Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La cannabis di fumo altera le funzioni visive chiave ma molti utenti mancano della consapevolezza

Uno studio effettuato dall'università di Granada indica che fumando la cannabis significativamente altera le funzioni visive chiave, quale l'acuità visiva, la sensibilità di contrasto, la visione tridimensionale (stereopsis), la capacità di mettere a fuoco e sensibilità di riflesso

Tuttavia, più di 90% degli utenti credono che quello facendo uso della cannabis non abbia effetto sulla loro visione, o soltanto un leggero effetto

Un gruppo di ricercatori dal dipartimento dell'ottica dell'università di Granada (UGR) ha studiato gli effetti di fumo della cannabis sui vari parametri visivi confrontati in maniera che gli utenti stessi percepiscono la droga per avere sulla loro visione.

Questo studio, piombo dalla Carolina Ortiz Herrera e da Rosario González Anera, è stato pubblicato nei rapporti scientifici del giornale. Il suo autore principale, Sonia Ortiz Peregrina, spiega che l'uso della cannabis è sull'aumento malgrado essere una droga illegale. Secondo l'indagine nazionale sull'alcool, le droghe ed altre dipendenze in Spagna 2019-2020, uso della cannabis nazionalmente è aumentato dal 2011, con 37% degli adulti spagnoli che usando questa droga a un certo momento. Circa 10% la ha consumata nell'anno scorso.

In questo studio, che ha avuto l'approvazione del comitato di etica umano della ricerca del UGR (rif. 921/CCEIH/2019), una prova visiva esauriente è stata condotta su 31 utente della cannabis, entrambi quando non avevano consumato alcuna sostanza in anticipo ed egualmente quando erano nell'ambito dell'effetto della droga. I ricercatori egualmente hanno studiato la percezione dei partecipanti degli effetti visivi di consumo della questa droga.

I risultati hanno indicato che, dopo consumo, gli aspetti visivi quale l'acuità visiva, la sensibilità di contrasto, la visione tridimensionale (stereopsis), la capacità mettere a fuoco e la sensibilità di riflesso hanno peggiorato significativamente. Malgrado questo, non tutti gli oggetti hanno riferito un peggioramento della loro visione dopo il fumo della cannabis. Effettivamente, 30% ha riferito che la loro visione non aveva sofferto affatto, mentre 65% ha risposto che aveva peggiorato soltanto leggermente. Gli autori notano che il parametro visivo che potrebbe essere collegato il più forte alla percezione degli utenti dell'effetto visivo è la sensibilità di contrasto.

Lo studio ha trovato un effetto negativo su tutti parametri visivi valutati, con l'effetto della cannabis su alcuni dei parametri che sono analizzati per la prima volta in questa ricerca. Questi risultati, insieme alla mancanza di consapevolezza che i partecipanti presentati circa il danno visivo causato fumando la cannabis, indicano la necessità di effettuare le campagne di sensibilizzazione, come questo deterioramento visivo può posare il pericolo quando esegue le mansioni di ogni giorno.

Source:
Journal reference:

Ortiz-Peregrina, S., et al. (2021) Effects of cannabis on visual function and self-perceived visual quality. Scientific Reports. doi.org/10.1038/s41598-021-81070-5.