Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio identifica “una finestra di danno„ causato dall'intossicazione della cannabis

Un'analisi completa di 80 studi scientifici ha identificato “una finestra di danno„ tra compreso tre e 10 ore causate dalle dosi medie a elevate della componente d'ebbrezza della cannabis, tetrahydrocannabinol (THC). I risultati hanno implicazioni per l'applicazione delle leggi droga moventi globalmente, i ricercatori dicono.

Lo studio ha trovato che la durata esatta di danno dipende dalla dose di THC, se il THC è inalato oralmente o catturato, se l'utente della cannabis è regolare o occasionale e le domande del compito che è intrapreso mentre inebriato.

Lo studio rappresenta il primo tale meta-analisi ed ha distillato i risultati di 80 studi scientifici separati da in danno indotto THC condotto in questi ultimi 20 anni. È stato pubblicato nella neuroscienza & negli esami Biobehavioral.

L'uso legale della cannabis, sia medico che non sanitario, è sempre più comune attraverso il mondo.

THC è conosciuto acutamente per alterare l'azionamento e la prestazione conoscitiva ma molti utenti sono incerti quanto tempo questo danno dura e quando possono riattivare alle le mansioni sicurezza sensibili, come azionamento, dopo il consumo della cannabis.

La nostra analisi indica che il danno può durare fino a 10 ore se le dosi elevate di THC sono consumate oralmente. Una durata più tipica di danno, tuttavia, è di quattro ore, quando le dosi più basse di THC sono consumate via il fumo o la vaporizzazione e le mansioni più semplici sono intraprese (per esempio, quelli facendo uso delle abilità conoscitive quali tempo di reazione, attenzione continua e la memoria di lavoro).

Questo danno può estendere fino a sei o sette ore se le dosi elevate di THC sono inalate e mansioni complesse, come azionamento, è valutato.„

Dott. Danielle McCartney, autore principale, iniziativa di Lambert per terapeutica di cannabinoido all'università di Sydney

Per questo studio una dose del moderato THC è di circa 10 milligrammi, ma i ricercatori dicono che che cosa è moderato per un utente regolare potrebbe essere alto per un utente occasionale.

Co-author il Dott. Thomas Arkell, anche dall'iniziativa di Lambert, avuto detto: “Abbiamo trovato che il danno è molto più prevedibile negli utenti occasionali della cannabis che gli utenti regolari della cannabis. Gli utenti pesanti mostrano la tolleranza significativa agli effetti delle cannabis sull'azionamento e sulla funzione conoscitiva, mentre tipicamente video un certo danno.„

Gli autori hanno notato che gli utenti regolari potrebbero consumare più cannabis per raggiungere un effetto, piombo ad una quantità equivalente di danno.

Molti utenti medicinali della cannabis consumano THC sotto forma di petroli, gli spruzzi o le capsule e un'altra individuazione importante erano quello con tale uso che orale il danno cattura più lungamente per comparire e che dura significativamente più lungo di con l'inalazione.

I ricercatori hanno detto che i risultati hanno implicazioni per le cosiddette leggi droga moventi.

Direttore accademico dell'iniziativa di Lambert, il professor Iain McGregor, ha detto: “THC può essere individuato nell'organismo settimane dopo il consumo della cannabis mentre è chiaro che il danno dura molto un periodo di scarsità. I nostri quadri giuridici probabilmente devono prendere con quello e, come con l'alcool, il fuoco sull'intervallo quando gli utenti sono più di un rischio a se stessi ed altri. Il processo solamente in base alla presenza di THC in sangue o saliva è manifesto ingiusto.

“Le leggi dovrebbero essere circa la sicurezza sulle strade, punizione non arbitraria. Poichè la cannabis è legale in un numero aumentante di giurisdizioni, abbiamo bisogno ad un di un approccio basato a prova alle leggi droga moventi,„ il professor McGregor ha detto.

Questo documento segue la ricerca recente dal Dott. Arkell ed i colleghi che mostra medicamente uno dei componente attivi delle cannabis, il cannabidiol (CBD) non causa il danno nell'azionamento.

Source:
Journal reference:

McCartney, D., et al. (2021) Determining the magnitude and duration of acute Δ9-tetrahydrocannabinol (Δ9-THC)-induced driving and cognitive impairment: A systematic and meta-analytic review. Neuroscience & Biobehavioral Reviews. doi.org/10.1016/j.neubiorev.2021.01.003.