Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio trova la correlazione fra COVID-19 abittudine alimentare pandemiche e sei non sane

Una nuova sonda negli impatti prolungati delle correlazioni rivelarici pandemiche COVID-19 a sei abittudine alimentare non sane, secondo uno studio dall'università di facoltà di medicina di Minnesota e di banco della salute pubblica. I ricercatori dicono che il la maggior parte riguardo all'individuazione indica un leggero aumento o l'ri-emergenza dei disordini alimentari, che uccidono approssimativamente 10,200 persone ogni anno -- circa una persona ogni 52 minuti.

U della Melissa Simone, PhD, un ricercatore postdottorale nel dipartimento della psichiatria e scienze comportamentistiche della facoltà di medicina di m., collaborato con il banco di professore di salute pubblica e del direttore della divisione di salubrità della Comunità e dell'epidemiologia, Dianne Neumark-Sztainer, PhD, MPH, per imparare dai partecipanti di studio al progetto di Neumark-Sztainer MANGIA fra aprile e maggio 2020.

“La pandemia COVID-19 è risultato nell'attuazione rapida delle politiche sanitarie di salute pubblica per diminuire la trasmissione del virus. Mentre queste protezioni sono necessarie, le rotture a vita quotidiana connessa con la pandemia in corso possono avere conseguenze negative significative per il rischio di disordini alimentari e sintomi,„ ha detto Simone, che è l'autore principale dello studio. “I disordini alimentari hanno uno di più alti tassi di mortalità attraverso tutte le preoccupazioni psichiatriche di salubrità e quindi, è importante da provare fare i collegamenti fra le conseguenze delle abittudine alimentare pandemiche e disordinate.

Lo studio ha mirato a capire le associazioni potenziali fra lo sforzo, l'emergenza psicologica, le difficoltà finanziarie ed i cambiamenti nelle abittudine alimentare durante la pandemia COVID-19 con l'analisi sia dei dati qualitativi che quantitativi. I risultati di Simone, pubblicati nel giornale internazionale dei disordini alimentari, hanno trovato sei temi chiave dei cambiamenti di abittudine alimentara:

  • Cibo irragionevole e snacking;
  • Consumo alimentare aumentato;
  • Diminuzione generalizzata nell'appetito o nell'ingestione dietetica;
  • Cibo da fare fronte;
  • riduzioni in relazione con pandemica dell'ingestione dietetica;
  • E, un'ri-emergenza o un aumento tracciato nei sintomi di disordine alimentare.

Circa 8% di quelli studiati ha riferito i comportamenti di controllo del peso non sani estremi, 53% hanno avuti comportamenti di controllo del peso non sani meno estremi e 14% riferito il cibo di baldoria. Lo studio ha rivelato che questi risultati sono stati associati significativamente con gestione dello stress più carente, maggiori sintomi depressivi e moderato o le difficoltà finanziarie estreme.

C'è stato molto fuoco sull'obesità e sulla sua connessione con COVID-19. È egualmente importante da mettere a fuoco sul grande numero di gente che sta impegnando nel cibo disordinato ed è a rischio dei disordini alimentari durante e dopo la pandemia. La maggior parte di giovani adulti nel nostro studio proviene dai diversi ambiti di provenienza reddito etnico/razziale e più basso, che non ricevono spesso i servizi che abbiano bisogno di. Per assicurare le ingiustizie di salubrità non aumenti, noi devono soddisfare le esigenze di queste popolazioni.„

Dianne Neumark-Sztainer, ricercatore principale del progetto MANGIA

Simone ha aggiunto, “le conseguenze economiche della pandemia COVID-19 probabilmente persisterà lungo oltre la diffusione di un vaccino. Poiché i nostri risultati suggeriscono che il moderato o le difficoltà finanziarie severe possa essere collegata con le abittudine alimentare disordinate, è essenziale che gli interventi di disordine alimentare e gli sforzi preventivi del trattamento siano accessibili, facilmente accessibile ed ampiamente diffuso a quelli al rischio intensificato. Come tale, online o ad interventi basati a cellulare possono risultare essere gli efficaci e modi accessibili per gli sforzi mirati a di intervento.„

Source:
Journal reference:

Simone, M., et al. (2021) Disordered eating in a population‐based sample of young adults during the COVID‐19 outbreak. Journal of Eating Disorders. doi.org/10.1002/eat.23505.