Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'esercizio ha potuto essere usato per migliorare l'ambiente orale nella gente con NAFLD

L'affezione epatica, dalle cause metaboliche e batteriche, è una preoccupazione crescente. Che cosa connette questi punti? L'intestino, o più specificamente, batteri nell'intestino. I batteri che causano l'infiammazione nella bocca sono trasportati tramite l'apparato digerente all'intestino ed al fegato, in cui possono causare l'infiammazione del fegato. Lipopolysaccharides, molecole strutturali importanti in alcuni batteri, funge da endotossine, producendo gli effetti sistematici che possono manifestarsi come affezione epatica grassa analcolica (NAFLD). Ora, un gruppo pluridisciplinare dall'università di manifestazione di Tsukuba che l'esercizio potrebbe essere usato per migliorare l'ambiente orale nella gente con NAFLD, potenzialmente principale ad un nuovo trattamento per la malattia.

Questi ricercatori precedentemente hanno dimostrato che l'esercizio avvantaggia i pazienti con NAFLD diminuendo il grasso, l'infiammazione e lo sfregio nel fegato; miglioramento la risposta del fegato a e della distanza dell'endotossina; e diminuendo malattia di gomma. Con l'ultimo studio in loro serie, aggiungono un altro cartello al territorio sconosciuto:

Sappiamo che l'esercizio ha vantaggi innumerevoli al camice di salubrità e per queste circostanze specifiche. Con questo studio, abbiamo cercato di caratterizzare i meccanismi di fondo--cioè mostri come l'esercizio altera la fisiologia e come la fisiologia alterata induce i cambiamenti in batteri orali.„

Il professor Junichi Shoda, autore corrispondente

I ricercatori hanno effettuato le analisi biochimiche e genetiche sulla saliva dagli uomini di peso eccessivo con NAFLD e la malattia di gomma prima e dopo i programmi di esercizio o di dieta di 12 settimane. Gli uomini in entrambi i gruppi potevano perdere la massa grassa, ma quel dopo le restrizioni dietetiche egualmente ha perso la massa del muscolo, mentre quelli dopo il programma di esercizio hanno guadagnato d'importanza il Massachusetts del muscolo “, noi ha trovato che le riduzioni di lattoferrina, di lipopolysaccharide e delle concentrazioni di IgA erano soltanto evidenti negli uomini che hanno seguito il regime di esercizio,„ il professor Shoda spiega, “che ha suggerito che l'ambiente orale fosse stato alterato significativamente dall'esercizio.„

I campioni dalla diversità batterica aumentata anche indicata del gruppo di esercizio e cambiamenti nelle popolazioni batteriche costituenti relative. Nella popolazione globale, più batteri hanno espresso i geni relativi ad elaborazione delle informazioni ambientale e meno batteri hanno espresso i geni relativi ad elaborazione delle informazioni ed a metabolismo genetici. Infatti, i batteri hanno espresso meno geni per la produzione dei lipopolysaccharides.

“Di conseguenza, sembra che, nella gente con sia l'affezione epatica analcolica che la malattia di gomma, l'esercizio causi una variazione biochimica nell'ambiente della bocca che favorisce la sopravvivenza dei batteri meno nocivi,„ spieghi il professor Shoda.

Una maggior comprensione di come diminuire la popolazione o effetti nocivi dei batteri sicuri in pazienti con fegato e la malattia peridentale ha potuto potenzialmente piombo allo sviluppo di nuove e strategie migliori del trattamento per queste malattie ed altre circostanze probabilmente influenzate dai batteri, quale la malattia di viscere infiammatoria.

Source:
Journal reference:

Uchida, F., et al. (2021) Effects of Exercise on the Oral Microbiota and Saliva of Patients with Non-Alcoholic Fatty Liver Disease. International Journal of Environmental Research and Public Health. doi.org/10.3390/ijerph18073470.