Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca può piombo ad un'innovazione significativa nella battaglia contro i tumori cerebrali micidiali

La ricerca approfondita dall'università di Tel Aviv può piombo ad un'innovazione significativa nella battaglia contro tumore al cervello micidiale. Per cominciare con, i ricercatori hanno identificato un errore nel sistema immunitario del cervello, piombo all'amplificazione di divisione cellulare ed alla diffusione delle cellule tumorali di Glioblastoma. L'errore deriva parzialmente dalla secrezione di una proteina chiamata P-Selectin (SELP), che, una volta rilegato al suo ricevitore sulle celle immuni del cervello, altera la loro funzione in modo che invece di inibizione della diffusione delle cellule tumorali, essi fa l'opposto, permettendo loro di proliferare e penetrare i tessuti cerebrali.

Nella fase seguente dello studio, i ricercatori potevano inibire la secrezione della proteina di SELP, quindi neutralizzante l'errore nel sistema immunitario, riparante la sua attività normale e bloccante la diffusione di questo cancro incurabile. Il gruppo di ricerca internazionale piombo da prof. Ronit Satchi-Fainaro, Direttore del centro di ricerca di biologia del Cancro e della testa della ricerca sul cancro e laboratorio di Nanomedicine alla facoltà del Sackler dell'università di Tel Aviv di medicina. I risultati sono stati pubblicati nelle comunicazioni principali della natura del giornale scientifico.

“Glioblastoma è il tipo più micidiale di cancro nel sistema nervoso centrale, rappresentante la maggior parte dei tumori cerebrali maligni. È aggressivo, dilagante ed a crescita rapida, rendendolo resistente ai trattamenti attuali, con i pazienti che muoiono in un anno dell'inizio del cancro. Inoltre, Glioblastoma è definito come “tumore freddo„, in modo da significa che non risponde ai tentativi immunotherapeutic di attivare il sistema immunitario contro di.

Lanciando lo studio, i ricercatori hanno voluto capire perché le celle del sistema immunitario del cervello (chiamato microglia) non inibiscono il cancro. Piombo dallo studente Eilam Yeini di PhD, hanno paragonato i tessuti cerebrali sani ai tessuti di glioblastoma. Per fare questo, hanno collaborato con i neurochirurghi dal centro medico di Tel Aviv Sourasky (Ichilov) che ha fornito i campioni di tessuto di Glioblastoma eliminati durante la chirurgia ed anche con i neurochirurghi dalla Johns Hopkins University e l'istituto di Lieber in U.S.A., che ha fornito i tessuti cerebrali sani dalle autopsie.

“Abbiamo voluto capire perché il sistema immunitario del cervello non fa il suo processo,„ diciamo prof. Satchi-Fainaro, che ha estratto i premi della famiglia di Youdim, di Bruno, di Humboldt e di Kadar per la ricerca eccezionale nel 2020. “Abbiamo esaminato le interazioni fra le celle immuni nel cervello e le celle di Glioblastoma in tumori che recentemente sono stati eliminati dai cervelli dei pazienti. Con la nostra sorpresa, abbiamo trovato che non solo le celle di microglia non fanno niente fermare le cellule tumorali, essi realmente svolgiamo un ruolo cruciale e negativo accelerando la divisione, la diffusione e lo smobilizzo delle celle di glioblastoma.„

Poiché le celle comunicano a vicenda attraverso le proteine, i ricercatori hanno controllato che proteine sono secernute quando le celle immuni di microglia incontrano le celle di Glioblastoma, trovando sei proteine che overexpressed. Nella fase seguente, prof. Satchi-Fainaro ed il suo gruppo hanno bloccato ciascuna delle sei proteine a sua volta, cercando di identificare ed isolare quello che permette al cancro di sfruttare il sistema immunitario del cervello alle sue proprie estremità. Infine hanno scoperto che una proteina chiamata SELP è responsabile dell'interruzione delle funzioni del sistema immunitario e dell'amplificazione dei tumori di Glioblastoma.

SELP è una proteina conosciuta che aiuta normalmente le celle a viaggiare dentro l'organismo - particolarmente globuli bianchi e celle endoteliali che allineano l'interno dei vasi sanguigni. L'incontro fra le celle di Glioblastoma e le celle di microglia le induce a esprimere SELP in grandi quantità. Nello studio, potevamo indicare che le guide overexpressed di SELP le cellule tumorali viaggiano e penetrano il tessuto cerebrale.„

Prof. Ronit Satchi-Fainaro, Direttore del centro di ricerca di biologia del Cancro e la testa della ricerca sul cancro e del laboratorio di Nanomedicine, facoltà del Sackler dell'università di Tel Aviv di medicina

Dopo l'inibizione del SELP nei modelli preclinici di Glioblastoma, i ricercatori hanno trovato che le celle del tumore hanno avute una tariffa più lenta di divisione, migrazione interrotta ed erano meno dilaganti. Questi risultati sono stati raggiunti nei modelli animali e nei modelli del cancro 3D. Il RNA unicellulare che ordina, in collaborazione con il laboratorio del Dott. Asaf Madi al dipartimento di patologia alla facoltà dell'università di Tel Aviv di medicina, ha mostrato una diminuzione nei beni maligni delle cellule tumorali e un'attivazione del sistema immunitario contro il tumore quando SELP è stato fatto tacere e della comunicazione fra il microglia e il Glioblastoma è stata interrotta. Di conseguenza, la progressione del cancro nel cervello è stata ostacolata.

Prof. Satchi-Fainaro sottolinea che il nuovo studio può avere implicazioni terapeutiche di salvataggio. Cita che, dalla coincidenza pura, una fase sperimentale di test clinico 2 corrente in corso sta tentando di inibire SELP per un altro scopo complessivamente - trattando il dolore connesso con l'anemia faciforme. Prof. Satchi-Fainaro spera che il fatto che il trattamento che inibisce SELP è stato cassaforte provata in esseri umani, apra la strada per approvazione relativamente rapida di un test clinico che repuposing il nuovo trattamento per Glioblastoma. “Purtroppo, i pazienti di Glioblastoma hanno bisogno immediatamente di nuovi trattamenti. Il nostro trattamento può essere l'innovazione necessaria nella battaglia contro il cancro più scoraggiante di tutti.„

Il nuovo studio è stato costituito un fondo per dal fondo di ricerca sul cancro dell'Israele (ICRF), dal consiglio della ricerca europeo (ERC), dalle fondamenta di Morris Kahn, dall'associazione del Cancro dell'Israele (ICA) e dalle fondamenta di scienza dell'Israele (ISF).

I ricercatori ringraziano i donatori ed i loro parenti prossimi per la disposizione del tessuto cerebrale per questo studio.

Source:
Journal reference:

Yeini, E., et al. (2021) P-selectin axis plays a key role in microglia immunophenotype and glioblastoma progression. Nature Communications. doi.org/10.1038/s41467-021-22186-0.