Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli utenti della cannabis geneticamente predisposti alla schizofrenia possono avere elevato rischio per psicosi

È stata lungo conosciuto che gli utenti della cannabis sviluppano più spesso la psicosi dei non utenti, ma che cosa non è ancora completamente chiaro è se la cannabis realmente causa la psicosi e, in caso affermativo, che è la maggior parte al rischio. Un nuovo studio pubblicato in psichiatria di traduzione dai ricercatori al centro per guide di College Londra di dipendenza e di salute mentale (CAMH) e di re fa luce su entrambe le domande. La ricerca indica che mentre gli utenti della cannabis hanno avuti più alte tariffe delle esperienze psicotiche che i non utenti generale, la differenza era particolarmente pronunciata fra quelle con l'alta predisposizione genetica alla schizofrenia.

Questi risultati sono significativi perché sono la prima prova che abbiamo veduto che a psicosi geneticamente incline della gente potrebbe essere influenzata sproporzionatamente dalla cannabis. E perché la segnatura genetica di rischio ha luogo ancora nei sui inizi, l'influenza vera della genetica sulla relazione di cannabis-psicosi può essere ancora maggior di che cosa abbiamo trovato qui.„

Dott. Michael Wainberg, autore principale, scienziato, centro di Krembil per neuroinformatica a CAMH

Facendo uso dei dati dal Biobank BRITANNICO, un database biomedico su grande scala che contiene le informazioni le genetiche dei partecipanti e di salubrità approfondite, gli autori ha analizzato la relazione fra la genetica, l'uso della cannabis e le esperienze psicotiche attraverso più di 100,000 persone. Ogni persona ha riferito la loro frequenza di uso passato della cannabis e se avevano avuti mai vari tipi di esperienze psicotiche, quali le allucinazioni uditive o visive. I ricercatori egualmente hanno segnato il rischio genetico di ogni persona per la schizofrenia, esaminando quale delle loro mutazioni del DNA erano più comuni fra i pazienti della schizofrenia che fra la popolazione in genere.

In generale, la gente che aveva usato la cannabis era 50 per cento più probabile da riferire le esperienze psicotiche che la gente che non ha avuta. Tuttavia, questo aumento non era costante attraverso il gruppo di studio: fra il quinto dei partecipanti con gli più alti punteggi genetici di rischio per la schizofrenia, era 60 per cento e fra il quinto con i punteggi più bassi, era soltanto 40 per cento. Cioè la gente geneticamente predisposta alla schizofrenia era all'elevato rischio sproporzionatamente per le esperienze psicotiche se egualmente avessero una cronologia di uso della cannabis.

Considerevolmente, perché molto di meno è conosciuto circa la genetica della schizofrenia in popolazioni di colore, l'analisi dello studio è stata limitata ai partecipanti bianchi auto-riferiti. “Questo studio, mentre limitato nella portata, è un passo avanti importante nella comprensione come l'uso e la genetica della cannabis possono interagire per influenzare il rischio di psicosi,„ ha aggiunto il Dott. senior Shreejoy Tripathy, scienziato indipendente dell'autore al centro di Krembil per neuroinformatica, che ha sorvegliato lo studio. “Il più che conosciamo circa la connessione fra la cannabis e psicosi, di più possiamo informare il pubblico circa i rischi potenziali di usando questa sostanza. Questa ricerca offre una finestra in un futuro dove la genetica può contribuire ad autorizzare le persone per prendere le decisioni più informate circa uso della droga.„