leganti d'attivazione (Nectin-1, B7-H6, ULBP2 e MICA) sulla superficie delle cellule epiteliali del polmone di SARS-CoV-2-infected; senza effetto sulla superficie MHC-I delle cellule. Sorprendente, egualmente hanno osservato l'attivazione dipendente dall'anticorpo robusta delle cellule di NK (ADNKA) per essere indipendenti dagli anticorpi della punta, sebbene gli anticorpi punta-specifici svolgessero un ruolo dominante nella neutralizzazione del virus.

I ricercatori hanno riferito che gli anticorpi punta-specifici hanno svolto soltanto un ruolo secondario in ADNKA confrontato agli anticorpi ad altre proteine virali, compreso ORF3a, la membrana e Nucleocapsid. In questo studio, hanno riferito quello l'infezione naturale seguente, le risposte di ADNKA sono dominate dagli anticorpi della non punta (nucleocapsid, membrana e ORF3a). E gli anticorpi punta-specifici che seguono la vaccinazione sono trovati per essere mediatori deboli di ADNKA.

I ricercatori hanno riferito che il ADNKA indotto dopo la vaccinazione era: 1) ha messo a fuoco solamente sulla punta, 2) più debole di ADNKA che segue l'infezione naturale e 3) non amplificato dalla seconda dose.

Malgrado gli alti livelli dell'associazione dell'anticorpo e una capacità sostanziale attivare l'ADCC una volta espressa in isolamento, la punta può essere un obiettivo relativamente difficile dell'ADCC nel contesto dell'infezione naturale. „

Chiodi il gioco degli anticorpi un ruolo cruciale nella difesa contro l'infezione SARS-CoV-2. La punta è una glicoproteina del transmembrane presente sulla superficie del SAR-CoV-2; lega al ricevitore umano dell'enzima di conversione dell'angiotensina 2 ospite (ACE2), permettendo all'entrata virale. La maggior parte dei antivirals e dei vaccini sono destinati per mirare alla struttura ed alla sequenza della punta.

Quando i virus interferiscono con la risposta immunitaria cellulare, downregulate il MHC-I che inibisce la cellula T di CD8+ hanno mediato la citotossicità. Quando questo accade, le celle di NK assumono la direzione di. Le celle di NK sono linfociti, con sia citotossicità che le funzioni producenti citochina dell'effettore. Attivamente uccidono le celle del tumore o le celle infettate con i microbi - cellule bersaglio acute del ` da altri auto e celle in buona salute.

È conosciuto che per limitare l'attivazione delle cellule di NK, alcuni virus si sono evoluti per manipolare i livelli di leganti d'attivazione di NK, così diminuendo il controllo comunicato per cellule di NK del sistema immunitario. Questi leganti (quali MICA, MICB e ULBP2) sono espressi sulla superficie delle cellule bersaglio in risposta allo sforzo, all'infezione, o alla trasformazione. Ciò richiede l'attivazione comunicata per cellule di NK che piombo alla morte della cellula bersaglio.

Le celle di NK possono anche funzionare via l'attivazione dipendente dall'anticorpo di NK (ADNKA), che piombo a citotossicità cellulare dipendente dall'anticorpo (ADCC). L'ADCC è una funzione importante in COVID-19 e forte è indotto dopo l'infezione con SARS-CoV-2. Poiché la mancanza di ADCC è collegata forte con COVID-19 severo, le varianti del virus possono quindi evolversi per eludere le risposte dell'ADCC come pure le risposte di neutralizzazione. Ciò supporta un ruolo importante per l'ADCC nella protezione contro COVID-19.

Mentre le glicoproteine virali dell'entrata spesso sono trovate sulla superficie infettata delle cellule e possono mediare l'ADCC una volta espressi da solo, altre proteine virali possono essere i mediatori principali dell'ADCC durante l'infezione.„

Contrastingly, in questo studio, i ricercatori hanno trovato che il virus non può attivamente contrapporrsi all'immunità cellulare adattabile. I ricercatori hanno dimostrato che questo è evidente 1) dalla mancanza di downregulation significativo della superficie delle cellule di MHC-I, 2) l'emergenza di ADNKA con immunità umorale e 3) l'incapacità delle celle infettate legare l'essere umano IgG dai donatori sieronegativi (cioè, il virus non codifica i ricevitori di Fc come esche di ADNKA).

Dato le osservazioni da questo studi, i ricercatori ha precisato che è significativo che le risposte dell'anticorpo generate punta-vaccino erano poveri induttori di ADNKA. Hanno raccomandato l'aggiunta di altre proteine virali (quale nucleocapsid) ai vaccini, che avrebbero impegnato una più vasta gamma di vie immuni dell'effettore. Questo approccio potrebbe migliorare l'efficacia contro sia la trasmissione virale che la malattia, con conseguente vaccini che sono più resistenti alle varianti virali che contengono le mutazioni che diminuiscono la neutralizzazione dell'anticorpo, i ricercatori anticipa.

I ricercatori egualmente hanno raccomandato di studiare se i coronaviruses eludono l'immunità innata ed adattabile in loro host originale del pipistrello e se questo contribuisce alla loro persistenza in quanto le specie.

In conclusione, i ricercatori hanno dimostrato in questo studio che il SARS-CoV-2 ricostruisce il proteome della membrana di plasma, modula i leganti multipli delle cellule di NK ed inibisce l'attivazione delle cellule di NK. Tuttavia, hanno riferito che l'evasione della NK-cella è sormontata dall'attivazione dipendente dall'anticorpo (ADCC). Così i ricercatori hanno evidenziato il superamento dell'evasione immune virale attraverso i meccanismi dipendenti dall'anticorpo, suggerenti che oltre a neutralizzare il virus, gli anticorpi SARS-CoV-2 potessero aiutare lo spazio del virus tramite l'ADCC

Lo studio mette in evidenza le proteine multiple all'infuori della punta che potrebbe essere contributori importanti all'ADCC durante l'infezione SARS-CoV-2. Inoltre, è importante notare che gli anticorpi monoclonali della anti-punta mediano soltanto debolmente ADNKA malgrado legare forte alle celle infettate.

I vaccini possono essere riprogettati con l'aggiunta degli antigeni quale nucleocapsid, per reclutare i meccanismi supplementari dell'effettore. Ciò può più ulteriormente diminuire tutta la riduzione dell'efficacia vaccino che può essere causata dovuto la mutazione della punta nelle varianti novelle. Queste comprensioni hanno implicazioni importanti per la progressione di comprensione di malattia, efficacia vaccino e la progettazione vaccino, i ricercatori scrive.

Avviso *Important

il bioRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
Dr. Ramya Dwivedi

Written by

Dr. Ramya Dwivedi

Ramya has a Ph.D. in Biotechnology from the National Chemical Laboratories (CSIR-NCL), in Pune. Her work consisted of functionalizing nanoparticles with different molecules of biological interest, studying the reaction system and establishing useful applications.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Dwivedi, Ramya. (2021, April 12). Hanno potuto i vaccini a base di proteine COVID-19 di N ostacolare l'inibizione delle cellule di SARS-CoV-2 NK?. News-Medical. Retrieved on June 16, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20210412/Could-N-protein-based-COVID-19-vaccines-hinder-SARS-CoV-2s-NK-cell-inhibition.aspx.

  • MLA

    Dwivedi, Ramya. "Hanno potuto i vaccini a base di proteine COVID-19 di N ostacolare l'inibizione delle cellule di SARS-CoV-2 NK?". News-Medical. 16 June 2021. <https://www.news-medical.net/news/20210412/Could-N-protein-based-COVID-19-vaccines-hinder-SARS-CoV-2s-NK-cell-inhibition.aspx>.

  • Chicago

    Dwivedi, Ramya. "Hanno potuto i vaccini a base di proteine COVID-19 di N ostacolare l'inibizione delle cellule di SARS-CoV-2 NK?". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20210412/Could-N-protein-based-COVID-19-vaccines-hinder-SARS-CoV-2s-NK-cell-inhibition.aspx. (accessed June 16, 2021).

  • Harvard

    Dwivedi, Ramya. 2021. Hanno potuto i vaccini a base di proteine COVID-19 di N ostacolare l'inibizione delle cellule di SARS-CoV-2 NK?. News-Medical, viewed 16 June 2021, https://www.news-medical.net/news/20210412/Could-N-protein-based-COVID-19-vaccines-hinder-SARS-CoV-2s-NK-cell-inhibition.aspx.